Formazione 12 Ottobre 2021 13:09

Scuola in Chirurgia Robotica della Statale di Milano, in un anno raddoppiano studenti e interventi

Bilancio positivo al termine dei primi dodici mesi: 300 interventi a fine 2021, 7 nuovi esperti formati in chirurgia mininvasiva robotica e nuove applicazioni

di Federica Bosco

Sette nuovi esperti formati in chirurgia mininvasiva robotica e studenti raddoppiati: è decisamente positivo il bilancio del primo anno della Scuola di Formazione in Chirurgia Robotica della Statale di Milano, che per il nuovo corso, presentato all’Ospedale San Paolo, sede della scuola, prevede di allargare l’offerta formativa a 50 specializzandi e a studenti provenienti da altre università italiane e straniere.

«Per noi è un traguardo importante – spiega Gianvincenzo Zuccotti, Preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Statale -. Abbiamo un grado di soddisfazione elevata da parte di studenti e specializzandi da un punto di vista didattico e formativo perché permette loro di essere subito sul campo ed avere a che fare con le metodiche migliori. Dopo il polo del San Paolo contiamo di ampliare l’offerta anche al Sacco perché entrare nel mondo del lavoro avendo una conoscenza della chirurgia robotica è un plus che vogliamo dare a tutti i nostri studenti».

Scuola di Formazione in Chirurgia Robotica, trecento interventi in dodici mesi

Trecento interventi ad alta complessità entro dicembre 2021 sono un traguardo che il Direttore Generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo, Matteo Stocco, reputa un biglietto da visita importante per avere un ruolo nella sanità pubblica lombarda. «In questo momento stiamo utilizzando questa tecnica in urologia e chirurgia generale, in particolari interventi molto complessi specie del pancreas e del colon retto. Anche in ginecologia abbiamo introdotto questa metodologia che entro dicembre 2021 verrà estesa alla chirurgia toracica. I pazienti sono aumentati così come gli interventi ad alta complessità, questo grazie alla tecnologia e ai professionisti. Il bilancio, al termine di un anno di grandi investimenti resi necessari per rilanciare gli ospedali pubblici nell’area milanese, è positivo. Tecnologia e professionalità rappresentano, dunque, un binomio vincente per acquisire una identità nel panorama regionale».

Doppia console per chirurgo senior e studente

Spostandoci in sala operatoria, chirurgia robotica significa nuova tecnologia con macchinari all’avanguardia e schermi ad alta precisione. Una doppia console poco distante dal paziente rappresenta la plancia di comando da cui il chirurgo senior e lo studente guidano, su uno schermo a grandi dimensioni e con due manopole, i bracci meccanici che eseguono l’intervento. «Il vantaggio di questa piattaforma è nella didattica – spiega Paolo Pietro Bianchi, direttore di chirurgia uno dell’Ospedale San Paolo – perché la simulazione e la possibilità di avere una doppia postazione come fosse una scuola di volo permette agli studenti di utilizzare gli strumenti insieme al chirurgo senior e questo è stimolante per loro. Sul piano della tecnologia le aziende stanno producendo nuovi macchinari ed è inevitabile che nel giro di poco tempo la chirurgia robotica avrà una grande diffusione e chi si farà trovare pronto avrà molti vantaggi»

Urologia, il robot è una realtà

«L’urologia è l’ambito in cui si utilizza con maggiore frequenza – aggiunge Bernardo Rocco, direttore dell’unità operativa complessa di urologia ASST Santi Paolo e Carlo –. Negli Stati Uniti il 100 per cento degli interventi viene fatto con questa tecnica, al San Paolo stiamo utilizzando la chirurgia robotica nell’oncologia prostatica, nel tumore del rene e anche nei casi di tumore della vescica avanzata dove è necessario togliere la vescica e fare delle ricostruzioni complesse. Gli interventi con questa tecnica al San Paolo hanno raggiunto numeri importanti tanto che, dal mio arrivo, sono stati 43 in robotica a fronte di due con modalità open e questo dà l’idea di quanto la chirurgia sia spostata verso questo approccio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»
Il Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar spiega a Sanità Informazione il ruolo importantissimo dell’aggiornamento continuo per la professione: «Ancora qualche collega non in regola ma con avvicinarsi della scadenza ci sarà un rush finale»
Formazione continua, Rasi: «Doverosa per stare al passo della medicina»
«La missione e la credibilità di medici e professionisti sanitari sono troppo importanti, non possono restare indietro»
Ecm, Del Bo (Fnopo): «Formazione determinante, il dovere degli Ordini è verificare aggiornamento degli iscritti»
Il segretario della Federazione degli Ordini delle Ostetriche a Sanità Informazione: «Aggiornarsi, per un professionista, è anche un dovere etico oltre che un obbligo stabilito dalla legge. Il compito dell’Ordine è proprio quello di certificare la qualità del professionista»
La formazione all’ “americana” dell’Associazione Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri
Il presidente Caiaffa: «Per specializzandi del terzo e quarto anno e per medici chirurghi già formati si lavora sulla pratica con Boot Camp, Master Week e iniziative itineranti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?