Lavoro 4 Agosto 2020 13:13

ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo

Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell’Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale

ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo

L’Inps e i sindacati hanno raggiunto l’intesa sull’Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale. Il medico fiscale svolgerà «un’attività convenzionale libero professionale a tempo indeterminato per tutte le funzioni di accertamento medico legale sulle assenze dal servizio per malattia dei lavoratori», si legge nel testo dell’ACN. Testo che termina con la seguente dichiarazione congiunta in riferimento alla sospensione delle attività a causa dell’emergenza Covid: «Le parti convengono sulla prioritaria necessità di individuare forme di indennizzo e/o integrazione del reddito in favore dei medici di medicina fiscale in presenza di nuove ed imprevedibili emergenze epidemiologiche e/o calamità naturali che determinino la sospensione totale delle visite mediche di controllo».

ACN MEDICINA FISCALE, CAUSE DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ

Tra le principali novità introdotte, che hanno portato nei giorni scorsi anche ad uno scontro tra alcune organizzazioni sindacali, le cause di incompatibilità con la figura del medico fiscale. In particolare, non potranno svolgere le attività previste dall’ACN medicina fiscale i medici che:

  • abbiano un rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro pubblico o privato;
  • i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e gli specialisti ambulatoriali che abbiano un incarico a tempo indeterminato, determinato o di sostituzione (a meno che le due attività siano svolte in province diverse e il medico fiscale operi su singola fascia);
  • i medici in pensione;
  • i medici che prestano la propria attività in Inps in qualità di medici convenzionati.

I COMPENSI

Il compenso ai medici fiscali è costituito da un’indennità fissa di reperibilità mensile e compensi per le visite mediche di controllo/accessi domiciliari effettuati.

Il compenso mensile, per la reperibilità su entrambe le fasce giornaliere feriali è fissato in 2.489,75 euro. Per la reperibilità su una sola fascia giornaliera è fissato in 1.244,88 euro.

Per una disponibilità, in ciascun mese dell’anno solare, su entrambe le fasce giornaliere per tutti i giorni lavorativi e due fasce di reperibilità festive, sono assegnate a ciascun medico di controllo almeno 990 visite mediche di controllo domiciliare per anno solare, pari ad una media di 90 visite al mese. Per una disponibilità, in ciascun mese dell’anno solare, su una sola fascia giornaliera per tutti i giorni lavorativi e una fascia di reperibilità festiva, sono assegnate a ciascun medico di controllo almeno 495 visite mediche di controllo domiciliare per anno solare, pari ad una media di 45 visite al mese.

Il compenso per le visite domiciliari è fissato in:

  • 25,00 euro per la visita domiciliare feriale;
  • 31,69 euro per la visita domiciliare festiva;
  • 16,97 euro per l’accesso domiciliare feriale;
  • 23,76 euro per l’accesso domiciliare festivo.

Per i percorsi effettuati per l’esecuzione di tutte le visite mediche domiciliari sono inoltre dovuti al medico, a titolo di indennizzo per i costi di carburante e l’usura del mezzo, rimborsi nella misura di un quinto del costo di un litro di benzina per chilometro percorso.

Per ciascuna fascia in cui il medico fiscale svolge attività ambulatoriale presso la sede Inps di pertinenza, è riconosciuto un compenso di 75,00 euro.

L’ASSICURAZIONE E LA PREVIDENZA

L’Inps, nel limite di 500,00 euro all’anno, rimborsa inoltre al medico convenzionato il premio di polizza assicurativa contro i rischi da responsabilità professionale e civile verso terzi e gli infortuni, subìti a causa od in occasione dell’attività professionale espletata ai sensi dell’Accordo, e per la tutela legale a copertura delle eventuali spese in caso di controversie legali penali o civili.

Ai medici fiscali, l’Inps versa il contributo previdenziale previsto dal Regolamento del Fondo della medicina convenzionata ed accreditata per la competente gestione, con quota parte a carico dell’Istituto pari al 13%, calcolato su tutti i compensi. Sono a carico del medico gli ulteriori contributi, eccedenti il 13% sui compensi, fino a concorrenza dell’aliquota complessiva stabilita dall’Enpam.

COME RICEVERE UN INCARICO

I medici della lista ad esaurimento accedono direttamente all’ACN medicina fiscale nelle loro sedi di appartenenza, a domanda, senza partecipazione a procedure selettive e a tempo indeterminato, salvo l’insorgenza di situazioni di inconferibilità o incompatibilità.

Entro 90 giorni a partire dalla entrata in vigore dell’Accordo, è pubblicato sul sito web dell’INPS un avviso pubblico nazionale, al quale potranno partecipare medici regolarmente iscritti all’albo professionale alla data di scadenza di partecipazione al bando, finalizzato alla predisposizione di graduatorie provinciali predisposte sulla base dei titoli e di una serie di criteri di valutazione elencati nel testo dell’Accordo.

Le sedi provinciali, in accordo con le esigenze dell’Istituto, individuano gli incarichi da conferire a tempo indeterminato e a tempo determinato (in caso di impossibilità ad assicurare il servizio di controllo per carenze, anche temporanee, dei medici fiscali incaricati). In caso di esigenze straordinarie, impreviste ed imprevedibile che impediscono di assicurare il servizio di controllo, l’Inps si riserva di utilizzare anche i medici di ruolo dell’Istituto e altre categorie di medici in convenzione con l’Istituto.

IL COMMENTO DI FIMMG INPS

«È un traguardo storico per i professionisti che da decenni si occupano di questa attività, giunto dopo un lungo percorso durato oltre 12 anni, realizzatosi attraverso la creazione del Polo Unico della Medicina Fiscale, fortemente voluta dalla FIMMG, nell’ambito della riforma della Pubblica Amministrazione» dichiara Alfredo Petrone, segretario nazionale del settore FIMMG INPS.

«Oggi, finalmente, nasce la nuova figura del medico fiscale, fidelizzato con l’Ente con un incarico a tempo indeterminato, tutelato, nonché dotato di tutte le competenze nell’ambito di ogni attività medico legale INPS inerente lo stato di salute del lavoratore in malattia – prosegue Petrone -. Ora auspichiamo una rapida conclusione dei passaggi necessari per la concretizzazione dell’Accordo Collettivo Nazionale, con passaggio all’attenzione e all’approvazione presso gli Organi di Controllo dell’INPS, i Ministeri competenti e la Corte dei Conti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
Vaccinazioni, Figliuolo alle Regioni: «Coinvolgere di più MMG e farmacisti». Plauso FIMMG, no dello SNAMI
Il Commissario all’emergenza ha stilato le “Linee guida per la prosecuzione della campagna vaccinale”. Anelli (FNOMCeO): «Medici pronti a contribuire di più alle vaccinazioni»
Emergenza Covid e medici vaccinatori, in quali casi scatta lo stop alla pensione?
Sul banco degli imputati l’articolo 3 bis del Dl 2 del 2021: chi ha stipulato un incarico ai sensi di questa norma rischia di vedersi bloccata la pensione. Pulci (ENPAM): «Molte persone hanno dato disponibilità sulla base di un contesto normativo in cui non c’era nessuna penalizzazione». De Matteis (SMI): «Molti si tireranno indietro, regole assurde»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM