Formazione 20 Maggio 2019 14:44

Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»

Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato – sottolineano – si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»

Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»

Ricerca e tecnologia mettono le ali alla medicina, che ogni giorno ha a disposizione nuove terapie, maggiori possibilità di diagnosi e prevenzione. Con questa fuga in avanti, i medici che si sono laureati anche solo dieci anni fa si devono tenere ben aggiornati per non rischiare di restare indietro. L’aggiornamento però rischia di diventare un vestito stretto quando alle esigenze dei camici bianchi si contrappongono percorsi già indicati da ministero e società scientifiche. Sull’argomento – riporta l’agenzia di stampa Ansa – intervengono le associazioni dei pazienti chiedendo che camici bianchi e operatori sanitari rispettino la legge sulla formazione. Stando ai dati forniti dalla Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), ci sarebbe infatti un 20% di camici bianchi non ancora in regola.

«Vogliamo che il medico segua un iter di formazione continua per tutta la sua carriera, come d’altra parte è previsto dalla legge», spiega Anna Lisa Mandorino, vicesegretario di Cittadinanzattiva. «Il mancato aggiornamento significa che abbiamo medici impreparati», aggiunge il segretario nazionale di Codici (Associazione nazionale di volontariato per la difesa dei consumatori) Ivano Giacomelli. Che punta il dito contro «il sistema di aggiornamento previsto, spesso farraginoso, inutile, molto burocratico». «Anche lo stimolo alla formazione deve essere più efficiente – dice – le tematiche devono essere affrontate con un certa libertà di scelta, gli enti formatori dovrebbero proporre argomenti nuovi e non rimanere nella rigidità che il ministero e gli ordini professionali indicano».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, CITTADINANZATTIVA: «PAZIENTE DEVE SAPERE SE MEDICO E’ IN REGOLA CON AGGIORNAMENTO O NO»

Del resto, sottolineano le società scientifiche, «avere un medico aggiornato è una garanzia per i pazienti». In particolare alcune società scientifiche tirano le orecchie ai colleghi che non dedicano tempo a sufficienza per studiare i risultati di studi scientifici internazionali che possono cambiare in meglio la vita a tanti pazienti.

Quando questo non succede si verificano casi come quelli già denunciati dalla Società italiana di urologia (Siu) e dalla Società italiana di ginecologia. Nel primo caso uno degli esempi al centro dell’attenzione è la disfunzione erettile, che riguarda il 13% della popolazione adulta maschile, con variazioni dal 2-5% a 40 anni al 20-25% a 65 anni. Un argomento più che delicato che gli uomini preferiscono tacere, preferendo acquistare pillole blu online, o espongono con molta difficoltà al loro medico. In una percentuale troppo alta di casi, è stato fatto notare, spesso si sentono dire che potrebbe trattarsi solo di stress. Gli esperti invece sottolineano che la disfunzione erettile in gran parte è il primo sintomo di malattie importanti come la cardiopatia ischemica o il diabete. Un medico non adeguatamente aggiornato – sottolineano – si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante.

LEGGI ANCHE: ECM, GIACOMELLI (CODICI): «SISTEMA DEI CONTROLLI NON FUNZIONA, MEDICO PRESENTI AI PAZIENTI ‘CURRICULUM’ CON AGGIORNAMENTI»

Altrettanto eclatante il caso della terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa. Innumerevoli studi scientifici internazionali durati anni hanno dimostrato come la terapia sostitutiva non presenti rischi per le donne che non abbiano problemi particolari di salute, eppure in Italia, stando ai dati forniti dal Censis nel “Libro bianco della menopausa”, il 16,8% dei medici la sconsiglia. Sull’argomento è intervenuto il presidente della società italiana di ginecologia Giovanni Scambia, che ha stigmatizzato il comportamento dei colleghi. «Le vampate in menopausa non sono sintomi da sottovalutare, sono invece campanelli d’allarme per malattie vascolari o di altro tipo. I ginecologi devono informare le donne degli effetti positivi della terapia sostitutiva», ha spiegato Stefano Lello, segretario della Società italiana di ginecologia della terza età. Se ginecologi e medici di famiglia avessero letto i risultati di tante ricerche scientifiche internazionali, migliaia di pazienti avrebbero perlomeno una qualità di vita migliore.

Articoli correlati
XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni
La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferiche, rappresenta un elemento di disequità nell’accesso alle cure e alle prestazioni che va affrontato attraverso un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Fibromialgia, associazioni pazienti: «Vogliamo chiarezza su uso fondi delle Regioni»
Associazione Italiana Sindrome Fibromiagica (Aisf), Associazione Fibromialgici Libellula Libera APS e CFU Comitato Fibromialgici Uniti Italia Odv lanciano un appello alla trasparenza
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...