Formazione 3 Settembre 2019

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»

di Diana Romersi e Viviana Franzellitti

Il giorno tanto atteso è arrivato. Anche a Firenze si è svolta la prova di accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia per l’anno accademico 2019/2020, con 1.841 studenti che si sono registrati per sostenere l’esame nelle aule di Fortezza dal Basso. A concorrere per poco più di trecento posti ragazzi neo-diplomati, ma anche tanti studenti che tentano per la seconda o terza volta di superare lo sbarramento causato dal numero chiuso. Un ostacolo considerato sia dai ragazzi sia dal mondo universitario non meritocratico, anche perché questi appuntamenti spesso si svolgono all’insegna di piccole e grandi irregolarità che penalizzano il lavoro di tanti studenti preparati.

LEGGI ANCHE: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

Ed è in particolare a loro che l’influencer di Instagram e studentessa di Medicina Marta Pasqualato, accorsa a Fortezza da Basso, rivolge un in bocca al lupo speciale: «Oggi ho più ansia di loro, e più di quanta ne avessi quando ho fatto io il test – ci rivela -. Ma il messaggio che voglio mandare ai ragazzi è non arrendetevi mai, perché se c’è qualcosa che volete veramente, alla fine lo raggiungerete». E la sua storia ne è l’esempio concreto: «Tra otto mesi mi laureo, ma sono riuscita a superare il test solo al terzo tentativo. Tutte e tre le volte che mi sono seduta a quel banco vedevo tutto nero, perché è un’occasione che hai solo una volta l’anno, non è un esame normale. Le aspettative sono tante e i ragazzi studiano tantissimo. Poi se non lo superi credi che la tua vita sia rovinata, ma in realtà ci sono tantissime alternative».

«Io ad esempio – racconta – il primo anno ho lavorato per capire come funziona il mondo del lavoro, il secondo ho fatto Ostetricia e poi sono finalmente entrata a Medicina. Allora ho deciso di usare i miei canali social per qualcosa di buono, qualcosa che prima facevo relativamente, ma che adesso mi appassiona: motivare i ragazzi, soprattutto quelli che non entrano al primo colpo». Così ogni giorno condivide con gli oltre 360mila follower post e stories che raccontano le sue giornate di studentessa e che danno consigli pratici ai giovani aspiranti medici.

Ma per coloro che non dovessero superare il test, c’è la anche la possibilità del ricorso legale: «Una persona a me cara l’ha fatto tanti anni fa – spiega ancora Marta -. Ci sono dei mezzi per valutare se si sono verificate scorrettezze nel test o se ci si meritava un punteggio più alto, e io sono senz’altro d’accordo con questa procedura».

Per segnalare irregolarità o per avere maggiori informazioni su come tutelarsi in caso di scorrettezze durante la prova, è a disposizione di tutti gli aspiranti camici bianchi il portale web www.numerochiuso.info. 

LEGGI ANCHE: CASO NAPOLI, IL PRESIDENTE DI COMMISSIONE: «TRA GLI STUDENTE ANCHE MINORENNI CHE SI ‘ALLENANO’ AL TEST»

 

Articoli correlati
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
Grande successo per la virtual run “Corri il Solstizio per AISLA Firenze”
Circa 200 persone hanno partecipato da tutta Italia e non solo
Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova
Tutte le informazioni per partecipare alla prova di ammissione per i corsi di laurea magistrale di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie
Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»
Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»
Al Museo con SLA, anche adesso: tour virtuale di AISLA Firenze sulle tracce dei Medici
Il progetto è iniziato nel 2015 e prevede una visita ogni mese. L’arte ha una funzione terapeutica riconosciuta dalla medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)