Formazione 5 Aprile 2019

A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»

Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»

Immagine articolo

Dai treni che martedì 9 arriveranno alla stazione di Modena, scenderanno centinaia di studenti di Medicina. Da tutta Italia accorreranno al Congresso studentesco MoReMED dedicato all’innovazione e all’avanguardia nel campo della medicina, che intende promuovere la ricerca scientifica tra gli studenti.

«Chiediamo ai partecipanti di approfondire una tematica extracurriculare di loro interesse, che quindi non rientra nel loro percorso formativo – spiega a Sanità Informazione Valeria Caragli del Comitato organizzativo -. I lavori di ricerca vengono validati e approvati da un professore, e quelli selezionati dalla nostra segreteria scientifica verranno esposti alla platea».

«I lavori possono trattare qualunque tematica, purché sia di avanguardia – aggiunge Luca Silvestri -, ma gli studenti che verranno al Congresso potranno anche partecipare a workshop pratici visitando il centro di simulazione FASiM di Modena, dove sperimenteranno attività come la dissezione cerebrale, l’approccio all’emergenza o corsi di sutura».

Le esposizioni degli studenti verranno poi intervallate dagli interventi di professori di fama nazionale e internazionale, campioni olimpionici come Gregorio Paltrinieri e ospiti istituzionali come il presidente della Regione Emilia Romagna, il Sindaco di Modena, il Magnifico Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia ed il presidente della Facoltà di Medicina e Chirurgia, il dottor Francesco Paolo Maraglino del ministero della Salute ed il medico di Lampedusa Pietro Bartolo.

Una due giorni, quindi, organizzata da e per gli studenti di Medicina. Che hanno già superato il test d’ingresso ma che guardano con timore e incertezza all’accesso alla specializzazione o al corso di formazione per la Medicina generale. «Uno sbarramento e una selezione iniziale degli aspiranti medici servono – ritiene Luca, al sesto anno di Medicina – perché le università non sarebbero in grado di accogliere e organizzare lezioni frontali e tirocini per migliaia di studenti, ma mi rendo conto della difficoltà di strutturare un test in modo efficace. Ho visto che per il prossimo anno hanno aumentato le domande di cultura generale e diminuito i quesiti di logica, ma sinceramente preferivo che venisse fatto l’opposto».

«Secondo me invece – aggiunge Valeria, iscritta al quinto anno – sarebbe più utile testare maggiormente le conoscenze nelle materie scientifiche e magari valutare in minima parte anche il percorso scolastico dei ragazzi. Poi sarà il primo esame a far capire ad ogni studente se Medicina fa veramente per lui. Una scrematura quindi è naturale, e anche per questo forse il numero dei posti all’ingresso potrebbe essere aumentato, tenendo in considerazione che lungo il percorso ci saranno delle perdite fisiologiche».

Nonostante le perdite, tuttavia, gli studenti che dopo la laurea rimangono fuori dal cosiddetto ‘imbuto formativo’ sono migliaia. Le borse di studio per proseguire il percorso di formazione non sono infatti sufficienti a dare un posto a tutti i neo-medici. «Magari si potrebbe abbassare un pochino l’importo delle borse e aumentare il numero di posti – propone Luca -. Potrebbe essere una soluzione che nel breve periodo permetterebbe a più studenti di accedere alle scuole di specializzazione».

«Ma è anche assurdo – si intromette Valeria – che non venga considerato il fatto che non sempre una persona riesce a dare il meglio di sé se non fa quello in cui è più bravo. Accontentarsi della scuola in cui si riesce a entrare per dinamiche di punteggio o numero di posti, ma che non rispecchia le proprie inclinazioni, va a discapito non solo del futuro medico ma anche di tutto il Paese».

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITA’ CONTRATTI»

Articoli correlati
Si avvicina il test di Medicina 2019: «Per i ricorsi la soluzione è numerochiuso.info»
Con l’avvicinarsi del quiz tornano anche alla ribalta le irregolarità che spesso hanno dato seguito a numerosi ricorsi al TAR. In soccorso degli studenti arriva lo sportello gratuito di Consulcesi
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
La fine anticipata della legislatura potrebbe mettere a rischio anche il finanziamento del fondo sanitario che per il 2020 era di 3,5 miliardi. Rischia lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e quella sulla sanità trasparente
Numero chiuso, il Consiglio di Stato riammette cento studenti esclusi per mancanza di posti
La sentenza mette in discussione la capacità ricettiva degli Atenei. Il Presidente Consulcesi, Massimo Tortorella: «A questo punto non si può credere neanche dell’esattezza del numero dei posti stabiliti per l’anno accademico 2019/2020. Di fronte a queste continue irregolarità Consulcesi è pronta a scendere in campo per tutelare il diritto allo studio dei futuri camici bianchi»
Numero chiuso, a Ferrara record di posti. Il Rettore Zauli: «Test d’accesso da rivedere, ecco come funzionerà nostra sperimentazione»
Quattro esami del primo anno stabiliranno chi entra a Medicina e chi no. Dal 2020, se il Miur darà l’assenso, a Ferrara ci sarà un semestre propedeutico ad accesso libero e poi, in base alla media degli esami, l’accesso alla Facoltà. Il Rettore a Sanità informazione: «C’è un gran bisogno di metter mano all’accesso a Medicina»
Numero chiuso, presentato testo della riforma. Il relatore Tuzi: «Studenti dimostrino loro impegno prima di essere esclusi»
Dal 2021 previsto lo spostamento del test alla fine di un primo anno comune tra facoltà di area sanitaria (tra cui medicina, odontoiatria, biotecnologie e farmacia). Numero chiuso abrogato per le altre facoltà non sanitarie che non presentano tirocini o laboratori propedeutici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone