Formazione 31 Gennaio 2018

Paura di rimanere ‘sconnessi’? «Attenzione la dipendenza può avere gravi conseguenze» il monito della Ministra Fedeli

Dal cyberbullismo alle fake news, l’uso distorto ed improprio del web preoccupa. La titolare del dicastero dell’Istruzione: «Occorre un patto educativo tra scuola, famiglie, istituzioni e media»

Immagine articolo

«Internet è uno strumento con doppia valenza: da una parte offre grandi opportunità, dall’altra l’uso eccessivo può portare a gravissime conseguenze…». È quanto afferma la Ministra dell’istruzione Valeria Fedeli, a margine dell’evento: “Crea, connetti e condividi il rispetto: un’Internet migliore comincia con te”, organizzato dal MIUR per lanciare il programma di iniziative sulla navigazione sicura. «Educare all’utilizzo del web è un dovere essenziale per ogni insegnante e genitore» ribadisce la Ministra nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione.

Quanto è importante educare ad un utilizzo di internet migliore, soprattutto quando coinvolge gli adolescenti ed i minori?

«È decisivo lavorare sull’educazione ad un uso consapevole del web: internet presenta grandi opportunità ma nasconde anche molti rischi e pericoli dietro l’angolo. È necessario formare i docenti e tutto il personale della scuola perché siano nella condizione di istruire e fornire strumenti di conoscenza e consapevolezza ai nostri ragazzi. La verità è che un utilizzo sbagliato del web (ne è un esempio il cyberbullismo) può portare, in casi estremi, alla morte. Internet è una risorsa fondamentale per i giovani che  richiede però anche accortezza per navigare senza correre rischi. La rete è un mezzo che implica una “responsabilità”, che dobbiamo prenderci tutti: la scuola ha un ruolo centrale in questo, ma dobbiamo lavorare insieme, l’educazione è fondamentale per arginare i pericoli».

STATISTICHE SULL’USO ECCESSIVO DI INTERNET


Oltre ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo, la probabilità che il web diventi una dipendenza è elevata quando se ne fa un uso scorretto: la paura è che molti ragazzi trovandosi “sconnessi” sviluppino una vera e propria fobia?

«Esiste anche questo aspetto, dobbiamo lavorare per sensibilizzare tutti ad un corretto utilizzo della rete nei tempi e modi opportuni e, soprattutto, evitare la dipendenza da questo strumento. Penso che sia giusto fornire regole di utilizzo a scuola ed anche a casa; in particolare, nel caso dei bambini, spetta ai genitori vigilare non solo sui contenuti ma anche sui tempi che trascorrono online.  I ragazzi e le ragazze vivono oggi il web come elemento di socialità: diventa un danno se, al contrario, “sottrae” il tempo ad amici e famigliari oppure sostituisce completamente il piacere di leggere o semplicemente di parlare guardandosi negli occhi. Non è un lavoro semplice, la formazione dei docenti è un aspetto fondamentale per cogliere tutti i segnali di “disagio” che non sono immediatamente visibili. Su questo tema il Patto di Corresponsabilità Educativa è fondamentale per assicurare un confronto costante tra genitori e insegnanti, sia pure con ruoli ed in contesti differenti, per una comune assunzione di responsabilità su percorsi formativi ed obiettivi».

 

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»
Dal XXVI Congresso Nazionale dell'Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell'Auro, sull'aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»
“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»
Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»
ECM, nominata la nuova Commissione Nazionale per la Formazione Continua
Ad intervenire sull'argomento anche il Ministro della Salute, Giulia Grillo, ribadendo il suo impegno sul tema formazione: «Rappresenta un obiettivo della nostra legislatura e del mio mandato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...