Formazione 20 Maggio 2019

Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»

Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato – sottolineano – si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»

Immagine articolo

Ricerca e tecnologia mettono le ali alla medicina, che ogni giorno ha a disposizione nuove terapie, maggiori possibilità di diagnosi e prevenzione. Con questa fuga in avanti, i medici che si sono laureati anche solo dieci anni fa si devono tenere ben aggiornati per non rischiare di restare indietro. L’aggiornamento però rischia di diventare un vestito stretto quando alle esigenze dei camici bianchi si contrappongono percorsi già indicati da ministero e società scientifiche. Sull’argomento – riporta l’agenzia di stampa Ansa – intervengono le associazioni dei pazienti chiedendo che camici bianchi e operatori sanitari rispettino la legge sulla formazione. Stando ai dati forniti dalla Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), ci sarebbe infatti un 20% di camici bianchi non ancora in regola.

«Vogliamo che il medico segua un iter di formazione continua per tutta la sua carriera, come d’altra parte è previsto dalla legge», spiega Anna Lisa Mandorino, vicesegretario di Cittadinanzattiva. «Il mancato aggiornamento significa che abbiamo medici impreparati», aggiunge il segretario nazionale di Codici (Associazione nazionale di volontariato per la difesa dei consumatori) Ivano Giacomelli. Che punta il dito contro «il sistema di aggiornamento previsto, spesso farraginoso, inutile, molto burocratico». «Anche lo stimolo alla formazione deve essere più efficiente – dice – le tematiche devono essere affrontate con un certa libertà di scelta, gli enti formatori dovrebbero proporre argomenti nuovi e non rimanere nella rigidità che il ministero e gli ordini professionali indicano».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, CITTADINANZATTIVA: «PAZIENTE DEVE SAPERE SE MEDICO E’ IN REGOLA CON AGGIORNAMENTO O NO»

Del resto, sottolineano le società scientifiche, «avere un medico aggiornato è una garanzia per i pazienti». In particolare alcune società scientifiche tirano le orecchie ai colleghi che non dedicano tempo a sufficienza per studiare i risultati di studi scientifici internazionali che possono cambiare in meglio la vita a tanti pazienti.

Quando questo non succede si verificano casi come quelli già denunciati dalla Società italiana di urologia (Siu) e dalla Società italiana di ginecologia. Nel primo caso uno degli esempi al centro dell’attenzione è la disfunzione erettile, che riguarda il 13% della popolazione adulta maschile, con variazioni dal 2-5% a 40 anni al 20-25% a 65 anni. Un argomento più che delicato che gli uomini preferiscono tacere, preferendo acquistare pillole blu online, o espongono con molta difficoltà al loro medico. In una percentuale troppo alta di casi, è stato fatto notare, spesso si sentono dire che potrebbe trattarsi solo di stress. Gli esperti invece sottolineano che la disfunzione erettile in gran parte è il primo sintomo di malattie importanti come la cardiopatia ischemica o il diabete. Un medico non adeguatamente aggiornato – sottolineano – si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante.

LEGGI ANCHE: ECM, GIACOMELLI (CODICI): «SISTEMA DEI CONTROLLI NON FUNZIONA, MEDICO PRESENTI AI PAZIENTI ‘CURRICULUM’ CON AGGIORNAMENTI»

Altrettanto eclatante il caso della terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa. Innumerevoli studi scientifici internazionali durati anni hanno dimostrato come la terapia sostitutiva non presenti rischi per le donne che non abbiano problemi particolari di salute, eppure in Italia, stando ai dati forniti dal Censis nel “Libro bianco della menopausa”, il 16,8% dei medici la sconsiglia. Sull’argomento è intervenuto il presidente della società italiana di ginecologia Giovanni Scambia, che ha stigmatizzato il comportamento dei colleghi. «Le vampate in menopausa non sono sintomi da sottovalutare, sono invece campanelli d’allarme per malattie vascolari o di altro tipo. I ginecologi devono informare le donne degli effetti positivi della terapia sostitutiva», ha spiegato Stefano Lello, segretario della Società italiana di ginecologia della terza età. Se ginecologi e medici di famiglia avessero letto i risultati di tante ricerche scientifiche internazionali, migliaia di pazienti avrebbero perlomeno una qualità di vita migliore.

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, la ricetta di Codici: «Più personale e più assistenza ai pazienti per evitare violenze»
«Quanto successo impone delle riflessioni, che devono portare ad un intervento per migliorare finalmente la situazione che si registra nei Pronto Soccorso», sottolinea il Segretario Nazionale di Codici, Ivano Giacomelli
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone