Formazione 18 Settembre 2019

Test Medicina, a Napoli i genitori dicono no al numero chiuso e si battono per la meritocrazia

A minare la fiducia nell’attuale sistema selettivo sono le numerose irregolarità presenti ogni anno. La parola al consulente legale: «Entro 60 giorni è possibile fare ricorso al TAR e rientrare in graduatoria»

Immagine articolo

All’indomani della pubblicazione della graduatoria anonima, per migliaia di studenti è questa l’ora più agitata tra speranze e timori. Si scorre la tabella, ci si cerca in quei numeri che nascondo giorni di studio e sogni del cassetto. A fianco a loro, davanti a un pc o ad un cellullare, madri e padri condividono le frustrazioni dell’attesa. Proprio i genitori che accompagnano i giovani studenti ai test di Medicina sono un universo a parte. Tengono la mano ai loro ragazzi, sorridono, sdrammatizzano, ascoltano ripetere un’ultima volta prima dell’ingresso in aula formule chimiche, premi Nobel, poeti contemporanei e teoremi geometrici. Hanno il gravoso compito di esorcizzare, nel momento di massima tensione. Sono in preda ad emozioni spesso contrastanti che cercano di dissimulare: da un lato la voglia di vedere i propri figli “spiccare il volo” e realizzare il sogno di una vita, dall’altro la paura che questo sogno si infranga contro il muro del numero chiuso e delle irregolarità. Sanità Informazione ha cercato di dar voce anche alle loro sensazioni a Napoli, presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, sede dei test di accesso a Medicina e Chirurgia 2019.

«Mi sento piuttosto rassegnata – ammette una mamma trincerata dietro un paio di occhiali scuri forse per nascondere la notte insonne e le preoccupazioni – e credo ci siano delle alternative più valide rispetto al criterio del numero chiuso. Bisogna dare a tutti i ragazzi la possibilità di frequentare liberamente le facoltà prescelte. Si possono sicuramente trovare degli escamotage per poter far fronte, ad esempio alla carenza di aule».

«Speriamo che oggi vada bene, non solo a mio figlio, ma a tutti i ragazzi» è il bell’augurio del papà di Pasquale, che dalla provincia alle prime luci dell’alba si è messo in auto per essere qui in netto anticipo. «Se mancano i medici, forse sarebbe meglio sbloccarlo ‘sto numero chiuso, o almeno aumentare gli accessi».

«Siamo agitati e forse, a questo punto, confidiamo più nella fortuna che in altro» ammette un’altra mamma. E alla domanda se il numero chiuso possa essere considerato ancora un valido criterio, la signora non si espone ma i suoi sguardi la dicono lunga. A prendere la parola è il marito: «Meritocrazia. Questo dovrebbe essere l’unico criterio. Ricorsi per eventuali irregolarità? Non vogliamo pensarci ancora, viviamo alla giornata».

E sono in molti però a pensarci ogni anno, dopo aver riscontrato anomalie e irregolarità che hanno impedito ai loro figli di poter accedere al corso di studi in Medicina, e a fare effettivamente ricorso per poter ottenere l’agognata iscrizione al corso di laurea.

Ma quali sono le irregolarità più frequenti? Lo abbiamo chiesto all’avvocato Andrea Alecce, consulente Consulcesi, società da anni in prima linea nel supportare gli studenti in questo tipo di controversie. «Ogni anno vengono riscontrate moltissime irregolarità, ad esempio in merito alle risposte che sono spesso errate, dubbie o “non originali” cioè copiate dai libri di testo utilizzati per la preparazione dell’esame. Ci sono poi irregolarità in merito allo svolgimento del test stesso, cioè la presenza e l’utilizzo di cellulari, la violazione dell’anonimato e della segretezza dei quiz. Insomma – continua Alecce – le anomalie sono tantissime, da ultimo il caso di Palermo dove quest’anno c’è stato un boom dell’acquisto di auricolari utilizzati poi per barare ai test. La presenza di noi consulenti all’interno delle sedi dei test ha lo scopo di verificare eventuali anomalie e irregolarità. Come? Principalmente – spiega – interfacciandoci con i ragazzi: sono loro infatti a darci i feedback. Se qualcuno si ritiene leso da uno scorretto svolgimento dei test può proporre direttamente ricorso al TAR mediante una richiesta sospensiva, per chiedere al giudice competente la possibilità di ammissione nell’immediatezza ed eventualmente anche l’annullamento della graduatoria».

LEGGI: DALL’AURICOLARE-SPIA AI DOCUMENTI FALSIFICATI: RECORD DI IRREGOLARITÀ AL TEST DI INGRESSO A MEDICINA

E sull’iter preciso da seguire: «In primo luogo venire ad informarci – spiega il legale – e da quel momento sarà nostra cura mettere a disposizione la nostra consulenza dettagliata. Il nostro compito è quello di indagare le irregolarità che effettivamente si sono verificate nei vari atenei. La cosa importante, nel momento in cui esca la graduatoria, è che gli interessati convalidino la loro partecipazione a questa graduatoria, in caso contrario non è possibile fare ricorso. Entro 60 giorni dalla pubblicazione della graduatoria è possibile proporre ricorso direttamente al TAR competente. I ragazzi – conclude il consulente – devono essere i primi promotori di feedback circa quello che succede nelle aule, sono loro i nostri occhi e le nostre orecchie». A supporto di genitori e studenti, Consulcesi ha messo a disposizione il portale web www.numerochiuso.info. All’interno del portale saranno, inoltre, consultabili tutte le novità inerenti il test. A loro disposizione ci sono anche 1000 consulenti consultabili gratuitamente attraverso il numero verde 800.189091.

Articoli correlati
Ex specializzandi, sentenza storica a Genova. Consulcesi: «Rimborsi fino a 100mila euro e la prescrizione non è mai iniziata»
Rimborsati oltre 11 milioni a centinaia di medici che non avevano ottenuto la giusta retribuzione negli anni di scuola post-laurea. L’Avvocato Tortorella: «Sentenza fondamentale che altri Tribunali, Corti d’Appello e Cassazione non potranno ignorare»
Coronavirus, SIGM: «Delusi dal mancato stanziamento dei fondi in ultimo decreto per formazione, ma non ci fermeremo»
Al via accordo Consulcesi- SIGM per tutela legale, assicurativa e formazione gratuita ai giovani medici. Tortorella (Pres. Consulcesi): «Più attenzione ai giovani medici, grave mancanza borse specialità in decreto Conte»
Coronavirus, Consulcesi dedica telefono rosso a sostegno psicologico e iniziative legali: «Tuteliamo chi è in prima linea»
Il numero è 800.620.525. Dopo il suicidio di una infermiera a Venezia e l’escalation di contagi tra i professionisti sanitari, l'appello ad Ordini, istituzioni e Società Scientifiche: «In campo una task force per evitare altre tragedie»
Blockchain sempre più richiesta dalle aziende, nascono nuove figure professionali dedicate
Link Campus University e Consulcesi Tech e lanciano il primo MBA in Blockchain riconosciuto da Aja Europe
Coronavirus: Consulcesi lancia campagna “Prima linea. Prima e dopo”, per dire grazie a medici e operatori sanitari
Il Presidente Tortorella: «Il grazie di oggi si traduca in piani concreti contro aggressioni, turni massacranti e carenza di personale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...