Specializzazioni 2 Dicembre 2014

Specializzandi, arriva la riforma: sotto l’albero di Natale più contratti

Il Miur dovrà accorpare e ridurre le scuole. E dopo il caos test piovono ricorsi

Immagine articolo

Scuole di specializzazione ancora sotto i riflettori, protagonista principale il ministro all’Istruzione Stefania Giannini. Il suo dicastero, infatti, entro il 31 dicembre dovrà procedere al riordino delle scuole di specializzazione in Medicina.

Stando al dettato dell’articolo 15 del decreto legge 90/2014 – convertito con legge 114/2014 ad un decreto ministeriale – compito del Miur sarà accorpare le scuole di specializzazione, che da 54 dovrebbero ridursi a 40 nel 2015. Il conseguente risparmio di spesa consentirebbe l’attivazione di circa 800 contratti in più, oltre alla riformulazione dei percorsi didattici e alla riduzione dei corsi. In linea con gli standard europei, i corsi durerebbero in media quattro anni, o cinque per alcune specializzazioni, come Chirurgia. Dalla modifica saranno coinvolti i borsisti del concorso 2015 e gli specializzandi già al terzo anno. Gli specializzandi in corso dovranno scegliere tra il nuovo ordinamento e l’ordinamento previgente – secondo modalità che verranno stabilite dal decreto stesso -, mentre per coloro che iniziano l’ultimo anno di specialità nell’anno accademico 2014/2015 rimane in vigore l’ordinamento previgente.

Si preannuncia un anno di novità, insomma, per i giovani medici attualmente alle prese con i ricorsi dopo il caos dei test di accesso alla specializzazione. Portavoce delle loro istanze Consulcesi che, dopo esser scesa in piazza al fianco dei ragazzi nella protesta davanti al Miur, ora si è messa a disposizione degli OMCeO che chiedono aiuto. Un vero e proprio tour insieme agli Ordini di tutt’Italia –  inaugurato a Pisa e che ora prosegue a La Spezia – per sostenere i giovani medici nelle loro battaglie. “Il caos dei test ha creato smarrimento tra quei giovani colleghi che rappresentano il nostro futuro e quello di questa professione – commenta il presidente dell’Ordine dei Medici di La Spezia Salvatore Barbagallo – e abbiamo reputato fosse prezioso mettere a loro disposizione la consulenza professionale e qualificata di chi ha una grande esperienza e competenza in materia di tutela legale; e che da sempre è vicina alle problematiche del mondo medico, anche per i giovani, avendo già ottenuto sentenze positive dal Tar per le prove di ingresso alla Facoltà di Medicina”.  “La prossima azione collettiva partirà il 15 dicembre – annuncia l’avvocato Sara Saurini, responsabile dell’Area Legale di Consulcesi – e chi non è stato ammesso, a causa delle numerose irregolarità riscontrate durante i test per le scuole di specializzazione per il 2014, può fare ricorso e ottenere l’accesso immediato ai corsi presso il proprio ateneo e il risarcimento per il danno professionale subito”.

Per qualsiasi informazione, 350 tra avvocati e consulenti legali rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777

Articoli correlati
Medico e ingegnere, a Milano con la MedTech School si formeranno i camici bianchi del futuro
«Al termine del percorso formativo - ha specificato Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano - lo studente avrà una laurea in Medicina e Chirurgia e nello stesso tempo anche una laurea triennale in Ingegneria biomedica»
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Test medicina, Consulcesi: «Salto nel buio, previsto boom di ricorsi»
Il network legale: «Dialoghiamo con le istituzioni per un modello di accesso più meritocratico, individuando soluzioni che possano risolvere il problema delle irregolarità, anche attraverso la tecnologia Blockchain». Numerose segnalazioni allo sportello virtuale www.numerochiuso.info e su facebook e instagram
Carenza medici, ministero Salute chiede dati a Regioni. Grillo: «Al lavoro per modifiche rapide già in legge di Stabilità»
«Si tratta di una prima importante fase di ricognizione per mettere a fuoco le dimensioni del problema a livello territoriale» così la guida del dicastero
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...