Formazione 24 Novembre 2020 10:17

La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’

L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo

La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’

Nelle zone rosse e arancioni della pandemia i medici si formano di più. A rivelarlo è un’indagine condotta su medici di tutta la Penisola realizzata dall’Associazione Provider Formazione nella Sanità, tra metà ottobre e metà novembre, durante la seconda ondata di coronavirus. È stato sottoposto, ad un campione di 1745 camici bianchi di tutta Italia, un questionario con 15 domande sulla utilità e efficacia della formazione professionale. Analizzando i dati, esiste un connubio tra zone maggiormente colpite dal coronavirus e l’aumentata richiesta di aggiornamento professionale medico-sanitario. Dai risultati emerge che a formarsi di più sono i medici che operano principalmente nelle regioni ‘rosse’. Ai primi posti, infatti, ci sono Lombardia, Campania, Emilia Romagna, a seguire Piemonte, Veneto e Toscana. «L’educazione continua in medicina rappresenta un pilastro fondamentale della professione medico sanitaria, come evidenziato dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Questo è risultato ancora più evidente con la pandemia che ha reso le linee guida e i vecchi protocolli non sufficienti a contrastare le nuove sfide sanitarie rendendo necessario maggiore studio e aggiornamento scientifico» – dichiara Simone Colombati Presidente Associazione Provider Formazione nella Sanità a commento dell’indagine. E a proposito del settore dei provider Ecm aggiunge: «Sono soddisfatto della capacità dell’intero comparto, che conta migliaia di provider, di aver reagito alle gravi perdite subite a causa della pandemia dimostrando di sapersi adattare alle nuove esigenze e creando un’offerta adeguata e di qualità, apprezzata dai i medici, come ha dimostrato il sondaggio».

DECOLLA LA FORMAZIONE, LA FAD E’ PROMOSSA A PIENI VOTI

La formazione migliora la produttività al lavoro per il 57% degli intervistati. Il 36% degli intervistati fa esclusivamente corsi online, tendenza in costante aumento. Il 29% mista sia a distanza che in presenza, a scegliere esclusivamente i corsi residenziali è solo il 10%. La FAD piace perché si può usufruire del servizio in qualsiasi momento, perché permette di risparmiare tempo non dovendo spostarsi fisicamente e perché consente un apprendimento personalizzato. A preferire esclusivamente la formazione residenziale sono rimasti in pochi, solo il 10%. Il 59% dei camici bianchi partecipa a più di 5 eventi formativi o corsi di formazione l’anno, mentre il 32% dai 3 ai 5 eventi formativi. Anche sulla prospettiva della FAD i medici sono ottimisti, il 75% ha dichiarato “credo che la formazione a distanza (FAD) possa avere un eccellente futuro”.

IDENTIKIT DEL MEDICO

I camici bianchi che utilizzano la formazione come strumento di apprendimento e aggiornamento sono ambosessi tra i 45 e i 65 anni, hanno competenze informatiche sufficienti o buone per l’80%, lavorano in paesi o città minori (82%) rispetto alle grandi città (18%).

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale