Formazione 24 Giugno 2020

Medici e giornalisti a scuola di comunicazione sanitaria. Il nuovo master alla Cattolica di Roma

Cicchetti (ALTEMS): «Puntiamo alla formazione di professionisti capaci di diffondere in modo semplice notizie complesse come quelle medico-scientifiche. Durante la pandemia siamo stati tutti vittime di “infodemia”»

di Isabella Faggiano

Messaggi semplici, ma completi. È questo l’obiettivo a cui dovrebbero puntare i giornalisti e, in questo particolare periodo storico, anche i medici, quotidianamente sotto i riflettori dei media. A questi professionisti ed a tutti coloro che desiderano specializzarsi in questo ambito si rivolge il Master di I livello in Comunicazione Sanitaria, promosso dall’Alta Scuola in Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) e dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED) dell’Università Cattolica.

L’emergenza Covid ha posto il tema della comunicazione al centro della buona gestione della pandemia stessa: «Negli ultimi tempi – dice Americo Cicchetti, direttore dell’ALTEMS – siamo stati tutti vittime di “infodemia”, cioè di una sovraesposizione mediatica sugli effetti, le cause e le dinamiche che si sono create intorno alla diffusione del nuovo coronavirus».

LEGGI ANCHE: COVID-19: UN DOCUFILM ECM ANTI-PSICOSI E FAKE NEWS PER MEDICI E PAZIENTI

È circolata una mole enorme di informazioni, non sempre accuratamente verificate, che ha reso difficile, a cittadini e operatori sanitari, orientarsi e individuare fonti di conoscenza certe. Da un lato, chi doveva diffondere le notizie ha avuto difficoltà a comunicarle in modo semplice, trattandosi di argomenti estremamente complessi e, dall’altro, i fruitori di queste notizie non sempre sono riusciti a comprenderle in modo completo e dettagliato.

«Per preparare questo progetto – racconta Cicchetti –  ci siamo confrontati con alcuni professionisti, protagonisti della comunicazione in questa prima fase della pandemia, per valutare cosa avrebbero rifatto allo stesso modo o cosa, invece, avrebbero evitato di ripetere». E partendo da questo confronto è stato pian piano strutturato il programma del master che sarà inaugurato nel mese di marzo del 2021: «È un master di primo livello,  rivolto a coloro che abbiano conseguito almeno una laurea triennale – sottolinea il direttore dell’ALTEMS – . Le iscrizioni sono aperte fino all’11 gennaio 2021 e potranno accedere coloro che già lavorano nel mondo della comunicazione, come giornalisti e addetti stampa, ma anche medici e professionisti sanitari o chiunque abbia un’attitudine in questo ambito».

LEGGI ANCHE: NAPOLI, LA FEDERICO II LANCIA IL MASTER IN VACCINOLOGIA. BOOM DI RICHIESTE TRA I GIOVANI MEDICI

Non solo nozioni teoriche ma anche tanta pratica. «Partiremo dalla ricostruzione dei contesti, analizzando quelli che caratterizzano il mondo della sanità nelle sue diverse articolazioni: dalla medicina clinica, alla sanità pubblica, fino all’indotto industriale. Perché – aggiunge Cicchetti – chiunque voglia impegnarsi in questo tipo di comunicazione dovrà senz’altro investire tempo, competenza e intelligenza, ma dovrà necessariamente conoscere anche gli ambienti in cui si troverà a lavorare. Contemporaneamente,  impererà ad acquisire dimestichezza con il mondo dei media vecchi e nuovi, dalla carta stampata al web».

Le lezioni, compatibilmente con le regole sulla didattica che saranno in vigore il prossimo anno, potranno essere in presenza o a distanza. «Ampio spazio sarà dato anche alla pratica – continua il direttore dell’ALTEMS -, attraverso laboratori e testimonianze, sia istituzionali che professionali, di coloro che sono già affermati nel settore della comunicazione sanitaria. L’esperienza vissuta durante la pandemia ha evidenziato anche la necessità di saper essere empatici con i fruitori delle notizie. C’è bisogno di una medicina e di una scienza più vicine alle persone comuni. In futuro dovremmo imparare a fare più attenzione alla capacità di saper trasporre gli argomenti che riguardano questo particolare ambito in una chiave semplificata. Un’esposizione semplice ma completa di quei messaggi che, provenendo dalla medicina e della scienza, possono apparire troppo complicati da comprendere. E l’obiettivo di questo master  – conclude Cicchetti – è, dunque, formare professionisti che abbiano contemporaneamente tutte queste competenze».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
Emergenza Covid-19: la comunicazione con la famiglia del paziente
di Livia Carullo, Infermiera
di Livia Carullo, Infermiera
Sanità pubblica e sanità privata, quale futuro per l’Italia?
Cicchetti (Altems): «Il privato si differenzi dal pubblico. Investimenti in sanità dopo il Covid? Non supereranno il 6,8-6,9% del Pil»
di Peter D'Angelo
Coronavirus, Bassi (Statale Milano): «Così la buona comunicazione giova a medico e a paziente»
Intervista alla docente di Comunicazione e relazione in medicina. La rivista Nature: «Si è aperto un nuovo canale fra clinico e pubblico, va conservato»
di Tommaso Caldarelli
«I punti di forza del nostro SSN? Resilienza e formazione. Tecnologia e sostenibilità le sfide da affrontare»
L’analisi di Americo Cicchetti, direttore ALTEMS: «La gestione della pandemia ha accelerato lo sviluppo della telemedicina. In 12 settimane ideate 174 nuove soluzioni digitali, di cui solo il 30% per gestire pazienti Covid a domicilio»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli