Formazione 10 Novembre 2021 14:59

Consulta ECM all’ultimo miglio, i provider ci sono

La conferma è arrivata nel webinar promosso dall’Associazione Provider ‘Formazione nella Sanità’. Monaco (FNOMCeO): «Ridiamo centralità all’obbligo formativo anche attraverso provvedimenti e sanzioni». De Pascale (Co.Ge.APS): «In collaborazione con gli Ordini, attivato il controllo del curriculum Ecm di ogni singolo professionista»

Ci siamo: anche i provider ECM prenderanno parte alle strategie ministeriali in ambito di formazione medico-scientifica. Dopo la lettera di sollecito al Ministro Speranza, i rappresentati della categoria saranno finalmente protagonisti del secondo incontro della neo-consulta nazionale della formazione permanente, definita con l’Accordo tra lo Stato e le Regioni. È quanto emerge nel corso del webinar organizzato dall’Associazione Formazione nella Sanità, un’occasione di confronto tra i principali stakeholder del settore tra i quali Roberto Monaco, Segretario Generale FNOMCEO; Achille Di Falco, Direttore UOC Formazione di Age.N.As e Enrico De Pascale, Presidente Co.Ge.APS.

«Siamo soddisfatti di partecipare attivamente al processo di rinnovamento della formazione professionale in sanità. Come emerso dallo scambio di oggi e proprio grazie alla disponibilità delle istituzioni competenti, la fattiva inclusione dei Provider conferisce la necessaria garanzia di pluralità e di partecipazione democratica – dichiara Simone Colombati, Presidente Formazione nella Sanità –. A noi ora il compito di garantire una qualità formativa di eccellenza, basata sulle evidenze scientifiche e costantemente aggiornata, per rispondere al richiamo all’ordine annunciato dalle Autorità», conclude Colombati.

Ed è emersa in maniera netta la posizione della FNOMCeO in merito ai discussi provvedimenti nei confronti dei medici e professionisti sanitari che non dovessero risultare in regola con i trienni 2014-2016 e 2017-2019: «L’Ordine dei medici è un ente sussidiario dello Stato, quindi non può che applicare le leggi che ci sono in questo Paese. Da un punto di vista etico, noi abbiamo il nostro codice deontologico che è il nostro faro, e che cita diverse volte l’obbligo formativo», commenta Roberto Monaco. E poi «Noi siamo pronti, – aggiunge Enrico De Pascale, Co.Ge.APS – nel senso che nei prossimi giorni invieremo le comunicazioni a tutti gli ordini, che quindi avranno la possibilità prima di analizzare, poi di verificare e poi di operare sui singoli professionisti rispetto alla certificabilità dell’iter formativo». «Il ruolo del Consorzio  – aggiunge De Pascale – è monitorare e spingere per il raggiungimento della formazione con l’obiettivo che l’educazione continua diventi sempre di più sia un valore aggiunto».

Ma come cambierà la formazione? A indicare la strada è Achille Di Falco, Direttore UOC Formazione di Age.N.As: «Il sistema ECM, così come il nostro Ssn, è un sistema complesso, in continua evoluzione e volto al raggiungimento di una ‘qualità totale’. Cos’è la qualità totale? È multiprofessionalità, innanzitutto.  Perché non è più possibile pensare ad una formazione segmentata in singole specialità ma, come il Covid ci ha insegnato, la gestione delle crisi prevede l’intervento di un team di lavoro multidisciplinare, cui anche la formazione deve adeguarsi. E poi – chiosa De Falco – una trasmissione del sapere che non sia più gerarchica ma circolare: il professionista sanitario deve diventare allo stesso tempo sia ‘leader che follower’ dei contenuti formativi.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa