Lavoro 18 Febbraio 2020

Aggressioni in corsia, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Fondamentale che le Aziende si costituiscano parte civile al fianco dei medici»

Il Segretario del sindacato spiega quanto fatto fino ad ora per contrastare un fenomeno pericoloso e in aumento. E aggiunge: «Un bene che non ci venga riconosciuto lo status di pubblico ufficiale»

«Bene che le Aziende si costituiscano parte civile al fianco dei medici aggrediti. Si tratta di una battaglia di civiltà che va combattuta con tutte le istituzioni in campo». Così Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio, sulle aggressioni che il personale sanitario continua a subire, in particolare nei Pronto Soccorso. «Abbiamo parlato con vari interlocutori – spiega ancora Cifaldi – e abbiamo trovato molta disponibilità da tutti». E sul Ddl anti-violenza, secondo Cifaldi il ruolo di pubblico ufficiale potrebbe essere un’arma a doppio taglio.

Segretario, continuano quotidianamente le aggressioni al personale sanitario. La Cisl Medici Lazio si è mossa molto. Quali sono le soluzioni che proponete?

«Ci siamo mossi molto, è vero, abbiamo cercato di portare all’attenzione dell’opinione pubblica quella che è una battaglia di civiltà. Già le aggressioni sono condannabili in quanto tali, ma quelle a medici, infermieri e personale sanitario, che sono lì per cercare di tutelare la salute di ognuno di noi, costituiscono una situazione che dovrebbe essere quantomeno attentamente valutata da tutta una serie di soggetti istituzionali. Noi ci siamo rivolti ai Prefetti del Lazio e abbiamo avuto dei riscontri favorevoli perché hanno organizzato le riunioni di convocazione dei consigli provinciali per la sicurezza. Ci siamo poi rivolti, in maniera bipartisan, ai deputati e consiglieri regionali: alcuni di loro hanno avanzato delle interrogazioni in consiglio, altri, come il presidente della Commissione Sanità, ci hanno dato la loro solidarietà concreta. Successivamente ci siamo rivolti anche ai direttori di testate giornalistiche per supportare questa campagna di stampa. Come ho avuto modo di evidenziare recentemente, nessuno ci ha mai chiesto da che parte fossimo schierati politicamente, ed anzi ci hanno dato una grandissima mano perché anche questi direttori hanno creduto molto in questa battaglia di civiltà».

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, CISL MEDICI LAZIO: «POSSIAMO RITENERCI SODDISFATTI, ACCOLTE LE NOSTRE PROPOSTE»

La politica dal canto suo si è mossa: il Ddl anti-violenza ha superato l’esame delle commissioni ma non viene riconosciuto il ruolo di pubblico ufficiale degli operatori sanitari. Dal suo punto di vista è un bene o un male?

«Qui l’opinione è strettamente personale perché anche nella mia organizzazione sindacale i pareri divergono. Per quanto mi riguarda è un bene: la qualifica di pubblico ufficiale porrebbe in carico al medico, all’infermiere e all’operatore sanitario alcune incombenze ancora più gravose rispetto a quella che è l’attività professionale quotidiana. Noi siamo già esercenti una funzione di pubblico interesse ma da qui a diventare pubblico ufficiale ce ne vuole. Il problema è un altro: molti colleghi pensano che essere pubblico ufficiale significhi ottenere in automatico delle aggravanti a carico dell’eventuale aggressore. Il rovescio della medaglia però è che in una qualsiasi altra problematica che dovesse colpire il medico, anche in quel caso ci sarebbe un aggravante».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, OK IN COMMISSIONI CAMERA AL DDL SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SANITARIO. MA NON MANCANO LE POLEMICHE…

Le Aziende invece si dovranno costituire parte civile?

«Questa è stata una nostra battaglia fin dall’inizio perché riteniamo che il patrimonio umano costituisca veramente la ricchezza dell’Azienda sanitaria. Senza ovviamente generalizzare, ma noi oggi abbiamo dei medici che possono essere anche parzialmente demotivati per situazioni di stress lavorativo, per una questione contrattuale che ha avuto tempi infiniti, oltre 10 anni. La stessa cosa vale per gli infermieri. Tra l’altro lo stipendio non è equiparato agli standard europei. Capita spesso di riempirci la bocca con frasi del tipo: “ce lo chiede l’Europa”. Evidentemente in questo caso, quando quella stessa Europa ci ha chiesto di adeguare gli stipendi, non lo abbiamo fatto. Sapere di avere l’Azienda dalla tua parte, la direzione strategica che si costituisce parte civile, significa avere un sostegno molto importante e quindi avere quel minimo di serenità in più e sapere che si sta remando tutti nella stessa direzione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Urgenti chiarimenti e rispetto obblighi di legge». Cisl Medici Lazio scrive lettera alla Regione Lazio
Luciano Cifaldi, segretario generale del sindacato Cisl Medici Lazio, richiede urgenti chiarimenti e l’invito ad ottemperare agli obblighi derivanti dal D.Lgs. 81/2008 comprensivi dell’atto di diffida  alla Regione Lazio. Di seguito, il testo. LEGGI LA LETTERA ALLA REGIONE «La Cisl medici Lazio – si legge nella lettera – chiede di verificare se presso tutte le […]
«Buona fortuna a tutti noi, medici e operatori sanitari»
Buona fortuna a tutti noi che continuiamo a stare in prima linea e non abbiamo più tempo per noi stessi e per i nostri cari, figuriamoci per vedere i meme sul telefonino
di Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio
«Mancano mascherine FFP2 e FFP3». Cisl Medici Lazio diffida l’assessore alla Sanità e il Direttore regionale Salute
Il segretario generale Luciano Cifaldi: «Sia attentamente valutata l'opportunità di effettuare tamponi a tutti coloro che siano stati in contatto con pazienti Covid-19 positivi indipendentemente dal fatto che siano sintomatici o meno»
Coronavirus, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Subiamo le conseguenze di scellerati piani di rientro. Ora se ne accorgono tutti, poi si dovrà cambiare»
«Fino al 31/12/2019 gli economisti capeggiati dal MEF sostenevano che il DM70 era il Vangelo e che i letti di terapia intensiva ed infettivi erano sovrabbondanti rispetto ai bisogni»
Cisl Medici Lazio, Cifaldi: «Nominare Commissario ad acta temporaneo per emergenza coronavirus»
«La diffusione ogni giorno incrementale ed ubiquitaria della patologia collegata al coronavirus impone una seria riflessione su come la si sta affrontando nelle strutture sanitarie italiane. Sono giorni e giorni che abbiamo lanciato l’allarme che i posti letto nelle terapie intensive non sono sufficienti ed allora tutti, partendo dagli assessori competenti per finire al management delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...