Formazione 25 Ottobre 2018

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Anelli (FNOMCeO): «Il numero di medici aggiornati è aumentato rispetto al triennio precedente»

Immagine articolo

Rivalidazione delle carriere, maggior spazio all’autoformazione e uso sempre più massiccio della Formazione a Distanza. Sono queste solo alcune delle novità relative all’Educazione Continua in Medicina previste per il prossimo anno. Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019, e il nuovo anno porterà con sé numerosi aggiustamenti ad un sistema che, nel corso della sua storia, ha già subito diverse correzioni. Il triennio formativo 2014/2016 si è infatti concluso con il 54% dei medici in regola con l’obbligo ECM. È un dato che, però, non tiene in considerazione coloro che hanno approfittato dei 365 giorni di proroga concessi per sanare il debito. Una proroga che si era resa necessaria proprio a causa del numero non elevatissimo di medici che, al 31 dicembre 2016, risultava aver raccolto tutti i 150 crediti stabiliti dalla legge.

Come detto, però, il totale dei professionisti risultati in regola alla fine dei giochi, anche grazie alla proroga, è molto elevato: «Il numero di medici aggiornati è aumentato rispetto al triennio precedente – ha commentato ai microfoni di Sanità Informazione Filippo Anelli, Presidente della FNOMCeO – ma deve crescere ancora. I presupposti per raggiungere risultati ancora più importanti ci sono».

Ed è stato proprio Anelli a porre di recente sotto i riflettori, con una lettera inviata a tutti gli Ordini provinciali, l’importanza della Formazione Continua, sottolineando come la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Conseguentemente, il 31 dicembre prossimo rappresenta il termine entro il quale i professionisti dovranno spostare – tramite il COGEAPS – i crediti maturati nell’anno solare 2017. Da gennaio scattano i controlli, quindi, e il Presidente FNOMCeO ha ribadito che gli organi che devono vigilare sull’effettivo assolvimento dell’obbligo formativo sono gli Ordini e le rispettive Federazioni nazionali, emanando, «ove previsti dalla normativa vigente, i provvedimenti di competenza in caso di mancato assolvimento di tale obbligo». Va inoltre ricordato che «la partecipazione alle attività di Formazione Continua – come scrive lo stesso Anelli nella lettera – costituisce requisito indispensabile per svolgere attività professionale in qualità di dipendente o libero professionista per conto delle aziende ospedaliere, delle università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private».

C’è comunque da dire che molti dei professionisti non in regola seguirebbero volentieri corsi di formazione. Il problema, però, è che non ne hanno il tempo. Secondo Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO, molti camici bianchi, in particolare i medici ospedalieri, non hanno tempo e modo di accedere ai corsi di formazione, in quanto la formazione fa parte dell’orario di lavoro, e in una situazione in cui la carenza di personale è ormai cronica e si fa ricorso sistematico agli straordinari, viene penalizzata sia l’attività formativa vera e propria che il diritto al riposo e alle ferie del singolo. Una soluzione però c’è: secondo Corrado Ruozi, Coordinatore Osservatorio Nazionale Qualità Agenas, la Formazione a Distanza offre grandi vantaggi, ma bisogna far attenzione alla qualità dei provider e dei corsi proposti. Non sempre, infatti, sono tali da generare un’effettiva crescita professionale del medico.

Oltre alla FAD però una soluzione per rendere più agibile il percorso formativo è quello della rivalidazione. Franco Lavalle, vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale dell’Agenas, ai nostri microfoni ha parlato della proposta della Commissione mista Centro Studi e Area Formazione della FNOMCeO che prevede una metodica attraverso cui ogni medico può dimostrare cosa ha fatto negli ultimi  anni  sia a livello professionale che curriculare, in modo da certificare le sue competenze attraverso un report contenente tutte le esperienze maturate. All’interno di questo documento verranno elencati, a titolo di esempio, lauree successive, corsi di approfondimento specifici, master di specializzazione. Insomma, esperienze formative non strettamente legate all’obbligo ECM, ma che testimoniano di una crescita professionale avvenuta.

Articoli correlati
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili
Il corso "Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone