Lavoro 21 Settembre 2021 16:09

Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»

Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»

Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»

«Abbiamo calcolato che nel 2020 e ad inizio 2021 sono saltati tra i 400 e i 500mila interventi di chirurgia generale. In totale, per tutte le specialità chirurgiche, siamo a più di un milione di operazioni rinviate». È il professor Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia (Sic) a spiegare come la chirurgia abbia pagato care le conseguenze dell’emergenza sanitaria. I cambiamenti organizzativi e l’alto rischio di contagio hanno costretto gli ospedali a modificare la programmazione, annullando molti interventi non indispensabili. Ora i chirurghi hanno ripreso a svolgere la normale attività, ma le liste di attesa si sono ovviamente allungate. E proprio per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia è stato istituito un tavolo tecnico al Ministero della salute.

«Aumentare le prestazioni chirurgiche»

«Crescono le richieste ma il personale sanitario è sempre lo stesso. Non è facile recuperare – spiega Basile ai nostri microfoni -. Una delle ipotesi è quella di poter dare un ausilio in più: assumere chirurghi a tempo determinato in modo da poter rispondere ai bisogni dei pazienti senza trascurare il lavoro quotidiano che è sempre gravoso. Già nella primavera 2021 abbiamo attivato progetti di incentivazione al personale medico, infermieristico e anestesiologico per effettuare sedute operatorie in più oltre all’orario di lavoro. Le sedute erano previste solo  per i pazienti in lista d’attesa durante la pandemia – continua -. Abbiamo recuperato un po’ ma i numeri continuano a crescere. Bisogna trovare delle soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’intervento chirurgico ad ogni paziente».

«Rafforzare la diagnostica del territorio»

Il tavolo del ministero non si è ancora concluso: si lavora per trovare varie soluzioni e rafforzare la diagnostica del territorio: «Molti pazienti non si sono recati in ospedale per paura e gli esami sono slittati– prosegue Basile -. Ci siamo trovati di fronte persone con situazioni oncologiche avanzate e spesso inoperabili. Dobbiamo aumentare le possibilità diagnostiche sul territorio per evitare che le malattie si aggravino».

E anche di questo si parlerà al 123° Congresso Sic “Il futuro della chirurgia oltre la pandemia– che si svolgerà a Catania dal 26 al 29 settembre: un prezioso momento di incontro e confronto per aggiornarsi, formarsi e parlare dei problemi post Covid-19.

La tecnologia applicata alla chirurgia

«Al congresso Sic, organizzato in presenza e con le massime precauzioni anti Covid-19 – sottolinea Basile – la discussione verterà su tutte le patologie oncologiche che tratta il chirurgo generale, anche quelle benigne che grazie alle nuove tecnologie emergenti vengono trattate con maggiore semplicità, rapidità ed efficacia».

Basile conclude specificando che il congresso sarà articolato su vari simposi e tavole rotonde. Spazio a tutte le discipline chirurgiche e ai migliori chirurghi d’Italia che porteranno la loro esperienza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa: Piemonte rivoluzione sistema presa in carico e punta ad abbatterle entro fine anno
Grazie ad un budget supplementare di 50 milioni di euro già recuperati il 45 percento dei ricoveri e il 44 percento delle prestazioni ambulatoriali arretrate. A settembre al via la fase pilota del nuovo sistema per mammografie e visite cardiologiche
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
Caldo choc, Indolfi (SIC): «Attenzione ai farmaci per cuore e ipertensione»
Prudenza e continuo controllo con il proprio medico di fiducia. Questi i consigli, per questi giorni di afa estrema che vengono dal Prof. Ciro Indolfi, Presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC). «In situazioni così particolari, non bastano gli accorgimenti di buon senso. Chi soffre di patologia legate a cuori, polmoni, reni, pressione, nonché gli anziani devono aumentare il livello di guardia, consultando il proprio specialista e, nel caso, rimodulando le terapie farmacologiche in ragione del caldo»
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
Draghi in Parlamento, governo appeso a un filo. Ringrazia gli “eroi della pandemia”
Al Senato il primo atto della verifica avviata dalla mancata fiducia del MoVimento 5 stelle e dalle dimissioni del presidente del Consiglio. Draghi ringrazia le federazioni della sanità, «una mobilitazione impossibile da ignorare», e tra i progetti da portare a termine ricorda quello delle case di comunità
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale