Formazione 18 Settembre 2019

Test Medicina, a Napoli i genitori dicono no al numero chiuso e si battono per la meritocrazia

A minare la fiducia nell’attuale sistema selettivo sono le numerose irregolarità presenti ogni anno. La parola al consulente legale: «Entro 60 giorni è possibile fare ricorso al TAR e rientrare in graduatoria»

Immagine articolo

All’indomani della pubblicazione della graduatoria anonima, per migliaia di studenti è questa l’ora più agitata tra speranze e timori. Si scorre la tabella, ci si cerca in quei numeri che nascondo giorni di studio e sogni del cassetto. A fianco a loro, davanti a un pc o ad un cellullare, madri e padri condividono le frustrazioni dell’attesa. Proprio i genitori che accompagnano i giovani studenti ai test di Medicina sono un universo a parte. Tengono la mano ai loro ragazzi, sorridono, sdrammatizzano, ascoltano ripetere un’ultima volta prima dell’ingresso in aula formule chimiche, premi Nobel, poeti contemporanei e teoremi geometrici. Hanno il gravoso compito di esorcizzare, nel momento di massima tensione. Sono in preda ad emozioni spesso contrastanti che cercano di dissimulare: da un lato la voglia di vedere i propri figli “spiccare il volo” e realizzare il sogno di una vita, dall’altro la paura che questo sogno si infranga contro il muro del numero chiuso e delle irregolarità. Sanità Informazione ha cercato di dar voce anche alle loro sensazioni a Napoli, presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, sede dei test di accesso a Medicina e Chirurgia 2019.

«Mi sento piuttosto rassegnata – ammette una mamma trincerata dietro un paio di occhiali scuri forse per nascondere la notte insonne e le preoccupazioni – e credo ci siano delle alternative più valide rispetto al criterio del numero chiuso. Bisogna dare a tutti i ragazzi la possibilità di frequentare liberamente le facoltà prescelte. Si possono sicuramente trovare degli escamotage per poter far fronte, ad esempio alla carenza di aule».

«Speriamo che oggi vada bene, non solo a mio figlio, ma a tutti i ragazzi» è il bell’augurio del papà di Pasquale, che dalla provincia alle prime luci dell’alba si è messo in auto per essere qui in netto anticipo. «Se mancano i medici, forse sarebbe meglio sbloccarlo ‘sto numero chiuso, o almeno aumentare gli accessi».

«Siamo agitati e forse, a questo punto, confidiamo più nella fortuna che in altro» ammette un’altra mamma. E alla domanda se il numero chiuso possa essere considerato ancora un valido criterio, la signora non si espone ma i suoi sguardi la dicono lunga. A prendere la parola è il marito: «Meritocrazia. Questo dovrebbe essere l’unico criterio. Ricorsi per eventuali irregolarità? Non vogliamo pensarci ancora, viviamo alla giornata».

E sono in molti però a pensarci ogni anno, dopo aver riscontrato anomalie e irregolarità che hanno impedito ai loro figli di poter accedere al corso di studi in Medicina, e a fare effettivamente ricorso per poter ottenere l’agognata iscrizione al corso di laurea.

Ma quali sono le irregolarità più frequenti? Lo abbiamo chiesto all’avvocato Andrea Alecce, consulente Consulcesi, società da anni in prima linea nel supportare gli studenti in questo tipo di controversie. «Ogni anno vengono riscontrate moltissime irregolarità, ad esempio in merito alle risposte che sono spesso errate, dubbie o “non originali” cioè copiate dai libri di testo utilizzati per la preparazione dell’esame. Ci sono poi irregolarità in merito allo svolgimento del test stesso, cioè la presenza e l’utilizzo di cellulari, la violazione dell’anonimato e della segretezza dei quiz. Insomma – continua Alecce – le anomalie sono tantissime, da ultimo il caso di Palermo dove quest’anno c’è stato un boom dell’acquisto di auricolari utilizzati poi per barare ai test. La presenza di noi consulenti all’interno delle sedi dei test ha lo scopo di verificare eventuali anomalie e irregolarità. Come? Principalmente – spiega – interfacciandoci con i ragazzi: sono loro infatti a darci i feedback. Se qualcuno si ritiene leso da uno scorretto svolgimento dei test può proporre direttamente ricorso al TAR mediante una richiesta sospensiva, per chiedere al giudice competente la possibilità di ammissione nell’immediatezza ed eventualmente anche l’annullamento della graduatoria».

LEGGI: DALL’AURICOLARE-SPIA AI DOCUMENTI FALSIFICATI: RECORD DI IRREGOLARITÀ AL TEST DI INGRESSO A MEDICINA

E sull’iter preciso da seguire: «In primo luogo venire ad informarci – spiega il legale – e da quel momento sarà nostra cura mettere a disposizione la nostra consulenza dettagliata. Il nostro compito è quello di indagare le irregolarità che effettivamente si sono verificate nei vari atenei. La cosa importante, nel momento in cui esca la graduatoria, è che gli interessati convalidino la loro partecipazione a questa graduatoria, in caso contrario non è possibile fare ricorso. Entro 60 giorni dalla pubblicazione della graduatoria è possibile proporre ricorso direttamente al TAR competente. I ragazzi – conclude il consulente – devono essere i primi promotori di feedback circa quello che succede nelle aule, sono loro i nostri occhi e le nostre orecchie». A supporto di genitori e studenti, Consulcesi ha messo a disposizione il portale web www.numerochiuso.info. All’interno del portale saranno, inoltre, consultabili tutte le novità inerenti il test. A loro disposizione ci sono anche 1000 consulenti consultabili gratuitamente attraverso il numero verde 800.189091.

Articoli correlati
A Roma una denuncia penale al giorno per i medici. Accertamenti tecnici preventivi in aumento
Mediazione verso il tramonto. Raffaele La Russa, Professore di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma: «Task force Consulcesi&Partners una risposta davvero completa ed affidabile per tutti i professionisti della sanità»
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
All’età di 7 anni i primi Tiktoker, lo psichiatra: «Niente psicosi, TikTok aumenta la creatività e i riflessi, ma attenti all’abuso»
I consigli dell’esperto del “Gemelli” David Martinelli nel corso online Ecm di Consulcesi Club sulle dipendenze da internet: «Usate l’app con i vostri figli per evitare la dipendenza. Poi provate ad essere sconnessi per un giorno»
Coronavirus, è psicosi: corsa alle mascherine e fuga dai ristoranti cinesi. E i medici ‘ripassano’ la lezione Ebola
Tortorella (Consulcesi): «Evitare panico e allarmismi. Creeremo task force per stanare le bufale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...