Formazione 5 Ottobre 2021 13:28

ECM, Colombati (Formazione nella sanità): «Bene impegno di Sileri e FNOMCeO su formazione»

Colombati non si sofferma sul richiamo a controlli e sanzioni preannunciati dal 2022 per chi non sarà in regola con gli obblighi formativi, ma evidenza il ruolo strategico affidato alla formazione per tutti i professionisti sanitari

«La nuova centralità della formazione, il deciso cambio di passo imposto dalle dichiarazioni del sottosegretario Pierpaolo Sileri, rappresentano un importante incentivo per tutte le professioni sanitarie». È quanto afferma Simone Colombati, presidente di Formazione nella Sanità, associazione che riunisce i Provider di educazione continua in medicina (ECM). Colombati non si sofferma sul richiamo a controlli e sanzioni preannunciati dal 2022 per chi non sarà in regola con gli obblighi formativi, ma evidenza il ruolo strategico affidato alla formazione per tutti i professionisti sanitari: «Sempre più a distanza ed Evidence Medicine Based per assolvere alla mission originaria della formazione e andare incontro alle esigenze dei professionisti, affinché non la vivano solo come ‘obbligo’ da assolvere ma come un prezioso strumento per l’aggiornamento».

Dopo ritardi e concessioni dovute alla pandemia, sembra ferma la posizione delle Istituzioni sulla formazione ECM. «Non ci saranno ulteriori proroghe – ha dichiarato il Sottosegretario Pierpaolo Sileri in un’intervista a Quotidiano Sanità –, a partire dal prossimo anno scatteranno controlli e sanzioni che potranno andare da un semplice avvertimento fino alla radiazione».

Anche FNOMCeO, la Federazione dei Medici e Odontoiatri in una lettera ha ricordato agli associati che la Commissione Nazionale per la Formazione Continua ha indicato la data del 31 dicembre 2021 quale termine ultimo per procedere, da parte degli iscritti agli adempimenti relativi al conseguimento dell’obbligo formativo ECM per i trienni 2014–2016 e 2017–2019.

«Ci auguriamo – conclude Colombati – che l’indirizzo della FNOMCeO sia seguito da tutti i presidenti degli Ordini e dagli iscritti. Ma questo nuovo paradigma formativo deve essere da stimolo anche per noi: per questo è necessario accelerare il processo di aggiornamento per i provider stessi, che stanno apportando modifiche al sistema in termini di rapidità, flessibilità e maggiore qualità dell’offerta, per essere al fianco dei medici, degli infermieri, dei veterinari e di tutte le categorie professionali».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale