Formazione 21 aprile 2015

Obbligo ECM: il caos crediti rafforza l’importanza della formazione

Dopo la sforbiciata ai medici competenti, Ministero ed istituzioni sanitarie cercano soluzioni ribadendo la necessità dell’aggiornamento professionale

Immagine articolo

L’aprile del 2015 sarà un mese che i medici italiani non dimenticheranno facilmente.

In migliaia hanno scoperto di essere stati depennati dall’Albo da parte del Ministero, rei di non aver ottemperato, tramite il necessario raggiungimento di crediti, all’obbligo di Educazione Continua in Medicina. Roberto Carlo Rossi, presidente dell’OMCeO di Milano, ha di recente spezzato una lancia in favore dei presunti inadempienti (nel caso specifico i medici competenti), facendo notare i “ritardi degli Uffici del Ministero della Salute nel ricevere e validare le autocertificazioni relative ai corsi di aggiornamento obbligatori, previste dalla legge per la conferma dell’iscrizione nell’apposito Elenco professionale” ed invoca, sul punto, l’intervento della FNOMCeO.

Ad ogni modo, il segnale che arriva dal Ministero della Salute è una chiara espressione della volontà istituzionale di ribadire – in forma di obbligo – un onere deontologico: la formazione, elemento imprescindibile per l’esercizio della professione medica. Elemento, peraltro, che assume un’importanza ancora maggiore quando si tratta di gestire le cosiddette malattie rare: quelle che affliggono un numero relativamente esiguo di pazienti, ma che proprio per questo sono ancora poco conosciute e studiate. Ne è un esempio la sindrome di Klinefelter, la forma più frequente di ipogonadismo ipergonadotropo, sulla quale proprio nei giorni scorsi è stato incentrato un seminario formativo presso La Sapienza di Roma, con l’obiettivo di implementarne la diagnosi precoce e migliorarne la gestione clinica.

Fondamentale, inoltre, che il percorso formativo si sviluppi secondo i più elevati standard qualitativi. Un obiettivo sempre più facile – e comodo – da raggiungere grazie alla Formazione A Distanza (FAD): lo strumento che permette al professionista di formarsi e di ottemperare all’obbligo ECM ovunque si trovino, tramite pc o Ipad.

Articoli correlati
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
FNOMCeO: medici 118 in agitazione in Toscana e Puglia
Due Regioni, la Toscana e la Puglia, che non potrebbero essere più distanti – non solo geograficamente – ma che, in questi giorni, sono accomunate da analoghi attacchi a medici e infermieri. E se, in Puglia, i medici del 118 di Fimmg Emergenza hanno dichiarato da tempo lo stato di agitazione, in Toscana scende in […]
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento al conflitto di interesse?
Il conflitto d’interessi è ogni situazione nella quale un interesse secondario interferisce o potrebbe interferire con l’interesse primario consistente nell’obiettività, imparzialità, indipendenza della formazione professionale del settore della salute connessa al Programma di educazione continua in medicina (E.C.M.). Il provider non può organizzare e gestire eventi con soggetti che producono, distribuiscono, commercializzano e pubblicizzano prodotti […]
Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno
Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Anelli (FNOMCeO): «Il numero di medici aggiornati è aumentato rispetto al triennio precedente»
ECM, Ruozi (AGENAS): «Sistema positivo, FAD grande opportunità ma attenzione alla qualità dei corsi»
«Il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando alle realtà professionali portando all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione» così il coordinatore dell’Osservatorio Nazionale Formazione Continua
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...