Formazione 27 Luglio 2021 10:59

Università e Ssn, Gaudio (ex Rettore Sapienza): «Necessari maggiori investimenti, più territorio e paghe più alte»

Intervista ad Eugenio Gaudio, ex Rettore della Sapienza e attuale Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca per la formazione nell’area sanitaria e per i rapporti con il Servizio sanitario nazionale

Università e Ssn, Gaudio (ex Rettore Sapienza): «Necessari maggiori investimenti, più territorio e paghe più alte»

Il territorio deve tornare al centro della formazione sia degli studenti della facoltà di Medicina sia di chi frequenta le scuole di specializzazione. Ne è convinto Eugenio Gaudio, ex Rettore della Sapienza e attuale Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca per la formazione nell’area sanitaria e per i rapporti con il Servizio sanitario nazionale. «Oggi – spiega Gaudio – il medico deve essere, da un lato, uno scienziato, in quanto deve conoscere tutte le basi scientifiche delle malattie per poter curarle. Dall’altro però deve anche essere un umanista, dato che il suo rapporto con la persona curata e l’alleanza medico-paziente sono fondamentali».

Il futuro della medicina

Ma non basta, perché i camici bianchi del futuro devono essere anche «gestori capaci di amministrare e di utilizzare al meglio le risorse di un servizio sanitario che diventa sempre più costoso e tecnologico». E dunque, alla luce di tutto questo, come vanno formati i giovani che diventeranno le colonne portanti del Ssn di domani, affinché la figura del medico possa evolvere in questo modo? «È necessario – spiega Gaudio – aumentare la qualità della formazione da un punto di vista tecnologico e da un punto di vista legato al territorio e alla medicina di prossimità. Troppo spesso – continua – la formazione del giovane medico è stata incentrata principalmente sull’ospedale e sulle malattie da ricovero. Oggi, invece, è necessario puntare molto di più sulla prevenzione e sulle malattie che possono e vanno curate a casa o comunque sul territorio». Questo è, secondo l’ex Rettore della Sapienza, «il futuro della medicina», anche da un punto di vista non solo scientifico ma «culturale».

«Tutelare la salute è investimento sul futuro del Paese»

Oltre che qualitativamente la formazione medico-sanitaria in Italia necessita anche di investimenti che vadano a colmare le lacune che sono apparse così chiare in questo lungo periodo di pandemia. Ma qualcosa è già stato fatto: «In questi anni – spiega Gaudio – c’è stato un significativo aumento» dei posti nelle scuole di specializzazione, tant’è che «tra quest’anno e l’anno venturo riusciremo a recuperare quello che è stato l’imbuto formativo. Ovviamente, un servizio sanitario come il nostro ha bisogno di un numero significativo di addetti ben preparati». Ma la buona preparazione non è tutto, se non viene accompagnata da una serie di misure volte a rendere agli occhi del personale sanitario quanto più attrattiva possibile la possibilità di continuare a lavorare nel pubblico, senza che il settore privato o, peggio ancora, i servizi sanitari di altri Paesi ne approfittino per fare campagna acquisti. In questo senso, secondo Gaudio sarebbe molto utile anche avere un personale sanitario «ben pagato, soprattutto gli infermieri che sono tra i più sottopagati a livello europeo». Ci vuole dunque «un investimento, perché investire sulla salute significa investire sul futuro del nostro Paese». Questo perché «la salute dei cittadini è propedeutica a tutte le attività economiche e culturali del Paese stesso».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Test Medicina, obbligo Green Pass e mascherine FFP2. Nuove regole per la prova di quest’anno
Consulcesi: «Ogni anno il 3% degli aspiranti medici escluso per sviste e piccole irregolarità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco