Formazione 18 dicembre 2018

Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»

Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Dovere e opportunità. È il binomio che più spesso, nel corso della due giorni dedicata alla formazione ECM organizzata dall’Agenas, è stato utilizzato per descrivere l’aggiornamento continuo dei professionisti sanitari. Ed è un’immagine su cui si è focalizzata anche Rossana Ugenti, direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio sanitario nazionale presso il ministero della Salute, che ai nostri microfoni ha posto poi l’accento sulla formazione continua dei nuovi professionisti sanitari. Di quelle figure, cioè, che la Legge Lorenzin ha fatto rientrare nella categoria delle professioni sanitarie, a iniziare da fisici, chimici e biologi: «Anche per queste professioni – ha detto la dottoressa Ugenti – la formazione avverrà sempre nell’ambito dell’educazione continua del settore salute, pur essendo consapevoli delle loro specificità».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE ECM, BOVENGA (COGEAPS): «NUMERI IN AUMENTO RISPETTO A TRIENNI PRECEDENTI. FAD SUPERERÀ LA RESIDENZIALE»

Dottoressa, la formazione continua è ormai un bagaglio acquisito per i medici, ma è uno scenario abbastanza nuovo, invece, per tutte le nuove professioni sanitarie.

«La formazione continua nel settore salute ha riguardato da sempre non solo i medici ma tutti i professionisti sanitari. Una platea che, con la Legge 3 del 2018, si è estesa e che ora comprende nuove professioni sanitarie. La Commissione nazionale per la formazione continua ha lavorato in questi mesi con i rappresentanti di questi professionisti per individuare degli obiettivi specifici che tengano conto delle specificità di questi ambiti lavorativi e che possano aiutarli a sviluppare ancora di più le loro conoscenze nel settore della salute. Una formazione che, quindi, consenta loro di stare al passo con i tempi e le nuove tecnologie, per affrontare le sfide del nostro sistema sanitario».

Tra l’altro anche per i medici in questi anni si è cercato di andare sempre più verso una formazione che sposi l’attività professionale.

«Senz’altro. Bisogna tener conto anche di questo e, nella logica della formazione continua, vedere quali sono le attività e le competenze su cui lavorare. È questo infatti l’obiettivo della rivalidazione, uno scenario di cui ci stiamo iniziando ad occupare e su cui sicuramente l’ECM si incamminerà».

Per concludere, lei ricordava ai professionisti che la formazione è un dovere professionale, ma anche un diritto e un’opportunità.

«Assolutamente. È un diritto e un dovere, ma è soprattutto un’opportunità e un principio della professione, quindi invitiamo tutti i medici e gli operatori sanitari ad adempiere a questo principio».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI È ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano