Salute 19 Giugno 2019 14:49

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la malpractice facendo giustizia di questi numeri impossibili»

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Medici aggrediti sia fisicamente, sia attraverso i tribunali mentre il prestigio di questa antica professione è offuscato da un rapporto con il cittadino sempre più difficile anche a causa delle carenze del Servizio Sanitario Nazionale. Questa la fotografia raccolta a Roma nel corso del convegno promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC) dal titolo “Malpractice, informazione, pubblicità ingannevole e suggestiva: un danno per il SSN”. A partecipare i rappresentanti delle Società Scientifiche Italiane della Chirurgia insieme ad esponenti del mondo della magistratura, dell’avvocatura e delle istituzioni.

«La malpractice è causa di grandi problemi che danneggiano il Sistema sanitario nazionale, – ha spiegato ai nostri microfoni Filippo La Torre, Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC) – che non riesce più a funzionare. Se non riusciamo ad assumere degli specialisti chirurghi, degli specialisti nei Pronto soccorso, il sistema sanitario nazionale ne soffre. Ne soffrono i cittadini che non riescono più ad avere le prestazioni che richiedono a questo servizio di eccellenza internazionale che rimane eccellenza internazionale nonostante questi difetti evidenti nel reclutamento di giovani e che però purtroppo ha un effetto fondamentale proprio nella carenza degli specialisti.

«Nessuno vuole fare più questo mestiere, – continua La Torre – ci sono concorsi per centinaia di posti nei vari ospedali italiani per riempire le carenze che vanno vacanti e perché nessuno vuole fare questa bellissima professione? Non lo vogliono fare perché lo considerano di altissimo rischio, magari alti costi di assicurazione, passare moltissimo tempo con gli avvocati e nei tribunali e poi rischiare anche una cosa terribile, quella dell’aggressione fisica nei pronto soccorsi, nel territorio in genere, perché manca più il rispetto del cosiddetto camice bianco che è colpevolizzabile sistematicamente».

LEGGI: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE NELLA “TOP 5” DEI CASI LEGALI CHE PREOCCUPANO I MEDICI

«La proposta è quella di modificare lo stato dell’arte con una legge che regoli la ‘malpractice’ facendo giustizia di questi numeri impossibili». I procedimenti legali sono infatti in constante aumento. Sono 35mila le azioni legali intraprese ogni anno da pazienti che denunciano presunti casi di malasanità. Eppure,  questi processi sono destinati nel 95% dei casi penali e nel 90% di quelli civili a risolversi in un nulla di fatto. «C’è un interesse, – aggiunge il presidente CIC – c’è un business formidabile che è il motivo per il quale viene offerto al paziente di adire la procedura di risarcimento a costo zero».

Un’altra possibile causa potrebbe essere legata al notevole impatto mediatico dei cosiddetti casi di “malasanita”. «Non mi piace dire di una falsa malpractice. – spiega ancora La Torre – L’errore medico esiste, non dobbiamo nasconderci dietro un dito. Non bisogna confonderlo con quello che sono le lecite complicanze. Su questo stiamo lavorando moltissimo con il risk management all’interno delle strutture sanitarie. Il problema è che non è ammissibile un numero così elevato di cause che danneggia tutti quanti, spaventa le persone, spaventa i giovani che vorrebbero fare questo mestiere, che avrebbero pure la vocazione per farlo ma che si spaventano ad accedere alle nostre scuole di specializzazione».

Articoli correlati
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P
Nel webinar organizzato da Consulcesi & Partners analizzate le principali casistiche della responsabilità civile sanitaria
Piano Nazionale Cronicità, Salutequità: «Sua attuazione lenta e a macchia di leopardo»
Il Piano Nazionale della Cronicità compie cinque anni. Salutequità: «Serve finanziamento specifico in prossima Legge di Bilancio, suo aggiornamento e una relazione del Ministero su stato di attuazione»
Attacco hacker, Ue preoccupata: «Sanità sempre più nel mirino». Danni a professionisti e pazienti
Quella che poteva sembrare una storia locale e di breve durata si sta dimostrando un problema molto più grosso che interessa anche l’Unione europea. In ballo ci sono dati sensibili, il lavoro degli operatori sanitari e la salute dei cittadini
Congresso Società Italiana di Igiene, il presidente: «Vaccinazione dovrebbe essere resa obbligatoria»
Tra i temi caldi i vaccini, il mantenimento delle misure di igiene e prevenzione, il nuovo ruolo dei Tecnici di Prevenzione e degli specialisti in Igiene e Medicina Preventiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?