Formazione 24 febbraio 2015

La formazione passa anche dall’alimentazione: la ricetta di lunga vita è una formula matematica

Parla il prof. Angelo Pulcini, autore del libro “Una vita a strati uniti”

Immagine articolo

Formazione ed informazione hanno un ruolo fondamentale anche per raggiungere il benessere psico-fisico. Questo vale per i medici così come per i pazienti.

Il punto di partenza è utilizzare gli strumenti giusti; il traguardo è invece raggiungere un corretto stile di vita. Come? Il prof. Angelo Pulcini, docente di Fisiologia Umana e Scienze dell’Alimentazione presso l’Università “Sapienza” di Roma, ci è arrivato attraverso una formula matematica, ma per spiegarla ha puntato più sulle parole che sui numeri. Ha infatti deciso di scrivere un libro: “Una vita a strati uniti”. Attraverso elaborati calcoli – ma anche “scomodando” Ippocrate – è arrivato a conclusioni, apparentemente scontate, se non fosse che  le più diffuse e gravi patologie del nostro secolo sono causate proprio da uno stile di vita non appropriato.

“Tutti parlano di stile di vita corretto e di “alimentazione equilibrata” – fa notare il prof. Pulcini – ma pochi sanno realmente come mettere in pratica tutto ciò, e attuano una serie di comportamenti, spesso anche troppo restrittivi e che impediscono di procedere nella giusta direzione”. Ed è questo l’intento formativo del libro: una volta assolto l’onere “informativo”, ognuno potrà scegliere, con cognizione di causa, se attenersi ad uno stile di vita sano, o meno. “Ciò ci consentirà di ammalarci molto meno e, qualora questo accada, di guarire meglio e più in fretta”.

Nonostante Pulcini creda fortemente nel contributo e nell’utilità che le nuove tecnologie apportano alla comunicazione medico – paziente, è altrettanto convinto che ci sia ancora tanto da lavorare per affinarne le potenzialità. Nell’attesa, quindi, il suo messaggio è affidato alle 122 pagine del libro, edito da Piccin. Una scelta coerente con l’immediatezza del contenuto dell’opera: “La definizione di corretto stile di vita è antica, ci viene data in eredità da Ippocrate, il patrono dei camici bianchi, che la riassume nella ‘giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico’. Sulla copertina del libro – conclude – è raffigurato uno zainetto, che riassume il contenuto di tutti i calcoli, e di tutto il lavoro che ho svolto per trovare la formula matematica del benessere”.

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Cancro del seno, la flora batterica del tessuto mammario potrebbe predisporre alla malattia. Lo studio del Gemelli
Grazie a uno studio condotto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’Università della Tuscia di Viterbo, si è scoperto che anche la composizione della flora batterica che si annida nel tessuto delle mammelle potrebbe avere un ruolo nel predisporre certe donne al cancro del seno. In futuro […]
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano