Formazione 14 Luglio 2015

Scuole specializzazione: oltre 13mila alle prove, la metà resteranno fuori

I test di ammissione si svolgeranno dal 28 al 31 luglio: sono poco più di 6mila i posti disponibili. Ma c’è sempre l’incognita ricorsi

Sono stati ammessi (con riserva, ma è una prassi) 13.181 giovani medici alle prove di ingresso per la scuola di specializzazione di Medicina. Saranno impegnati tra il 28 ed il 31 luglio nelle 74 università italiane, che con il supporto del Ministero della Pubblica Istruzione, gestiranno il concorso. Una selezione che si preannuncia durissima: nonostante gli sforzi, l’aumento delle borse di studio è riuscito appena a superare quota 6mila. Questo significa che la metà dei partecipanti resterà fuori. Un problema che si trascina ormai da anni, ma che appare difficilmente risolvibili con i tagli che continuano ad essere imposti al comparto sanitario. Così mentre da una parte il Ssn continua a reggersi sulla coscienza e la professionalità di medici stremati da turni massacranti insostenibili e fuorilegge (come, appunto, afferma la direttiva europea 2003/88), dall’altra prosegue la fuga all’estero dei giovani.

Prima, però, vale la pena almeno fare un tentativo in Italia. Il MIUR già dai prossimi giorni renderà  disponibile un video illustrativo relativo alle procedure di riconoscimento e svolgimento dei test. Sempre nella stessa area del portale Universitaly, i candidati avranno a disposizione un simulatore che ha il solo scopo di fare  prendere confidenza con l’applicativo che verrà utilizzato durante la selezione. Per ciascun aspirante specialista anche quest’anno il massimo del punteggio attribuibile per i titoli è pari a 15 punti basati su: voto di laurea e curriculum (media degli esami sostenuti, voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti altri titoli). Lo spazio lasciato all’autocertificazione dei candidati quest’anno è stato ridotto. Secondo quanto previsto dallo stesso bando, le amministrazioni coinvolte nella procedura hanno la facoltà di accertare la veridicità delle dichiarazioni rese dai candidati in ogni fase.

Dal 28 luglio, dunque, la carica dei 13mila invaderà le università italiane. Associazioni e coordinamenti che rappresentano i giovani medici si aspettano un concorso regolato su trasparenza e meritocrazia e, possibilmente, senza il caos e le anomalie che negli ultimi anni hanno generato valanghe di ricorsi e ammissioni in sovrannumero. Già, però, durante le procedure telematiche di iscrizione alla prova di ammissione sono stati segnalati problemi tecnici con molti candidati sono infatti rimasti col dubbio di aver completato la procedura correttamente e la paura di vedersi esclusi a causa di ingiustizie puramente formali. Sotto accusa sia la formulazione del bando ambigua nella parte relativa a titoli ed esami sia il fatto che chi ha completato la registrazione in extremis non è riuscito ad allegare documenti importanti come ad esempio la ricevuta del bollettino da pagare per partecipare. L’ombra dei ricorsi sembra già aleggiare, ma prima si dovrà affrontare la prova e poi dopo la pubblicazione delle graduatorie, potrebbe essere messo tutto in discussione.

Articoli correlati
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
Numero chiuso, Monaco (FNOMCeO): «Prima di agire sul test aumentare borse di specializzazione per togliere ‘limbo’»
«È necessaria una programmazione seria concordata con la professione. Vogliamo essere consulenti gratuiti della politica». Già programmato vertice FNOMCeO - Ministero sul tema. L'intervista al segretario nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici
Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»
La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone