Formazione 3 Settembre 2019

A Ferrara record di posti. Attesa per la sperimentazione che può “stroncare” il numero chiuso

Nell’ateneo estense maxi allargamento dei posti, da 180 a 600, fortemente voluto dal rettore Zauli. Plateale protesta di un genitore-medico: «Grande business sulla pelle dei ragazzi»

Un ateneo modello in una tranquilla – e bellissima – cittadina di provincia. Sono due degli ingredienti che hanno spinto oltre 1200 aspiranti medici a scegliere Ferrara come sede per il test di Medicina. Ma a promuovere Unife ci ha pensato il rettore Giorgio Zauli con quella che lui stesso ha definito una ‘pre-sperimentazione‘: l’allargamento dei posti a 600 unità (seconda solo a La Sapienza di Roma) e l’annuncio che l’anno prossimo – Miur permettendo – l’ateneo avvierà un percorso che prevederà l’accesso libero al primo semestre di area medica e una selezione basata sui voti conseguiti in alcune discipline. Quanto basta per spingere 1200 ragazzi a tentare il temuto quiz a Ferrara. La mattinata è trascorsa tranquilla, non ci sono state notizie di particolari irregolarità, anche se gli studenti hanno mantenuto occhi vigili: «Se mi accorgessi di qualcosa che non va non esiterei a fare ricorso», sottolinea una ragazza appena uscita dal test.

LEGGI ANCHE: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Noi come ogni anno siamo qua a presidiare le università e a raccogliere le segnalazioni di eventuali irregolarità. Siamo contenti dell’aumento dei posti a disposizione ma sappiamo che non basta a soddisfare il fabbisogno di medici del nostro SSN. Le irregolarità più riscontrate sono sempre le stesse: uso di telefoni cellulari o auricolari, mancata schermatura delle aule, domande errate» sottolinea a Sanità Informazione Francesca Sardella, consulente del network legale Consulcesi. Per segnalare le difficoltà incontrate al momento dei test di ingresso e per avere tutti i chiarimenti giuridici e legali sull’argomento, per gli studenti è a disposizione lo sportello di consulenza on line www.numerochiuso.info che aiuta le future matricole a mettersi in guardia dai “furbetti”.

In molti a Ferrara hanno considerato il test in linea con quello degli anni passati, anche se non a tutti è piaciuta la scelta di aumentare le domande di cultura generale da 2 a 12 (mentre quelle di logica sono scese da 20 a 10). «Vorremmo un test più semplice e con più posti a disposizione» sottolinea una ragazza. Ma sono in molti a ricordare il problema dell’imbuto formativo: «Inutile abolire il numero chiuso se poi non aumentano i posti nelle specializzazioni» sottolinea Alessandro, al primo anno di Medicina a Ferrara e in attesa che la ragazza esca dalle aule del test.

LEGGI ANCHE: FIRENZE, A MOTIVARE GLI ASPIRANTI MEDICI C’È ANCHE L’INFLUENCER MARTA PASQUALATO: «NON ARRENDETEVI»

La tranquillità della mattinata ferrarese è stata interrotta dalle vibranti proteste di un genitore-medico piuttosto arrabbiato: «Tutto questo è un grande business sulla pelle dei ragazzi. Mancano i medici negli ospedali e ci stanno facendo perdere tempo e soldi con questo quiz» proclama ad alta voce, guadagnando anche l’applauso della folla in attesa dei ragazzi in uscita.

Lo sbarramento del numero chiuso e il quiz continuano a non piacere a molti giovani: «Giusto che ci sia una selezione, ma il quiz non è il metodo giusto» sottolinea un giovane. E in molti apprezzano la sperimentazione lanciata dal rettore Unife: «Un’ottima idea – spiega una ragazza – che finalmente permetterà di valutare i ragazzi in modo meritocratico e non con un test a crocette in 100 minuti. Io ho sperato fino all’ultimo che partisse già quest’anno». Ma c’è anche qualcuno che difende il quiz: «I primi esami sono i più duri, non sempre si capisce da lì se si è portati o meno per la medicina. Meglio il quiz» spiega un aspirante medico.

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...