Lavoro 3 Gennaio 2020

Aggressioni, l’attrice Michela Giraud testimonial della campagna #noviolenzasuglinfermieri

Un infermiere su dieci ha subito violenze sul lavoro. Il messaggio del sindacato Nursing Up: «Aiutaci a curarti»

Prosegue con il nuovo anno la campagna di sensibilizzazione del sindacato Nursing Up contro le aggressioni agli operatori sanitari: questa volta a lanciare sui social un nuovo appello è Michela Giraud, popolare volto tv di Colorado e Comedy Central, attualmente in onda nello show di Fiorello su RaiPlay. Già impegnata a combattere il malcostume degli insulti e delle molestie sessuali sul web, la comica de La Tv delle ragazze e nota Youtuber romana ha registrato un video, firmato dalla regista Carolina Ielardi, per portare all’attenzione dell’opinione pubblica il grave fenomeno delle violenze sugli infermieri.

LEGGI ANCHE: ANCORA UN’AGGRESSIONE, A SASSARI AMBULANZA A FUOCO PER UN PETARDO. FIMMG: «SIAMO IN TRINCEA»

«Nel nostro Paese – spiega nel videomessaggio Michela Giraud – un infermiere su dieci ha subito violenze sul lavoro e il 4% è stato minacciato con una pistola. Non si tratta solo di aggressioni fisiche, ma anche verbali, subendo comportamenti umilianti e mortificanti. A lanciare l’allarme è stato il sindacato degli infermieri Nursing Up, diffondendo i dati dell’indagine condotta con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per misurare a che livello di violenza siamo arrivati. Sono tremila – conclude – i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati».

«Tramite le sue parole, anche una giovane talentuosa attrice e autrice come Michela Giraud, che è seguita da migliaia di followers, vuole far sentire la sua solidarietà al personale sanitario per ciò che sta accadendo, soprattutto in un periodo di festa, durante il quale gli infermieri sono all’opera incessantemente H24, 7 giorni su 7 – commenta in una nota il sindacato Nursing Up -. Per sostenere gli infermieri in questa battaglia di civiltà e dire di no a questo odioso fenomeno in pericoloso aumento, basta andare sul sito www.nursingup.it e condividere il video della campagna con hashtag #noviolenzasuglinfermieri».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Articoli correlati
Coronavirus, Nursing Up a Sileri: «Autorizzate gli infermieri a fare il tampone orale o Drive Thru»
Si fanno pochi test per il personale sanitario, tra cui si contano 6.205 contagiati, e monta la rabbia degli infermieri impegnati in trincea contro il Coronavirus, che avrebbero diritto a controlli continui per sentirsi meno a rischio e svolgere con serenità i loro compiti di presa in carico e cura dei pazienti. Per questo il […]
Ansia, depressione e ossessioni da coronavirus. Conte (Ordine psicologi Lazio): «Così rispondiamo alle esigenze dei cittadini»
Il nuovo servizio di consulenze psicologiche a distanza dell’Ordine degli psicologi del Lazio ha ottenuto un boom di consensi tra i cittadini. Disturbi dell'umore, solitudine, paura rispetto al futuro e incertezza: ecco le richieste più frequenti
«Proviamo rabbia, stanchezza, delusione e paura». Lettere di tre infermiere ai tempi del Coronavirus
«Covid-19 è l’ennesimo squalo di turno a cui dare in pasto gli infermieri come carne da macello. Non saranno le ore interminabili di lavoro o l’impossibilità di bere o di andare in bagno durante il turno ad ucciderci, ma la superficialità delle Istituzioni»
Coronavirus, Batani (Nursing Up Emilia Romagna): «Siamo soldati che vanno in guerra con le armi spuntate»
«Le persone che entrano in questi reparti vengono chiusi in una stanza senza niente e senza la possibilità di salutare i familiari. Il picco non è ancora stato raggiunto e l’età media si sta abbassando»
Coronavirus, sindacati medici diffidano aziende sanitarie: «Fornire necessari DPI per garantire incolumità o iniziative legali»
L'intersindacale della dirigenza medica e sanitaria chiede di rispettare le leggi sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Dello stesso avviso anche il sindacato degli infermieri Nursing Up: «Diffidiamo Conte, i ministri Speranza e Dadone e tutti i governatori delle Regioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...