Formazione 18 Dicembre 2018

Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»

Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Dovere e opportunità. È il binomio che più spesso, nel corso della due giorni dedicata alla formazione ECM organizzata dall’Agenas, è stato utilizzato per descrivere l’aggiornamento continuo dei professionisti sanitari. Ed è un’immagine su cui si è focalizzata anche Rossana Ugenti, direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio sanitario nazionale presso il ministero della Salute, che ai nostri microfoni ha posto poi l’accento sulla formazione continua dei nuovi professionisti sanitari. Di quelle figure, cioè, che la Legge Lorenzin ha fatto rientrare nella categoria delle professioni sanitarie, a iniziare da fisici, chimici e biologi: «Anche per queste professioni – ha detto la dottoressa Ugenti – la formazione avverrà sempre nell’ambito dell’educazione continua del settore salute, pur essendo consapevoli delle loro specificità».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE ECM, BOVENGA (COGEAPS): «NUMERI IN AUMENTO RISPETTO A TRIENNI PRECEDENTI. FAD SUPERERÀ LA RESIDENZIALE»

Dottoressa, la formazione continua è ormai un bagaglio acquisito per i medici, ma è uno scenario abbastanza nuovo, invece, per tutte le nuove professioni sanitarie.

«La formazione continua nel settore salute ha riguardato da sempre non solo i medici ma tutti i professionisti sanitari. Una platea che, con la Legge 3 del 2018, si è estesa e che ora comprende nuove professioni sanitarie. La Commissione nazionale per la formazione continua ha lavorato in questi mesi con i rappresentanti di questi professionisti per individuare degli obiettivi specifici che tengano conto delle specificità di questi ambiti lavorativi e che possano aiutarli a sviluppare ancora di più le loro conoscenze nel settore della salute. Una formazione che, quindi, consenta loro di stare al passo con i tempi e le nuove tecnologie, per affrontare le sfide del nostro sistema sanitario».

Tra l’altro anche per i medici in questi anni si è cercato di andare sempre più verso una formazione che sposi l’attività professionale.

«Senz’altro. Bisogna tener conto anche di questo e, nella logica della formazione continua, vedere quali sono le attività e le competenze su cui lavorare. È questo infatti l’obiettivo della rivalidazione, uno scenario di cui ci stiamo iniziando ad occupare e su cui sicuramente l’ECM si incamminerà».

Per concludere, lei ricordava ai professionisti che la formazione è un dovere professionale, ma anche un diritto e un’opportunità.

«Assolutamente. È un diritto e un dovere, ma è soprattutto un’opportunità e un principio della professione, quindi invitiamo tutti i medici e gli operatori sanitari ad adempiere a questo principio».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI È ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Articoli correlati
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid-19, on line la prima collana formativa. Zucchiatti (Sanità in-Formazione): «Nozioni fondamentali per prevenire il contagio»
Consulcesi, attraverso il provider, ha realizzato una raccolta di materiale formativo indirizzato a tutti i professionisti sanitari: «I corsi ECM FAD della collana Covid-19 sono costruiti sulla base delle evidenze scientifiche attualmente disponibili e delle fonti ufficiali di informazione e aggiornamento»
Covid-19, come è stata affrontata la pandemia in Cina? I manuali di Wuhan diventano un corso di formazione
Online il corso ECM “Covid-19, l’esperienza cinese: prevenzione, diagnosi e trattamento”. Il responsabile scientifico Paolo Arangio: «Abbiamo tradotto e riadattato i manuali distribuiti nell’ospedale di Wuhan»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco