Formazione 29 Settembre 2015 17:24

Test Medicina, ecco asini e primi della classe

In attesa delle graduatorie arrivano i primi risultati. Continuano le segnalazioni di irregolarità e si annunciano ricorsi a raffica

Test Medicina, ecco asini e primi della classe

Tante ingiustizie e tanti errori hanno costellato i test di accesso a Medicina 2015, anche da parte degli studenti. Più della metà dei candidati non ha raggiunto la sufficienza nella verifica “a crocette”.


Il 52% ha ottenuto un punteggio inferiore ai 20 punti su 90, facendo registrare in Italia il peggiore dei risultati da tre anni a questa parte.

Oltre 60mila le domande di iscrizione ai test, mentre a presentarsi alle prove lo scorso 8 settembre sono stati in 53.268. Di questi, 25.579 hanno totalizzato i 20 punti minimi, necessari per concorrere alla graduatoria nazionale e alla distribuzione dei posti disponibili. Ma meno della metà avrà diritto a uno dei posti negli atenei italiani fissati a 9.530 per Medicina e Chirurgia e a 792 per Odontoiatria.

I risultati dei test sono stati pubblicati in forma anonima e sono visibili sul portale www.accessoprogrammato.miur.it, ma gli aspiranti medici dovranno attendere il 7 ottobre per conoscere le graduatorie finali. I candidati hanno dovuto rispondere a 60 quesiti in 100 minuti. Il punteggio medio nazionale registrato fra gli idonei è di 30,86 su 90.

Nonostante le numerose insufficienze, il test 2015 ha comunque fatto rilevare anche i risultati migliori, almeno nella prima parte della graduatoria, rispetto alla media degli anni precedenti. Ottime le risposte alle domande di logica e matematica. Bene chimica, fisica e biologia, ma male per quasi tutti le risposte di cultura generale. Il punteggio più alto dei test di ammissione ai corsi a numero programmato si è avuto negli atenei di Torino e alla Federico II di Napoli.

Lo studente che si è classificato primo in assoluto ha totalizzato il punteggio di 80,90 punti su 90. Il miglior punteggio al test di Medicina per l’anno 2014 era stato di  80,50. Guardando i top delle classifiche di ateneo, ottimi risultati anche alla Sapienza di Roma e all’Università di Parma, dove sono stati registrati test con 80,5 punti. La più alta percentuale di candidati idonei a Padova, col 66%. Seguono l’Università Milano-Bicocca (64%) e Verona (63%).

Insomma, al di là della débâcle, ad inficiare come ogni anno la credibilità del criterio del numero chiuso, non sarebbe il livello di preparazione dei candidati, quanto le modalità di verifica e le irregolarità registrate. Tra etichette di assegnazione errate, mancate verifiche alla consegna delle buste, test abbandonati nei corridoi e studenti ammessi in aula in ritardo, la storia si ripete e a testimoniarlo ci sono le migliaia di segnalazioni arrivate allo sportello virtuale www.numerochiuso.info. E ancora una volta, dunque, si preannunciano ricorsi a raffica.

Articoli correlati
«Come ridurre il rischio di commettere errori quando si prescrivono farmaci»
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Errori nel test di Medicina, nuova interrogazione parlamentare: «Verificare commissioni che preparano le domande»
L’On. Rosalba Cimino (M5S): «È il momento di far venire alla luce il meccanismo attraverso il quale vengono prodotti i test di ammissione a Medicina». Il precedente del test (annullato) per entrare nella Scuola di Specializzazione in Medicina
Test Specializzazioni Mediche a Roma, la reazione dei candidati
Sono 17.400 le borse di studio a disposizione dei neolaureati in Medicina per le specializzazioni. Molti festeggiano ma non si illudono: lo stesso aumento si deve riverberare sui contratti di lavoro oppure ci sarà un nuovo imbuto formativo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco