Politica 14 Febbraio 2020

Ddl aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Possiamo ritenerci soddisfatti, accolte le nostre proposte»

«Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà» scrivono in una nota Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti

«Se il testo del ddl contro la violenza sugli operatori sanitari non sarà stravolto o addolcito in Aula possiamo dichiararci soddisfatti». È il commento di Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti, all’approvazione del testo da parte delle Commissioni Giustizia e Affari Sociali.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, OK IN COMMISSIONI CAMERA AL DDL SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SANITARIO. MA NON MANCANO LE POLEMICHE…

«No alla qualifica di pubblico ufficiale a medici e personale sanitario e socio sanitario in servizio, ma sì a tutte le tutele che la qualifica di pubblico ufficiale comporta – riassumono Cifaldi e Magliozzi in una nota -. Queste alcune delle principali modifiche apportate al testo che dovrebbe essere discusso alla Camera il 21 febbraio. Le integrazioni prevedono la procedibilità di ufficio e l’inasprimento delle pene per chi commette aggressioni ai danni di medici, infermieri e del personale in servizio. Inoltre alle ASL ed alle Aziende sanitarie viene dettato l’obbligo di costituirsi parte civile».

«Il testo – aggiungono – raccoglie le proposte che la Cisl Medici aveva avanzato nelle diverse sedi istituzionali ed aveva portato alla attenzione dell’opinione pubblica con una importante campagna mediatica di informazione. Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà. I nostri iscritti che sono intervenuti con interviste e suggerimenti e ci hanno invitato a non mollare. Quei politici che hanno dato riscontro alle nostre istanze ed hanno stimolato il dibattito nelle sedi istituzionali. Quei direttori di testate giornalistiche che ci hanno ospitato nelle loro pagine senza chiederci mai quale fosse il nostro orientamento politico ed ai quali noi stessi ci siamo rivolti con fiducia e senza fare ipocriti distinguo perché era ed è una battaglia di civiltà e non servono inutili slogan divisivi» conclude il comunicato della Cisl Medici Lazio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Asl Roma 2, i dirigenti sanitari vicini allo sciopero per il taglio dei 10 minuti di pausa
Magliozzi (Cisl Medici Roma Capitale/Rieti): «Sono 5 anni che lottiamo con i colleghi del Sant'Eugenio, ora si sono uniti quelli del Pertini» 
di Vanessa Seffer
Cisl Medici Lazio: «Il Servizio sanitario regionale pubblico è stato abbandonato»
L'accusa della Cisl Medici Lazio: «Ripartenza doveva servire per riorganizzare, invece ha aperto agli acquisti da privati di tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Non dimentichiamoci della violenza mediatica contro i medici
Gentile Direttore, anche allo scrivente nella sua veste di segretario generale della Cisl Medici Lazio ovvero dell’organizzazione sindacale che più di ogni altra, e lo affermo senza timore di smentita, si è impegnata ai vari livelli istituzionali contro le aggressioni ai medici, è sfuggito un aspetto del fenomeno. Faccio mea culpa. Non c’è nei nostri […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario generale Cisl Medici Lazio
Ddl aggressioni, Cifaldi: «Occasione persa assenza obbligo aziende di costituirsi parte civile»
Alla Camera dei Deputati è saltato l’obbligo da parte delle Asl e delle aziende ospedaliere di procedere d’ufficio costituendosi parte civile nei processi che coinvolgono i medici e gli altri operatori sanitari vittime d’aggressione. LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, VIA LIBERA DALLA CAMERA: PENE PIU SEVERE E MULTE FINO A 5MILA EURO. SALTA OBBLIGO DI COSTITUZIONE PARTE […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli