Formazione 12 Novembre 2021 09:36

Formazione ECM, l’Opi Fi-Pt invita gli infermieri a verificare la propria posizione

Dal 2022 scatteranno i controlli e le sanzioni, che spetteranno agli Ordini professionali

Formazione ECM, l’Opi Fi-Pt invita gli infermieri a verificare la propria posizione

Come tutti i professionisti sanitari, gli infermieri sono tenuti a formarsi costantemente nel corso della propria vita lavorativa, attraverso il programma Educazione Continua in Medicina (Ecm), sistema introdotto nel 2002. Nei giorni scorsi, il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, ha dichiarato che ci sarà tempo fino al 31 dicembre 2021 per rimediare ad eventuali trienni formativi incompleti (2014-2016 e 2017-2019): dal 2022 scatteranno controlli e sanzioni, che spettano agli Ordini professionali. La norma prevede un illecito disciplinare che può andare dall’avvertimento alla sospensione, oltre ad una serie di ulteriori conseguenze.

Formazione Ecm, Opi Fi-Pt: «Dovere deontologico aggiornare le nostre competenze»

«L’Ordine invita propri iscritti, sia che operino in regime dipendente, convenzionato o libero professionale, al controllo della loro posizione circa il possesso dei crediti Ecm – spiegano dall’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia -. Cogliamo l’occasione per sottolineare l’importanza della formazione continua nella professione infermieristica: come tutti i professionisti sanitari che operano nell’ambito della tutela della salute individuale e collettiva è nostro dovere deontologico aggiornare le nostre competenze e conoscenze per offrire ai cittadini un’assistenza di qualità».

L’obbligo formativo

Il sistema Ecm nasce con l’obbiettivo di garantire appunto una formazione costante in modo che l’infermiere possa migliorare le proprie competenze e abilità cliniche, tecniche e manageriali. In modo da assicurare, così, efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza all’assistenza prestata dal in favore dei cittadini. L’obbligo formativo decorre dall’anno solare successivo a quello di iscrizione all’albo professionale e deve essere assolto finché si rimane iscritti all’albo.

I 50 crediti per i professionisti impegnati nella lotta al Covid-19

Ogni anno è necessario maturare un numero preciso di crediti Ecm. L’obbligo minimo di aggiornamento triennale stabilito dalla normativa vigente, è di 150 ore di formazione che corrisponde a 150 crediti Ecm. Per il triennio 2020-2022, ai 150 crediti da acquisire vanno sottratti i 50 crediti bonus maturati dai professionisti che abbiano continuato a svolgere la propria attività durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19. Qualora nel triennio precedente (2017-2019) siano stati acquisiti tutti i crediti previsti, vi è un ulteriore abbuono di 30 crediti.

L’anagrafe crediti Ecm Co.Ge.A.P.S.

I crediti si possono acquisire attraverso attività formative residenziali, a distanza o sul campo e sono assegnati ai partecipanti a seguito dell’accertamento dell’apprendimento e ai docenti/tutor del programma formativo. È possibile controllare lo stato dei crediti acquisiti sul sito  del Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti Ecm. basta registrarsi all’anagrafe crediti Ecm Co.Ge.A.P.S. tramite il portale e verificare nella pagina personale la propria situazione di crediti acquisiti nei vari trienni. Sul portale CoGeAPS sono caricati i crediti acquisiti a partire dal 2011.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»
Fnopi: «Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza di infermieri, ma con la qualità dei professionisti»
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi