Formazione 31 gennaio 2018

Paura di rimanere ‘sconnessi’? «Attenzione la dipendenza può avere gravi conseguenze» il monito della Ministra Fedeli

Dal cyberbullismo alle fake news, l’uso distorto ed improprio del web preoccupa. La titolare del dicastero dell’Istruzione: «Occorre un patto educativo tra scuola, famiglie, istituzioni e media»

Immagine articolo

«Internet è uno strumento con doppia valenza: da una parte offre grandi opportunità, dall’altra l’uso eccessivo può portare a gravissime conseguenze…». È quanto afferma la Ministra dell’istruzione Valeria Fedeli, a margine dell’evento: “Crea, connetti e condividi il rispetto: un’Internet migliore comincia con te”, organizzato dal MIUR per lanciare il programma di iniziative sulla navigazione sicura. «Educare all’utilizzo del web è un dovere essenziale per ogni insegnante e genitore» ribadisce la Ministra nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione.

Quanto è importante educare ad un utilizzo di internet migliore, soprattutto quando coinvolge gli adolescenti ed i minori?

«È decisivo lavorare sull’educazione ad un uso consapevole del web: internet presenta grandi opportunità ma nasconde anche molti rischi e pericoli dietro l’angolo. È necessario formare i docenti e tutto il personale della scuola perché siano nella condizione di istruire e fornire strumenti di conoscenza e consapevolezza ai nostri ragazzi. La verità è che un utilizzo sbagliato del web (ne è un esempio il cyberbullismo) può portare, in casi estremi, alla morte. Internet è una risorsa fondamentale per i giovani che  richiede però anche accortezza per navigare senza correre rischi. La rete è un mezzo che implica una “responsabilità”, che dobbiamo prenderci tutti: la scuola ha un ruolo centrale in questo, ma dobbiamo lavorare insieme, l’educazione è fondamentale per arginare i pericoli».

STATISTICHE SULL’USO ECCESSIVO DI INTERNET


Oltre ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo, la probabilità che il web diventi una dipendenza è elevata quando se ne fa un uso scorretto: la paura è che molti ragazzi trovandosi “sconnessi” sviluppino una vera e propria fobia?

«Esiste anche questo aspetto, dobbiamo lavorare per sensibilizzare tutti ad un corretto utilizzo della rete nei tempi e modi opportuni e, soprattutto, evitare la dipendenza da questo strumento. Penso che sia giusto fornire regole di utilizzo a scuola ed anche a casa; in particolare, nel caso dei bambini, spetta ai genitori vigilare non solo sui contenuti ma anche sui tempi che trascorrono online.  I ragazzi e le ragazze vivono oggi il web come elemento di socialità: diventa un danno se, al contrario, “sottrae” il tempo ad amici e famigliari oppure sostituisce completamente il piacere di leggere o semplicemente di parlare guardandosi negli occhi. Non è un lavoro semplice, la formazione dei docenti è un aspetto fondamentale per cogliere tutti i segnali di “disagio” che non sono immediatamente visibili. Su questo tema il Patto di Corresponsabilità Educativa è fondamentale per assicurare un confronto costante tra genitori e insegnanti, sia pure con ruoli ed in contesti differenti, per una comune assunzione di responsabilità su percorsi formativi ed obiettivi».

 

Articoli correlati
Malattie croniche degli adolescenti: firmata l’alleanza per la continuità assistenziale tra Bambino Gesù e Campus Bio-Medico
Alleanza tra Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con la firma del protocollo d’intesa per la “transizione nella cura”. Un accordo di collaborazione per garantire la continuità delle cure mediche ai pazienti adolescenti dell’ospedale pediatrico romano affetti da malattie croniche di natura congenita o degenerativa oltre il termine dell’età pediatrica. Un fenomeno […]
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»
Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...