Formazione 24 Giugno 2020

Medici e giornalisti a scuola di comunicazione sanitaria. Il nuovo master alla Cattolica di Roma

Cicchetti (ALTEMS): «Puntiamo alla formazione di professionisti capaci di diffondere in modo semplice notizie complesse come quelle medico-scientifiche. Durante la pandemia siamo stati tutti vittime di “infodemia”»

di Isabella Faggiano

Messaggi semplici, ma completi. È questo l’obiettivo a cui dovrebbero puntare i giornalisti e, in questo particolare periodo storico, anche i medici, quotidianamente sotto i riflettori dei media. A questi professionisti ed a tutti coloro che desiderano specializzarsi in questo ambito si rivolge il Master di I livello in Comunicazione Sanitaria, promosso dall’Alta Scuola in Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) e dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED) dell’Università Cattolica.

L’emergenza Covid ha posto il tema della comunicazione al centro della buona gestione della pandemia stessa: «Negli ultimi tempi – dice Americo Cicchetti, direttore dell’ALTEMS – siamo stati tutti vittime di “infodemia”, cioè di una sovraesposizione mediatica sugli effetti, le cause e le dinamiche che si sono create intorno alla diffusione del nuovo coronavirus».

LEGGI ANCHE: COVID-19: UN DOCUFILM ECM ANTI-PSICOSI E FAKE NEWS PER MEDICI E PAZIENTI

È circolata una mole enorme di informazioni, non sempre accuratamente verificate, che ha reso difficile, a cittadini e operatori sanitari, orientarsi e individuare fonti di conoscenza certe. Da un lato, chi doveva diffondere le notizie ha avuto difficoltà a comunicarle in modo semplice, trattandosi di argomenti estremamente complessi e, dall’altro, i fruitori di queste notizie non sempre sono riusciti a comprenderle in modo completo e dettagliato.

«Per preparare questo progetto – racconta Cicchetti –  ci siamo confrontati con alcuni professionisti, protagonisti della comunicazione in questa prima fase della pandemia, per valutare cosa avrebbero rifatto allo stesso modo o cosa, invece, avrebbero evitato di ripetere». E partendo da questo confronto è stato pian piano strutturato il programma del master che sarà inaugurato nel mese di marzo del 2021: «È un master di primo livello,  rivolto a coloro che abbiano conseguito almeno una laurea triennale – sottolinea il direttore dell’ALTEMS – . Le iscrizioni sono aperte fino all’11 gennaio 2021 e potranno accedere coloro che già lavorano nel mondo della comunicazione, come giornalisti e addetti stampa, ma anche medici e professionisti sanitari o chiunque abbia un’attitudine in questo ambito».

LEGGI ANCHE: NAPOLI, LA FEDERICO II LANCIA IL MASTER IN VACCINOLOGIA. BOOM DI RICHIESTE TRA I GIOVANI MEDICI

Non solo nozioni teoriche ma anche tanta pratica. «Partiremo dalla ricostruzione dei contesti, analizzando quelli che caratterizzano il mondo della sanità nelle sue diverse articolazioni: dalla medicina clinica, alla sanità pubblica, fino all’indotto industriale. Perché – aggiunge Cicchetti – chiunque voglia impegnarsi in questo tipo di comunicazione dovrà senz’altro investire tempo, competenza e intelligenza, ma dovrà necessariamente conoscere anche gli ambienti in cui si troverà a lavorare. Contemporaneamente,  impererà ad acquisire dimestichezza con il mondo dei media vecchi e nuovi, dalla carta stampata al web».

Le lezioni, compatibilmente con le regole sulla didattica che saranno in vigore il prossimo anno, potranno essere in presenza o a distanza. «Ampio spazio sarà dato anche alla pratica – continua il direttore dell’ALTEMS -, attraverso laboratori e testimonianze, sia istituzionali che professionali, di coloro che sono già affermati nel settore della comunicazione sanitaria. L’esperienza vissuta durante la pandemia ha evidenziato anche la necessità di saper essere empatici con i fruitori delle notizie. C’è bisogno di una medicina e di una scienza più vicine alle persone comuni. In futuro dovremmo imparare a fare più attenzione alla capacità di saper trasporre gli argomenti che riguardano questo particolare ambito in una chiave semplificata. Un’esposizione semplice ma completa di quei messaggi che, provenendo dalla medicina e della scienza, possono apparire troppo complicati da comprendere. E l’obiettivo di questo master  – conclude Cicchetti – è, dunque, formare professionisti che abbiano contemporaneamente tutte queste competenze».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«I punti di forza del nostro SSN? Resilienza e formazione. Tecnologia e sostenibilità le sfide da affrontare»
L’analisi di Americo Cicchetti, direttore ALTEMS: «La gestione della pandemia ha accelerato lo sviluppo della telemedicina. In 12 settimane ideate 174 nuove soluzioni digitali, di cui solo il 30% per gestire pazienti Covid a domicilio»
di Isabella Faggiano
Relazione medico-paziente, il sociologo Trenta: «Serve formazione su medicina narrativa per evitare ‘contagio emozionale’»
Negli scenari drammatici di questa pandemia la medicina narrativa può aiutare ad evitare la ‘fusione emozionale’ in cui «ci si proietta nelle condizioni del paziente e si rischia di provare lo stesso dolore»
Come comunicare con i familiari dei pazienti ricoverati in isolamento? La guida delle Società scientifiche in prima linea
Il decalogo estratto dal Position Paper “ComuniCoViD - Come comunicare con i familiari in condizioni di completo isolamento" a cura della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva, dell'Associazione nazionale infermieri di area critica, della Società italiana cure palliative e della Società italiana medicina emergenza-urgenza
Covid-19: ecco le proposte dell’AIE per la gestione della fase 2 dell’emergenza
«Per supportare le decisioni di allentamento controllato e diversificato sul territorio delle misure di lockdown, occorre confrontare indicatori appropriati sulla forza e sulla gravità dell’epidemia con la capacità del sistema di effettuare diagnosi, identificazione e isolamento dei contatti ed erogare assistenza ai malati. Inoltre, serve l’adesione ad uno stesso metodo di descrizione dell’epidemia al fine […]
La comunicazione ai tempi del Coronavirus: dalle incoerenze dei politici alle discussioni tra esperti (non proprio rassicuranti)
L'intervista a Luigi di Gregorio, politologo all’università della Tuscia: «I media vivono di dinamiche ipercompetitive che amplificano i fenomeni di massa, ma i medici devono imparare a comunicare in un tempo senza certezze»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...