Politica 14 Febbraio 2020

Ddl aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Possiamo ritenerci soddisfatti, accolte le nostre proposte»

«Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà» scrivono in una nota Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti

«Se il testo del ddl contro la violenza sugli operatori sanitari non sarà stravolto o addolcito in Aula possiamo dichiararci soddisfatti». È il commento di Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti, all’approvazione del testo da parte delle Commissioni Giustizia e Affari Sociali.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, OK IN COMMISSIONI CAMERA AL DDL SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SANITARIO. MA NON MANCANO LE POLEMICHE…

«No alla qualifica di pubblico ufficiale a medici e personale sanitario e socio sanitario in servizio, ma sì a tutte le tutele che la qualifica di pubblico ufficiale comporta – riassumono Cifaldi e Magliozzi in una nota -. Queste alcune delle principali modifiche apportate al testo che dovrebbe essere discusso alla Camera il 21 febbraio. Le integrazioni prevedono la procedibilità di ufficio e l’inasprimento delle pene per chi commette aggressioni ai danni di medici, infermieri e del personale in servizio. Inoltre alle ASL ed alle Aziende sanitarie viene dettato l’obbligo di costituirsi parte civile».

«Il testo – aggiungono – raccoglie le proposte che la Cisl Medici aveva avanzato nelle diverse sedi istituzionali ed aveva portato alla attenzione dell’opinione pubblica con una importante campagna mediatica di informazione. Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà. I nostri iscritti che sono intervenuti con interviste e suggerimenti e ci hanno invitato a non mollare. Quei politici che hanno dato riscontro alle nostre istanze ed hanno stimolato il dibattito nelle sedi istituzionali. Quei direttori di testate giornalistiche che ci hanno ospitato nelle loro pagine senza chiederci mai quale fosse il nostro orientamento politico ed ai quali noi stessi ci siamo rivolti con fiducia e senza fare ipocriti distinguo perché era ed è una battaglia di civiltà e non servono inutili slogan divisivi» conclude il comunicato della Cisl Medici Lazio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aggressioni in corsia, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Fondamentale che le Aziende si costituiscano parte civile al fianco dei medici»
Il Segretario del sindacato spiega quanto fatto fino ad ora per contrastare un fenomeno pericoloso e in aumento. E aggiunge: «Un bene che non ci venga riconosciuto lo status di pubblico ufficiale»
Ddl aggressioni, Nursing Up: «Approvazione solo un primo passo, ma inefficace a fermare l’emergenza»
«È chiaro che senza il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale al personale sanitario la norma avrà scarsa efficacia» commenta il presidente Antonio De Palma in una nota
Aggressioni, ok in commissioni Camera al Ddl sulla sicurezza del personale sanitario. Ma non mancano le polemiche…
Pene aggravate per chi causa lesioni personali gravi (da 4 a 10 anni) e gravissime (da 8 a 16 anni) al personale sanitario e socio-sanitario, ma bocciata la qualifica di pubblico ufficiale per gli operatori sanitari. Rostan (Leu): «Testo imperfetto, inefficace, insufficiente»
«Le Aziende si costituiscano parte civile contro le aggressioni»
Gentile Direttore, è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini. Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto. L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata […]
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
«Serve una campagna di informazione per fare conoscere ai cittadini i pregi del nostro sistema sanitario»
Gentile Direttore, leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in […]
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano