Formazione 17 Luglio 2018 09:00

Aumento contratti specializzazione, Di Silverio (Anaao Giovani): «Una farsa. Ci riserviamo di adire la Corte europea»

«Questa situazione è il frutto di una grave incapacità gestionale». Il sindacalista evidenzia l’insufficiente numero di posti per far fronte ai pensionamenti dei medici e lancia l’allarme: «Se passasse “Quota 100” sarebbe la catastrofe»

Aumento contratti specializzazione, Di Silverio (Anaao Giovani): «Una farsa. Ci riserviamo di adire la Corte europea»

Sono ore importanti per gli aspiranti specializzandi. Hanno trascorso gran parte della giornata chiusi in aule universitarie ad affrontare la prova nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione. 6934 i posti che si contendono. Un numero aumentato di 259 unità rispetto allo scorso anno, ma che è ancora nettamente inferiore al fabbisogno stabilito dalle Regioni, secondo le quali sarebbero necessari 8600 contratti per fronteggiare la carenza di medici cui il SSN sta andando incontro.

LEGGI ANCHE: IMBUTO O TRAMPOLINO: È LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE TRA ATTESE, TURNI MASSACRANTI E BLOCCO DEL TURNOVER

«L’aumento dei contratti è la solita farsa» commenta senza alcuna esitazione Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale di Anaao Giovani. «6934 specialisti non sono sufficienti a sostituire i medici che andranno in pensione nei prossimi anni. E nessuno sta considerando che si sta mettendo mano alla Legge Fornero: se dovesse passare “quota 100” i medici andranno in pensione prima e i posti da occupare sarebbero il doppio. Sarebbe una catastrofe».

Intanto, però, aumentano i posti a medicina, «contribuendo solo ad allargare gli effetti dell’imbuto formativo: se di pari passo non aumentano i contratti per le scuole di specializzazione saranno ancora di più i laureati che non potranno completare il loro percorso accademico. Usiamo invece quelle risorse per il post-lauream – suggerisce Di Silverio – e apriamo i teaching hospital. Diamo vita alla formazione integrata tra ospedali, università e territorio. Il percorso di specializzazione – continua – non può continuare ad essere ad esclusivo appannaggio delle università che non hanno le infrastrutture per fronteggiare le esigenze formative: non hanno i docenti, non hanno i medici, non ce la fanno numericamente».

LEGGI ANCHE: «HO 60 ANNI E VOGLIO FARE IL MEDICO». STORIA NON COMUNE DI UN ASPIRANTE CAMICE BIANCO…

È un problema, quello della carenza dei medici, che secondo Di Silverio va affrontato «sedendoci intorno ad un tavolo insieme ai Ministeri competenti, nella Conferenza Stato-Regioni e con chi vive quotidianamente questa situazione cercando una soluzione adatta. Basterebbe – prosegue – fare un prospetto del fabbisogno nel medio e lungo termine, capire quali specialità mancano e dove c’è più necessità di medici. Andrebbero coinvolti gli Ordini dei medici, le società scientifiche, gli enti istituzionali che possono dare una mano. È una crisi generazionale che coinvolge tutto l’ambito medico e nessuno può tirarsene fuori».

«Lo diciamo da mesi ormai ma l’unica risposta che riceviamo è il silenzio assordante e preoccupante del MIUR e dei Ministeri competenti. Il sistema sta implodendo e nessuno fa niente. Noi siamo stanchi e l’unica azione che ci rimane da intraprendere è adire la Corte europea perché il governo non sta facendo nulla per assicurare i LEA, né di oggi né di domani».

È il grido disperato di chi pensa che a mancare non siano le risorse, ma «la volontà di affrontare la questione. Comincio a pensare – aggiunge Di Silverio – che oltre a interessi economici e politici ci sia una grave incapacità gestionale, altrimenti non si parlerebbe di aumento di posti a medicina con una crisi lampante dei medici già formati. E questo sarebbe ancora più grave perché andrebbe al di là dell’assenza di volontà politica».

Ma è un quadro ancor più buio quello che il Responsabile di Anaao Giovani dipinge quando amplia il discorso alle sorti dell’intero Sistema Sanitario Nazionale: «Sembra che investire nel servizio pubblico non sia più conveniente per lo Stato. Temo, anzi, che ci sia un progetto per smantellarlo a favore del privato. Basta guardare ai numeri: negli ultimi due anni c’è stato un incremento del 7-10% delle polizze mediche assicurative e le strutture convenzionate hanno avuto delle facilitazioni economiche importanti. Stiamo assistendo all’americanizzazione del sistema sanitario e sul pubblico non si investe più. Abbiamo delle strutture fatiscenti, ai limiti dell’agibilità. Sembra che il territorio debba risolvere tutte quelle problematiche oggi correlate agli ospedali, ma non c’è un piano prospettico basato sulle reali esigenze del cittadino. E questo mi preoccupa molto» conclude.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Istat, Cittadini (Aiop): «Rinuncia cure, liste d’attesa e carenza medici criticità del SSN da risolvere»
Per risolvere il problema della carenza di medici Aiop invita il decisore pubblico a valutare di adottare una «normativa di emergenza per assumere neolaureati e specializzandi. È doveroso, in ogni caso, coniugare la responsabilità, alla quale tutti siamo chiamati, con un’attenta programmazione»
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...