Formazione 4 settembre 2018

«Il numero chiuso è un terno a lotto». Gli studenti tra speranza e paura d’irregolarità. E in tanti già pensano al ricorso

Tanti aspiranti medici contestano il metodo di selezione e chiedono che lo sbarramento venga fatto più avanti e per merito. Ed anche tante mamme già si informano sulla possibilità di intraprendere un’azione legale

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

E’ arrivato il giorno – tanto temuto e tanto atteso – della prova di accesso per la Facoltà di medicina e odontoiatria. Quei 100 minuti hanno deciso il futuro di 67 mila candidati in tutta Italia, per meno di 10mila posti disponibili. Una giornata importante che sancisce l’inizio, o la fine, di una carriera professionale. «Il numero chiuso è sempre un terno a lotto, io penso che sia una grande ingiustizia, un privilegio di pochi. Chi vorrebbe, al pari di altri, intraprendere questa professione ha le gambe tagliate da questo sistema. Superare il test non significa che si sarà dei bravi medici» sostiene una delle tante mamme che ha presenziato all’Università Sapienza di Roma in attesa del figlio impegnato nella prova d’esame.

LEGGI ANCHE: MEDICINA, È IL GIORNO DEL TEST DI INGRESSO. RETTORI AL GOVERNO: «AUMENTARE POSTI FINO A 15MILA»

A partecipare infatti, oltre gli aspiranti camici bianchi, anche genitori, fratelli e amici pronti ad infondere coraggio e fiducia. Genitori e studenti, intervistati da Sanità Informazione, sono concordi nel ritenere il numero chiuso un sistema penalizzante e ingiusto perché non “misura” la reale preparazione dei ragazzi. Molti candidati suggeriscono una scrematura più avanti, a seconda dei risultati raggiunti o pensano che una “selezione” avvenga in modo del tutto naturale nel corso dei sei anni perché non tutti hanno la stoffa per diventare medico e se ne accorgono da soli, strada facendo.

Anche le associazioni e i sindacati studenteschi ribadiscono con slogan, cori e striscioni la loro contrarietà al numero chiuso, convinti che non possa rispondere alle reali ed effettive necessità del nostro Paese in cui la carenza di medici è ormai una triste realtà. In più, moltissimi studenti riconoscono nella preparazione alla prova di accesso una diseguaglianza di base: favorisce chi ha tempo, d’estate, di studiare a discapito di chi lavora, magari per permettersi di frequentare l’Università. E ancora, il quiz selettivo agevola chi ha seguito un percorso formativo scientifico rispetto a quello tecnico o classico e chi ha alle spalle maggiori possibilità economiche per prepararsi al test con corsi di formazione privati.

Inoltre, ogni anno, i futuri medici riferiscono anomalie e irregolarità nel corso delle prove; per tutti questi motivi, nel malaugurato caso in cui l’esame andasse male, genitori e figli hanno già pronto il cosiddetto piano B: il ricorso legale – grazie al quale migliaia di studenti hanno avuto la possibilità di accedere a Medicina – o un percorso alternativo per poi ritentare il famigerato test l’anno prossimo. E sperare in un esito migliore.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, CONSULCESI: «SALTO NEL BUIO, PREVISTO BOOM DI RICORSI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
Con “Dislessia 2.0” al via lo screening digitale gratuito e aperto a tutti
Prende il via oggi, 1 ottobre, giornata di apertura della European Dyslexia Awareness Week 2018, “Dislessia 2.0” la prima piattaforma in Italia che mette a disposizione di famiglie, docenti, studenti e pediatri strumenti digitali innovativi per lo screening gratuito delle difficoltà di lettura e la mappatura delle 5.000 scuole già certificate “Amiche della Dislessia”. L’iniziativa […]
Nobel per la medicina a Allison e Honjo, gli inventori dell’immunoterapia anticancro
I due scienziati hanno rivoluzionato la lotta al tumore stimolando la capacità del nostro sistema immunitario di attaccare le cellule tumorali
Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»
«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila