Formazione 29 Novembre 2019

ECM, De Masi (Adiconsum): «Formazione evita contenziosi e supporta la salute»

All’indomani della lettera che l’Adiconsum, associazione in difesa dei consumatori, ha rivolto al ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendo maggiore vigilanza e alla Campagna informativa #pensiamoallasalute, torna a parlare Carlo De Masi, presidente Adiconsum

Mancano poche settimana alla scadenza del triennio Ecm per la formazione continua dei medici, in programma per la fine dicembre. Dead line che potrebbe sorprendere molti camici bianchi non al passo con il numero di crediti richiesto. All’indomani della lettera che l’Adiconsum, associazione in difesa dei consumatori, ha rivolto al ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendo maggiore vigilanza e alla Campagna informativa #pensiamoallasalute, torna a parlare Carlo De Masi, presidente Adiconsum.

Il ministro Speranza di recente ha presieduto la Commissione ECM. Un tema strettamente legato alla domanda di salute che i cittadini e voi Associazione promuovete. Com’è la situazione a poche settimane dalla scadenza del triennio?
«È chiaro che la salute è il problema numero uno e noi rappresentiamo tutti i cittadini che hanno bisogno dei medici e della sanità. Ci sono medici onesti, sono circa il 50%, che fanno la formazione, ma noi vorremmo che tutti facessero la formazione, perché è uno degli elementi che supporta la sanità in questo momento».

Chiunque prima di andare dal medico si informa sul suo curriculum e sulla sua formazione, elementi da sempre garanzia di buone prestazioni.
«Evita tanti contenziosi che a volte si creano tra paziente e medico, che noi dobbiamo cercare di prevenire sia dal punto di vista dei costi sia dal punto di vista della professione degli stessi medici».

Volete essere chiamati in causa su questo tema per controllare che l’obbligo formativo sia rispettato da tutti?
«Assolutamente, come Adiconsum vorremmo da un lato sollecitare il Ministro affinché questo si faccia e vorremmo che ci fosse un controllo terzo rispetto a quello che oggi avviene».

LEGGI: FORMAZIONE ECM, ADICONSUM: «VIGILARE SU CORRETTO AGGIORNAMENTO FA RISPARMIARE IL SSN». PARLANO SPERANZA E ANELLI…

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...