Formazione 4 settembre 2018

«Il numero chiuso è un terno a lotto». Gli studenti tra speranza e paura d’irregolarità. E in tanti già pensano al ricorso

Tanti aspiranti medici contestano il metodo di selezione e chiedono che lo sbarramento venga fatto più avanti e per merito. Ed anche tante mamme già si informano sulla possibilità di intraprendere un’azione legale

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

E’ arrivato il giorno – tanto temuto e tanto atteso – della prova di accesso per la Facoltà di medicina e odontoiatria. Quei 100 minuti hanno deciso il futuro di 67 mila candidati in tutta Italia, per meno di 10mila posti disponibili. Una giornata importante che sancisce l’inizio, o la fine, di una carriera professionale. «Il numero chiuso è sempre un terno a lotto, io penso che sia una grande ingiustizia, un privilegio di pochi. Chi vorrebbe, al pari di altri, intraprendere questa professione ha le gambe tagliate da questo sistema. Superare il test non significa che si sarà dei bravi medici» sostiene una delle tante mamme che ha presenziato all’Università Sapienza di Roma in attesa del figlio impegnato nella prova d’esame.

LEGGI ANCHE: MEDICINA, È IL GIORNO DEL TEST DI INGRESSO. RETTORI AL GOVERNO: «AUMENTARE POSTI FINO A 15MILA»

A partecipare infatti, oltre gli aspiranti camici bianchi, anche genitori, fratelli e amici pronti ad infondere coraggio e fiducia. Genitori e studenti, intervistati da Sanità Informazione, sono concordi nel ritenere il numero chiuso un sistema penalizzante e ingiusto perché non “misura” la reale preparazione dei ragazzi. Molti candidati suggeriscono una scrematura più avanti, a seconda dei risultati raggiunti o pensano che una “selezione” avvenga in modo del tutto naturale nel corso dei sei anni perché non tutti hanno la stoffa per diventare medico e se ne accorgono da soli, strada facendo.

Anche le associazioni e i sindacati studenteschi ribadiscono con slogan, cori e striscioni la loro contrarietà al numero chiuso, convinti che non possa rispondere alle reali ed effettive necessità del nostro Paese in cui la carenza di medici è ormai una triste realtà. In più, moltissimi studenti riconoscono nella preparazione alla prova di accesso una diseguaglianza di base: favorisce chi ha tempo, d’estate, di studiare a discapito di chi lavora, magari per permettersi di frequentare l’Università. E ancora, il quiz selettivo agevola chi ha seguito un percorso formativo scientifico rispetto a quello tecnico o classico e chi ha alle spalle maggiori possibilità economiche per prepararsi al test con corsi di formazione privati.

Inoltre, ogni anno, i futuri medici riferiscono anomalie e irregolarità nel corso delle prove; per tutti questi motivi, nel malaugurato caso in cui l’esame andasse male, genitori e figli hanno già pronto il cosiddetto piano B: il ricorso legale – grazie al quale migliaia di studenti hanno avuto la possibilità di accedere a Medicina – o un percorso alternativo per poi ritentare il famigerato test l’anno prossimo. E sperare in un esito migliore.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, CONSULCESI: «SALTO NEL BUIO, PREVISTO BOOM DI RICORSI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
Milano, Università San Raffaele: pubblicati i bandi per i Corsi di Laurea in Fisioterapia e Infermieristica
Anche Fisioterapia e Infermieristica tra i corsi di laurea della Facoltà di Medicina UniSR, i cui prossimi test d’ingresso si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019. Sarà possibile iscriversi online fino alle ore 12.00 del 20 febbraio 2019. Il test […]
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano