Formazione 3 Luglio 2019

Test Specializzazioni, speranze e paure dei giovani medici: «Molti di noi andranno via dall’Italia»

All’uscita dal test di ingresso alle Scuole di specializzazioni mediche gli studenti commentano la prova appena affrontata. Tra chi vuole rimanere in Italia e chi sogna una carriera all’estero, l’entusiasmo per il futuro non viene minato dall’assenza del numero definitivo di borse finanziate

Immagine articolo

Futuri chirurghi, odontoiatri, ginecologi e dermatologi, che sognano un lavoro in Italia ma che guardano, con realismo, alle opportunità che andare all’estero può offrire loro. Sono i giovani medici alle prese con il test di ingresso alle Scuole di specializzazione medica e che Sanità Informazione ha incontrato all’esame.

La prova che si è svolta martedì 2 luglio ha coinvolto 18.773 candidati. Il test è stato giudicato più difficile rispetto all’anno precedente. «Nel complesso molte nozioni, – racconta uno studente appena uscito dall’aula – forse un po’ troppe, mi aspettavo un po’ più di ragionamento clinico». Opinione condivisa tra gli esaminati. Tuttavia, le difficoltà della prova hanno lasciato il passo alle speranze. Tra i futuri specialisti c’è chi vorrebbe diventare chirurgo maxillo-facciale, chi punta alla medicina nucleare e chi ha riprovato il test una seconda volta per coronare il proprio sogno: ginecologia. I neo medici si dividono tra coloro i quali vorrebbe coltivare la propria carriera in Italia e chi, più critico, non vede un futuro nel Sistema sanitario nazionale. «Non credo ci sia qualcuno che voglia rimanere in Italia – spiega uno studente che sogna di specializzarsi in medicina d’urgenza ed entrare nell’organizzazione internazionale Medici Senza Frontiere – . Siamo abbastanza sfruttati, trattati come gli ultimi arrivati». «Mancano i chirurghi generali in Italia e si vede tanto negli ospedali», fa eco una studentessa. Perché? «Tripli turni, quadrupli turni e tanto stress anche per gli specializzandi che non dovrebbero avere responsabilità, ma alla fine ce l’hanno».

LEGGI: AUMENTO POSTI A MEDICINA, ANELLI (FNOMCEO) CHIEDE L’INTERVENTO DI CONTE: «MANCANO SPECIALISTI. IN 5 ANNI 21MILA LAUREATI FERMATI DA IMBUTO FORMATIVO»

Quest’anno il test si è svolto all’insegna delle polemiche. Il ritardo del Miur nell’indicazione del numero di borse finanziate ha generato malumore, soprattutto tra le associazioni di categoria. Al momento le borse finanziate dallo Stato dovrebbero essere 8 mila, il 30% in più rispetto al 2018, ma a queste vanno aggiunte le borse direttamente finanziate dalle Regioni. «Sono certa che il Miur pubblicherà l’elenco dei posti di specializzazione al più presto, perché il nostro non è un lavoro, ma una scelta di vita. Siete il futuro del nostro Servizio sanitario nazionale», rassicura i giovani medici il ministro della Salute Giulia Grillo attraverso un post Facebook in cui esordisce con un in bocca al lupo a tutti gli studenti impegnati nella prova.

«Vi sono vicina – continua il ministro nel video – ho vissuto anche io questo momento, so quanto è importante per chi decide di intraprendere una carriera così lunga e difficile, come quella del medico, così piena di ostacoli, purtroppo, nel nostro Paese». Ma «sono orgogliosa del lavoro fatto finora perché siamo riusciti ad aumentare le borse per le scuole di specializzazione di 1800 unità rispetto allo scorso anno che in valore assoluto è l’aumento più grande negli ultimi 3 anni; siamo riusciti anche ad aumentare le borse per la medicina generale, quindi ad arrivare a 2093 borse. Sicuramente si può e si deve fare di più, ma è un grande risultato rispetto a quello che purtroppo non è stato fatto in passato; noi in politica un po’ ci piace paragonarci ai contadini, seminiamo oggi per raccogliere domani, oggi purtroppo non posso raccogliere quello che non hanno fatto in passato ma sicuramente nei prossimi anni raccoglieremo i frutti di ciò che abbiamo fatto questo anno».

Articoli correlati
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
Governo, novità alla Salute: il nuovo ministro sarà Roberto Speranza di LeU
Il Presidente del Consiglio si è recato al Quirinale per sciogliere la riserva. Capo delegazione M5S Di Maio, mentre Franceschini guida i democratici. Nel programma si riparte dalla difesa della sanità come “bene comune”
Test Medicina, l’augurio del ministro Grillo: «Siete il nostro domani»
«Dobbiamo concretizzare un serio ripensamento delle regole per la formazione post laurea per far sì che a ogni futuro medico siano assicurate reali opportunità». Così il Ministro su Facebook augurando agli aspiranti medici «un grande futuro»
Ministero della Salute: nomi e proposte di Liberi e Uguali
I quattro senatori di Liberi e Uguali potrebbero fare la differenza in Aula, assicurando una maggioranza che senza di loro potrebbe assottigliarsi pericolosamente. Pochi ma fondamentali, a Leu potrebbe andare il Ministero della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali