Formazione 16 Giugno 2017

Formazione Medicina Generale: accesso all’esame senza abilitazione. Ecco cosa cambia

Cambiano le regole per iscriversi ai corsi di Medicina Generale. È quanto previsto da un decreto firmato nei giorni scorsi dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a seguito di una sentenza del TAR del Lazio

Per iscriversi all’esame di accesso ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale bisogna possedere i requisiti all’inizio del corso di formazione, e non più entro la data della presentazione della domanda di partecipazione al concorso. Quindi, via alle domande anche se non si ha ancora superato l’esame di abilitazione e non si è iscritti all’albo professionale.

È quanto previsto da un decreto firmato nei giorni scorsi dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a seguito di una sentenza del TAR del Lazio che aveva annullato la disposizione precedente, ritenendo “irragionevole” il fatto che molti neo-laureati in medicina e chirurgia non potessero accedere al concorso anche se conseguivano i requisiti necessari dopo la presentazione della domanda di partecipazione ma prima dell’inizio dei corsi.

«Tale decreto – comunica il Ministero in una nota – consente quindi a tutti i giovani medici di presentare la domanda di partecipazione al richiamato concorso, con la “riserva” di iscrizione all’albo entro la data di inizio dei corsi di formazione».

In questo modo vengono uniformati i requisiti di accesso ai corsi in medicina generale con quelli di accesso alle scuole di specializzazione, accogliendo le richieste di modifica avanzate da tempo da FNOMCeO (Federazione Nazionale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) e da altre numerose associazioni che rappresentano i giovani medici, che hanno accolto con favore la notizia: «È il primo passo verso la parificazione dei diritti tra specialità in medicina generale e lauree specialistiche e va incontro alle esigenze di un precoce inserimento dei medici più giovani nel mondo del lavoro», commenta Silvestro Scotti, Segretario Nazionale della FIMMG.

«Un’altra azione necessaria – prosegue Scotti – è quella di definire anche lo spostamento della data del concorso per l’accesso al corso in medicina generale, che deve essere tenuto contemporaneamente al concorso per la specialistica per evitare la perdita di posti del corso di formazione, come già accaduto negli anni scorsi, con la conseguente riduzione del numero di professionisti formati in medicina generale, la perdita delle borse di studio non assegnate e il ritardo nell’avvio delle attività didattiche».

Non d’accordo su quest’ultimo punto, e quindi sulla modifica della data di concorso per farlo coincidere con il test d’ammissione alle scuole di specializzazione, lo SMI (Sindacato Medici Italiani). «Se il giovane collega venisse posto di fronte ad un bivio tra scegliere il corso di formazione in medicina generale, che non è una specializzazione a differenza del resto d’Europa, o il concorso per l’accesso alle specializzazioni mediche, pare ovvio che sceglierebbe la seconda possibilità, mettendo da parte anche la sua vocazione, per diversi motivi», specifica il Sindacato in una nota: «Per una questione statistica: il concorso per le specializzazioni mediche permette la probabilità di ingresso in più di una scuola a differenza del concorso per il corso di formazione in medicina generale; l’accesso alle specializzazioni mediche pone il giovane medico in una situazione economica e di tutela migliore rispetto al collega del corso di formazione in medicina generale, basta pensare alla differenza di retribuzione mensile, al pagamento della quota B dell’ENPAM, al pagamento di quota IRPEF e IRAP e al diritto di maternità».

Corale invece la richiesta al Ministero di comunicare presto alle Regioni l’iter da seguire per riaprire i termini entro cui presentare la domanda di partecipazione e permettere quindi a tutti i neo medici di iscriversi alla prova d’accesso ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale.

Articoli correlati
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Congresso SMI, Pina Onotri: «Continua battaglia per la riforma della formazione in medicina generale»
Salgono a sette le donne presenti nell’ Esecutivo Nazionale con incarichi chiave e di responsabilità
Emergenza-urgenza, CIMO-FESMED al ministro Grillo: «Necessario tavolo per migliorare procedure di assistenza»
Il Presidente federale Guido Quici: «La presenza di un medico sui mezzi di soccorso avanzato è fondamentale. La carenza di medici non sia una scusa»
Reperibilità, aggressioni, incertezza: la difficile vita del medico fiscale “rider” della sanità
Il Presidente Inps Pasquale Tridico ha già iniziato ad incontrare i sindacati. Le rivendicazioni della responsabile Medici Fiscali del Sindacato medici Italiani: «Tutele degli infortuni, tempo indeterminato, malattia sotto i 30 giorni». Retribuzioni ferme al 2008
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...