Formazione 25 ottobre 2018

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Anelli (FNOMCeO): «Il numero di medici aggiornati è aumentato rispetto al triennio precedente»

Immagine articolo

Rivalidazione delle carriere, maggior spazio all’autoformazione e uso sempre più massiccio della Formazione a Distanza. Sono queste solo alcune delle novità relative all’Educazione Continua in Medicina previste per il prossimo anno. Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019, e il nuovo anno porterà con sé numerosi aggiustamenti ad un sistema che, nel corso della sua storia, ha già subito diverse correzioni. Il triennio formativo 2014/2016 si è infatti concluso con il 54% dei medici in regola con l’obbligo ECM. È un dato che, però, non tiene in considerazione coloro che hanno approfittato dei 365 giorni di proroga concessi per sanare il debito. Una proroga che si era resa necessaria proprio a causa del numero non elevatissimo di medici che, al 31 dicembre 2016, risultava aver raccolto tutti i 150 crediti stabiliti dalla legge.

Come detto, però, il totale dei professionisti risultati in regola alla fine dei giochi, anche grazie alla proroga, è molto elevato: «Il numero di medici aggiornati è aumentato rispetto al triennio precedente – ha commentato ai microfoni di Sanità Informazione Filippo Anelli, Presidente della FNOMCeO – ma deve crescere ancora. I presupposti per raggiungere risultati ancora più importanti ci sono».

Ed è stato proprio Anelli a porre di recente sotto i riflettori, con una lettera inviata a tutti gli Ordini provinciali, l’importanza della Formazione Continua, sottolineando come la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Conseguentemente, il 31 dicembre prossimo rappresenta il termine entro il quale i professionisti dovranno spostare – tramite il COGEAPS – i crediti maturati nell’anno solare 2017. Da gennaio scattano i controlli, quindi, e il Presidente FNOMCeO ha ribadito che gli organi che devono vigilare sull’effettivo assolvimento dell’obbligo formativo sono gli Ordini e le rispettive Federazioni nazionali, emanando, «ove previsti dalla normativa vigente, i provvedimenti di competenza in caso di mancato assolvimento di tale obbligo». Va inoltre ricordato che «la partecipazione alle attività di Formazione Continua – come scrive lo stesso Anelli nella lettera – costituisce requisito indispensabile per svolgere attività professionale in qualità di dipendente o libero professionista per conto delle aziende ospedaliere, delle università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private».

C’è comunque da dire che molti dei professionisti non in regola seguirebbero volentieri corsi di formazione. Il problema, però, è che non ne hanno il tempo. Secondo Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO, molti camici bianchi, in particolare i medici ospedalieri, non hanno tempo e modo di accedere ai corsi di formazione, in quanto la formazione fa parte dell’orario di lavoro, e in una situazione in cui la carenza di personale è ormai cronica e si fa ricorso sistematico agli straordinari, viene penalizzata sia l’attività formativa vera e propria che il diritto al riposo e alle ferie del singolo. Una soluzione però c’è: secondo Corrado Ruozi, Coordinatore Osservatorio Nazionale Qualità Agenas, la Formazione a Distanza offre grandi vantaggi, ma bisogna far attenzione alla qualità dei provider e dei corsi proposti. Non sempre, infatti, sono tali da generare un’effettiva crescita professionale del medico.

Oltre alla FAD però una soluzione per rendere più agibile il percorso formativo è quello della rivalidazione. Franco Lavalle, vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale dell’Agenas, ai nostri microfoni ha parlato della proposta della Commissione mista Centro Studi e Area Formazione della FNOMCeO che prevede una metodica attraverso cui ogni medico può dimostrare cosa ha fatto negli ultimi  anni  sia a livello professionale che curriculare, in modo da certificare le sue competenze attraverso un report contenente tutte le esperienze maturate. All’interno di questo documento verranno elencati, a titolo di esempio, lauree successive, corsi di approfondimento specifici, master di specializzazione. Insomma, esperienze formative non strettamente legate all’obbligo ECM, ma che testimoniano di una crescita professionale avvenuta.

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano