Formazione 24 Febbraio 2015

La formazione passa anche dall’alimentazione: la ricetta di lunga vita è una formula matematica

Parla il prof. Angelo Pulcini, autore del libro “Una vita a strati uniti”

Immagine articolo

Formazione ed informazione hanno un ruolo fondamentale anche per raggiungere il benessere psico-fisico. Questo vale per i medici così come per i pazienti.

Il punto di partenza è utilizzare gli strumenti giusti; il traguardo è invece raggiungere un corretto stile di vita. Come? Il prof. Angelo Pulcini, docente di Fisiologia Umana e Scienze dell’Alimentazione presso l’Università “Sapienza” di Roma, ci è arrivato attraverso una formula matematica, ma per spiegarla ha puntato più sulle parole che sui numeri. Ha infatti deciso di scrivere un libro: “Una vita a strati uniti”. Attraverso elaborati calcoli – ma anche “scomodando” Ippocrate – è arrivato a conclusioni, apparentemente scontate, se non fosse che  le più diffuse e gravi patologie del nostro secolo sono causate proprio da uno stile di vita non appropriato.

“Tutti parlano di stile di vita corretto e di “alimentazione equilibrata” – fa notare il prof. Pulcini – ma pochi sanno realmente come mettere in pratica tutto ciò, e attuano una serie di comportamenti, spesso anche troppo restrittivi e che impediscono di procedere nella giusta direzione”. Ed è questo l’intento formativo del libro: una volta assolto l’onere “informativo”, ognuno potrà scegliere, con cognizione di causa, se attenersi ad uno stile di vita sano, o meno. “Ciò ci consentirà di ammalarci molto meno e, qualora questo accada, di guarire meglio e più in fretta”.

Nonostante Pulcini creda fortemente nel contributo e nell’utilità che le nuove tecnologie apportano alla comunicazione medico – paziente, è altrettanto convinto che ci sia ancora tanto da lavorare per affinarne le potenzialità. Nell’attesa, quindi, il suo messaggio è affidato alle 122 pagine del libro, edito da Piccin. Una scelta coerente con l’immediatezza del contenuto dell’opera: “La definizione di corretto stile di vita è antica, ci viene data in eredità da Ippocrate, il patrono dei camici bianchi, che la riassume nella ‘giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico’. Sulla copertina del libro – conclude – è raffigurato uno zainetto, che riassume il contenuto di tutti i calcoli, e di tutto il lavoro che ho svolto per trovare la formula matematica del benessere”.

Articoli correlati
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
Le diete funzionano davvero? La nutrizionista: «Nel 95% dei casi si riprende il peso corporeo iniziale»
La dottoressa Debora Rasio, oncologa e nutrizionista: «È necessario recuperare un sano rapporto con l'alimentazione e rispettare la regola "colazione da re, pranzo da principe e cena da povero". Gli adolescenti che si preoccupano del contenuto calorico dei cibi rischiano 16 volte più della media di soffrire di disturbi del comportamento alimentare»
di Federica Bosco
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università