Formazione 18 Dicembre 2018 09:01

Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»

Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»

Dovere e opportunità. È il binomio che più spesso, nel corso della due giorni dedicata alla formazione ECM organizzata dall’Agenas, è stato utilizzato per descrivere l’aggiornamento continuo dei professionisti sanitari. Ed è un’immagine su cui si è focalizzata anche Rossana Ugenti, direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio sanitario nazionale presso il ministero della Salute, che ai nostri microfoni ha posto poi l’accento sulla formazione continua dei nuovi professionisti sanitari. Di quelle figure, cioè, che la Legge Lorenzin ha fatto rientrare nella categoria delle professioni sanitarie, a iniziare da fisici, chimici e biologi: «Anche per queste professioni – ha detto la dottoressa Ugenti – la formazione avverrà sempre nell’ambito dell’educazione continua del settore salute, pur essendo consapevoli delle loro specificità».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE ECM, BOVENGA (COGEAPS): «NUMERI IN AUMENTO RISPETTO A TRIENNI PRECEDENTI. FAD SUPERERÀ LA RESIDENZIALE»

Dottoressa, la formazione continua è ormai un bagaglio acquisito per i medici, ma è uno scenario abbastanza nuovo, invece, per tutte le nuove professioni sanitarie.

«La formazione continua nel settore salute ha riguardato da sempre non solo i medici ma tutti i professionisti sanitari. Una platea che, con la Legge 3 del 2018, si è estesa e che ora comprende nuove professioni sanitarie. La Commissione nazionale per la formazione continua ha lavorato in questi mesi con i rappresentanti di questi professionisti per individuare degli obiettivi specifici che tengano conto delle specificità di questi ambiti lavorativi e che possano aiutarli a sviluppare ancora di più le loro conoscenze nel settore della salute. Una formazione che, quindi, consenta loro di stare al passo con i tempi e le nuove tecnologie, per affrontare le sfide del nostro sistema sanitario».

Tra l’altro anche per i medici in questi anni si è cercato di andare sempre più verso una formazione che sposi l’attività professionale.

«Senz’altro. Bisogna tener conto anche di questo e, nella logica della formazione continua, vedere quali sono le attività e le competenze su cui lavorare. È questo infatti l’obiettivo della rivalidazione, uno scenario di cui ci stiamo iniziando ad occupare e su cui sicuramente l’ECM si incamminerà».

Per concludere, lei ricordava ai professionisti che la formazione è un dovere professionale, ma anche un diritto e un’opportunità.

«Assolutamente. È un diritto e un dovere, ma è soprattutto un’opportunità e un principio della professione, quindi invitiamo tutti i medici e gli operatori sanitari ad adempiere a questo principio».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI È ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa