Formazione 27 Agosto 2019

Scuole di specializzazione, in tante senza accreditamento. Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Urgono scelte oculate»

Il dato emerge dallo studio dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e coinvolge atenei da nord a sud d’Italia. «Questo genera una fuga di camici bianchi verso l’estero. Opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università» sostiene Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia

di Federica Bosco
Immagine articolo

Sono ancora tante le Scuole di Specializzazione Medica che non hanno ottenuto l’accreditamento per il 2019. Questo il dato emerso da una ricerca svolta dall’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica – l’organo tecnico interministeriale deputato all’accreditamento e alla supervisione delle attività delle Scuole di Specializzazione Mediche – che coinvolge atenei da nord a sud dell’Italia mettendo in luce l’ennesima criticità di un sistema che fa acqua da molte parti.

I requisiti che vengono meno, nel momento in cui un istituto perde l’accreditamento, possono essere molteplici. Tra i più frequenti: spazi e laboratori non attrezzati secondo i criteri, standard assistenziali non di livello negli ospedali dove far svolgere il tirocinio, fino ad indicatori di performance dell’attività scientifica dei docenti non adeguati.

Quando si verifica una o più di queste condizioni, la scuola pur rimanendo attiva, perde l’accreditamento. Con la conseguenza che la scuola è tenuta a rilasciare il nulla osta e a consentire agli specializzandi il trasferimento presso un altro istituto della stessa tipologia, che potrà dunque accogliere gli studenti in sovrannumero.

LEGGI ANCHE: TEST SPECIALIZZAZIONI, SPERANZE E PAURE DEI GIOVANI MEDICI: «MOLTI DI NOI ANDRANNO VIA DALL’ITALIA»

In riferimento a questo, a decorrere dallo scorso 25 luglio, gli atenei devono rendere pubblico l’esito dell’accreditamento delle scuole di specializzazione. A stabilirlo la conferenza dei Rettori delle Università Italiane che ha votato all’unanimità una richiesta avanzata dalla S.I.G.M.

Se una scuola di specializzazione perde l’accreditamento perché non ha più i requisiti richiesti, automaticamente perde le borse di studio per i propri studenti. «Questo genera una fuga di camici bianchi – spiega Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia – che, nella maggior parte dei casi, si dirigono verso l’estero perché risulta essere più attraente e stimolante da un punto di vista professionale ed economico, come risulta anche dalla testimonianza di un giovane medico migrato all’estero in un articolo uscito su The Lancet».

Una emorragia dunque che sembra inarrestabile. «La carenza di medici specialisti in Italia si sta verificando fondamentalmente a livello del Sistema Sanitario Nazionale – puntualizza Mazzacane –. Le condizioni di lavoro offerte non sono attraenti né per i medici italiani, che si licenziano, prepensionano o fuggono all’estero, né per gli stranieri, che trovano offerte migliori altrove. I giovani medici italiani all’estero sono apprezzati, valorizzati e adeguatamente retribuiti, mentre in Italia incontrano molteplici ostacoli».

Le soluzioni? «Di sicuro pensare di risolvere il problema della carenza dei medici con percorsi formativi scorciatoia o aumentando il numero dei posti a Medicina o nelle scuole di Specializzazione è pura illusione e follia – rimarca il segretario Cisl medici Lombardia – sarebbe invece opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università, ma ancor prima puntare sulla formazione dei giovani investendo più risorse nella scuola perché per costruire un futuro migliore occorre partire dalle fondamenta».

Articoli correlati
Covid-19, on line la prima collana formativa. Zucchiatti (Sanità in-Formazione): «Nozioni fondamentali per prevenire il contagio»
Consulcesi, attraverso il provider, ha realizzato una raccolta di materiale formativo indirizzato a tutti i professionisti sanitari: «I corsi ECM FAD della collana Covid-19 sono costruiti sulla base delle evidenze scientifiche attualmente disponibili e delle fonti ufficiali di informazione e aggiornamento»
Specializzazioni, interrogazione Boldrini-Iori (Pd): «Urgente definire risorse per borse». Manai: «Obiettivo una borsa per laureato»
«In questi anni sono state stanziate risorse per far fronte a questa esigenza, ma mai in maniera esaustiva. Chiediamo di fare chiarezza sui fabbisogni», sottolineano le senatrici dem rivolgendosi ai ministri Speranza e Manfredi
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Specializzazioni, appello alle regioni del Forum Sanità dei Giovani Democratici: «Aumentare borse per salvare SSN»
«Si stima che dal 2018 al 2025 mancheranno almeno 16500 medici specialisti, una vera e proprio emorragia che si concentra soprattutto in alcune specialità» si sottolinea nella missiva inviata ai consiglieri regionali Pd di tutta Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...