Lavoro 3 Gennaio 2020

Aggressioni, l’attrice Michela Giraud testimonial della campagna #noviolenzasuglinfermieri

Un infermiere su dieci ha subito violenze sul lavoro. Il messaggio del sindacato Nursing Up: «Aiutaci a curarti»

Prosegue con il nuovo anno la campagna di sensibilizzazione del sindacato Nursing Up contro le aggressioni agli operatori sanitari: questa volta a lanciare sui social un nuovo appello è Michela Giraud, popolare volto tv di Colorado e Comedy Central, attualmente in onda nello show di Fiorello su RaiPlay. Già impegnata a combattere il malcostume degli insulti e delle molestie sessuali sul web, la comica de La Tv delle ragazze e nota Youtuber romana ha registrato un video, firmato dalla regista Carolina Ielardi, per portare all’attenzione dell’opinione pubblica il grave fenomeno delle violenze sugli infermieri.

LEGGI ANCHE: ANCORA UN’AGGRESSIONE, A SASSARI AMBULANZA A FUOCO PER UN PETARDO. FIMMG: «SIAMO IN TRINCEA»

«Nel nostro Paese – spiega nel videomessaggio Michela Giraud – un infermiere su dieci ha subito violenze sul lavoro e il 4% è stato minacciato con una pistola. Non si tratta solo di aggressioni fisiche, ma anche verbali, subendo comportamenti umilianti e mortificanti. A lanciare l’allarme è stato il sindacato degli infermieri Nursing Up, diffondendo i dati dell’indagine condotta con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per misurare a che livello di violenza siamo arrivati. Sono tremila – conclude – i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati».

«Tramite le sue parole, anche una giovane talentuosa attrice e autrice come Michela Giraud, che è seguita da migliaia di followers, vuole far sentire la sua solidarietà al personale sanitario per ciò che sta accadendo, soprattutto in un periodo di festa, durante il quale gli infermieri sono all’opera incessantemente H24, 7 giorni su 7 – commenta in una nota il sindacato Nursing Up -. Per sostenere gli infermieri in questa battaglia di civiltà e dire di no a questo odioso fenomeno in pericoloso aumento, basta andare sul sito www.nursingup.it e condividere il video della campagna con hashtag #noviolenzasuglinfermieri».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Articoli correlati
Infermiere di famiglia, De Palma: «Non limitarlo ad assistenza domiciliare». Beux: «Attenti a sovrapposizioni con assistente sanitario»
Nel corso delle audizioni in Senato, il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma chiede l’istituzione di una “Convenzione nazionale” sul modello dei medici di famiglia. Per il presidente del maxi ordine delle professioni sanitarie Alessandro Beux il territorio va rafforzato anche con altre figure professionali che garantiscano un ampio ventaglio di prestazioni, dalla riabilitazione alla diagnostica
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»
Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie
di Federica Bosco
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...