Formazione 27 Agosto 2019

Scuole di specializzazione, in tante senza accreditamento. Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Urgono scelte oculate»

Il dato emerge dallo studio dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e coinvolge atenei da nord a sud d’Italia. «Questo genera una fuga di camici bianchi verso l’estero. Opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università» sostiene Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia

di Federica Bosco
Immagine articolo

Sono ancora tante le Scuole di Specializzazione Medica che non hanno ottenuto l’accreditamento per il 2019. Questo il dato emerso da una ricerca svolta dall’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica – l’organo tecnico interministeriale deputato all’accreditamento e alla supervisione delle attività delle Scuole di Specializzazione Mediche – che coinvolge atenei da nord a sud dell’Italia mettendo in luce l’ennesima criticità di un sistema che fa acqua da molte parti.

I requisiti che vengono meno, nel momento in cui un istituto perde l’accreditamento, possono essere molteplici. Tra i più frequenti: spazi e laboratori non attrezzati secondo i criteri, standard assistenziali non di livello negli ospedali dove far svolgere il tirocinio, fino ad indicatori di performance dell’attività scientifica dei docenti non adeguati.

Quando si verifica una o più di queste condizioni, la scuola pur rimanendo attiva, perde l’accreditamento. Con la conseguenza che la scuola è tenuta a rilasciare il nulla osta e a consentire agli specializzandi il trasferimento presso un altro istituto della stessa tipologia, che potrà dunque accogliere gli studenti in sovrannumero.

LEGGI ANCHE: TEST SPECIALIZZAZIONI, SPERANZE E PAURE DEI GIOVANI MEDICI: «MOLTI DI NOI ANDRANNO VIA DALL’ITALIA»

In riferimento a questo, a decorrere dallo scorso 25 luglio, gli atenei devono rendere pubblico l’esito dell’accreditamento delle scuole di specializzazione. A stabilirlo la conferenza dei Rettori delle Università Italiane che ha votato all’unanimità una richiesta avanzata dalla S.I.G.M.

Se una scuola di specializzazione perde l’accreditamento perché non ha più i requisiti richiesti, automaticamente perde le borse di studio per i propri studenti. «Questo genera una fuga di camici bianchi – spiega Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia – che, nella maggior parte dei casi, si dirigono verso l’estero perché risulta essere più attraente e stimolante da un punto di vista professionale ed economico, come risulta anche dalla testimonianza di un giovane medico migrato all’estero in un articolo uscito su The Lancet».

Una emorragia dunque che sembra inarrestabile. «La carenza di medici specialisti in Italia si sta verificando fondamentalmente a livello del Sistema Sanitario Nazionale – puntualizza Mazzacane –. Le condizioni di lavoro offerte non sono attraenti né per i medici italiani, che si licenziano, prepensionano o fuggono all’estero, né per gli stranieri, che trovano offerte migliori altrove. I giovani medici italiani all’estero sono apprezzati, valorizzati e adeguatamente retribuiti, mentre in Italia incontrano molteplici ostacoli».

Le soluzioni? «Di sicuro pensare di risolvere il problema della carenza dei medici con percorsi formativi scorciatoia o aumentando il numero dei posti a Medicina o nelle scuole di Specializzazione è pura illusione e follia – rimarca il segretario Cisl medici Lombardia – sarebbe invece opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università, ma ancor prima puntare sulla formazione dei giovani investendo più risorse nella scuola perché per costruire un futuro migliore occorre partire dalle fondamenta».

Articoli correlati
Dal fascicolo sanitario elettronico alla revisione delle norme sui concorsi, Speranza detta il programma durante il question time
Alla Camera dei Deputati, tra i temi affrontati anche l'adozione definitiva del decreto sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) e l'aumento delle borse di formazione inserito nel Patto della Salute 2020 in discussione
Alleanza tra professioni in difesa del SSN: Regioni e FNOMCeO chiedono al Ministro una Conferenza nazionale
Sul tavolo dell'incontro tra Regioni e FNOMCeO, carenza di specialisti, imbuto formativo e aggressioni. Visione comune sull'esigenza di estendere a tutti i medici la possibilità di prescrivere farmaci di largo consumo destinati alla cura di malattie croniche
Carenza medici, Speranza: «Sì a valutare assunzioni ambulatoriali». Edilizia sanitaria: «Fare protocollo su sicurezza»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha partecipato alla VI edizione delle 'Giornate del lavoro' della Cgil, ha commentato la proposta del sindacato Sumai di reperire personale tra gli specialisti ambulatoriali
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Congresso Sumai, Magi: «Assumere specialisti ambulatoriali per risolvere carenza». Sileri apre: «Servono risorse»
 «Ci sono 20mila medici specialisti al di sotto dei 45 anni pronti a entrare nel Servizio sanitario nazionale ai quali si aggiungono altri 34.400 specializzandi. Nei prossimi anni andranno in pensione 52mila medici quindi, facendo i conti, tra specializzandi e specialisti si coprirebbe il turnover».  Questo uno dei passaggi centrali della relazione del Segretario generale del SUMAI Assoprof dal palco del 52° Congresso nazionale apertosi oggi a Gardone Riviera (BS)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...