Formazione 26 Luglio 2021 12:54

Nella nuova sanità servono nuove professionalità e competenze. Ecco come acquisirle

Il Master in Management delle Aziende Sanitarie di Meliusform offre un percorso formativo multidisciplinare ed esperienziale per acquisire le competenze necessarie nella sanità di domani

Nella nuova sanità servono nuove professionalità e competenze. Ecco come acquisirle

Il Sistema sanitario nazionale sta per attraversare una delle evoluzioni più importanti della sua storia. Ma non solo. È l’intero settore-salute a doversi confrontare con quello che la pandemia continua ad insegnarci. Un settore che comprende quindi non solo ospedali, Asl, IRCCS e policlinici pubblici, ma anche, solo per fare qualche esempio, aziende sanitarie private, centri di ricerca e formazione ed il variegato e complesso mondo delle strutture sanitarie e socio sanitarie gestito direttamente dagli enti ecclesiastici. Una filiera, quella della salute, in grado di offrire lavoro a quasi 2,5 milioni di persone. Parliamo di circa il 10% della forza lavoro nazionale. Ma senza nuove competenze e nuove professionalità all’interno del mondo sanitario e tra quei 2,5 milioni di persone, non c’è riforma strutturale che possa comportare quel cambiamento auspicato da tutti.

Ecco allora che arrivano in soccorso corsi di aggiornamento e master, con l’obiettivo di formare figure professionali in grado di offrire un valore aggiunto all’interno delle aziende in cui operano. Tra questi, spicca il Master in Management delle Aziende Sanitarie di Meliusform, che consente di acquisire competenze di elevato livello per poter incidere in tutti gli ambiti di lavoro delle aziende sanitarie e sociosanitarie: amministrativo, economico, sanitario, giuridico-legale, ecc.

Un Master esperienziale e interdisciplinare

Il Master Meliusform offre infatti la possibilità di confrontarsi con figure professionali in grado di privilegiare un’impronta formativa di carattere esclusivamente esperienziale più che accademico: il percorso formativo offerto infatti è ritagliato su una didattica orientata al problem solving e al decision making, diretto all’analisi di modelli e casi aziendali effettivamente sperimentati in campo sanitario. Senza dimenticare tutte le opportunità di networking che il Master Meliusform è in grado di offrire, sia sotto il profilo relazionale con gli altri allievi che direttamente con il corpo docente, sempre a disposizione per qualsiasi specifica esigenza.

Un percorso quindi interdisciplinare per non trascurare alcun aspetto operativo rilevante: vengono affrontati, nello specifico, i temi che investono la sanità pubblica e privata nel loro complesso, gli aspetti meramente amministrativo-gestionali, le tematiche fondamentali, quanto attuali, relative alla epidemiologia e alla promozione della salute, fino ad arrivare alla gestione del rischio clinico, del marketing, del sistema qualità e delle risorse umane, per concludersi con un’intera sezione dedicata alla tecnologia al servizio della sanità.

Anche i singoli moduli sono organizzati temporalmente nel rispetto di una consecutio logica appositamente studiata e mirata ad un percorso lineare ed organico nella diffusione dei suoi contenuti. Così come la faculty, composta da professionisti con esperienze eterogenee ed ultradecennali in ambito sanitario, sia nel pubblico che nel privato, garantisce i massimi livelli di professionalità.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Arrivano i nuovi bonus bebè Enpam: importi aumentati e work in progress per i papà
I sussidi bambino sono riservati ai nati nell’anno 2021 o 2022 e prevedono dei limiti di reddito familiare
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Condividere le esperienze in medicina d’urgenza. Parla il fondatore del blog Empills
Da undici anni sul blog notizie ed aggiornamenti sulla medicina d’urgenza rivolti soprattutto a medici e infermieri. Per Carlo D’Apuzzo la crisi dei Pronto soccorso nasce anche dall’organizzazione del lavoro: «Ho lavorato fino a 63 anni e fino alla fine ho continuato a fare le notti e turni disagiati di 12 ore»
di Francesco Torre
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...