Formazione 17 luglio 2018

Aumento contratti specializzazione, Di Silverio (Anaao Giovani): «Una farsa. Ci riserviamo di adire la Corte europea»

«Questa situazione è il frutto di una grave incapacità gestionale». Il sindacalista evidenzia l’insufficiente numero di posti per far fronte ai pensionamenti dei medici e lancia l’allarme: «Se passasse “Quota 100” sarebbe la catastrofe»

Immagine articolo

Sono ore importanti per gli aspiranti specializzandi. Hanno trascorso gran parte della giornata chiusi in aule universitarie ad affrontare la prova nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione. 6934 i posti che si contendono. Un numero aumentato di 259 unità rispetto allo scorso anno, ma che è ancora nettamente inferiore al fabbisogno stabilito dalle Regioni, secondo le quali sarebbero necessari 8600 contratti per fronteggiare la carenza di medici cui il SSN sta andando incontro.

LEGGI ANCHE: IMBUTO O TRAMPOLINO: È LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE TRA ATTESE, TURNI MASSACRANTI E BLOCCO DEL TURNOVER

«L’aumento dei contratti è la solita farsa» commenta senza alcuna esitazione Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale di Anaao Giovani. «6934 specialisti non sono sufficienti a sostituire i medici che andranno in pensione nei prossimi anni. E nessuno sta considerando che si sta mettendo mano alla Legge Fornero: se dovesse passare “quota 100” i medici andranno in pensione prima e i posti da occupare sarebbero il doppio. Sarebbe una catastrofe».

Intanto, però, aumentano i posti a medicina, «contribuendo solo ad allargare gli effetti dell’imbuto formativo: se di pari passo non aumentano i contratti per le scuole di specializzazione saranno ancora di più i laureati che non potranno completare il loro percorso accademico. Usiamo invece quelle risorse per il post-lauream – suggerisce Di Silverio – e apriamo i teaching hospital. Diamo vita alla formazione integrata tra ospedali, università e territorio. Il percorso di specializzazione – continua – non può continuare ad essere ad esclusivo appannaggio delle università che non hanno le infrastrutture per fronteggiare le esigenze formative: non hanno i docenti, non hanno i medici, non ce la fanno numericamente».

LEGGI ANCHE: «HO 60 ANNI E VOGLIO FARE IL MEDICO». STORIA NON COMUNE DI UN ASPIRANTE CAMICE BIANCO…

È un problema, quello della carenza dei medici, che secondo Di Silverio va affrontato «sedendoci intorno ad un tavolo insieme ai Ministeri competenti, nella Conferenza Stato-Regioni e con chi vive quotidianamente questa situazione cercando una soluzione adatta. Basterebbe – prosegue – fare un prospetto del fabbisogno nel medio e lungo termine, capire quali specialità mancano e dove c’è più necessità di medici. Andrebbero coinvolti gli Ordini dei medici, le società scientifiche, gli enti istituzionali che possono dare una mano. È una crisi generazionale che coinvolge tutto l’ambito medico e nessuno può tirarsene fuori».

«Lo diciamo da mesi ormai ma l’unica risposta che riceviamo è il silenzio assordante e preoccupante del MIUR e dei Ministeri competenti. Il sistema sta implodendo e nessuno fa niente. Noi siamo stanchi e l’unica azione che ci rimane da intraprendere è adire la Corte europea perché il governo non sta facendo nulla per assicurare i LEA, né di oggi né di domani».

È il grido disperato di chi pensa che a mancare non siano le risorse, ma «la volontà di affrontare la questione. Comincio a pensare – aggiunge Di Silverio – che oltre a interessi economici e politici ci sia una grave incapacità gestionale, altrimenti non si parlerebbe di aumento di posti a medicina con una crisi lampante dei medici già formati. E questo sarebbe ancora più grave perché andrebbe al di là dell’assenza di volontà politica».

Ma è un quadro ancor più buio quello che il Responsabile di Anaao Giovani dipinge quando amplia il discorso alle sorti dell’intero Sistema Sanitario Nazionale: «Sembra che investire nel servizio pubblico non sia più conveniente per lo Stato. Temo, anzi, che ci sia un progetto per smantellarlo a favore del privato. Basta guardare ai numeri: negli ultimi due anni c’è stato un incremento del 7-10% delle polizze mediche assicurative e le strutture convenzionate hanno avuto delle facilitazioni economiche importanti. Stiamo assistendo all’americanizzazione del sistema sanitario e sul pubblico non si investe più. Abbiamo delle strutture fatiscenti, ai limiti dell’agibilità. Sembra che il territorio debba risolvere tutte quelle problematiche oggi correlate agli ospedali, ma non c’è un piano prospettico basato sulle reali esigenze del cittadino. E questo mi preoccupa molto» conclude.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Carenza medici, Quintavalle (ASL Roma 4): «Problema non solo numerico ma anche di attrazione: aree metropolitane penalizzate rispetto a città»
Il Direttore è intervenuto ad un workshop sulla partnership in sanità organizzato da "Lazio salute e sanità per l’eccellenza" e "SDA Bocconi": «Con collaborazione pubblico-privato si può ottenere velocizzazione delle procedure e la condivisione di un obiettivo che è la presa in carico degli utenti. Ma servono paletti»
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Abolizione numero chiuso: è la volta buona. Tiramani (Lega): «C’è convergenza Lega-M5S. Avanti solo meritevoli»
Parla il Deputato che ha presentato la proposta di legge per cancellare i test di ingresso. Anche Grillo e Salvini per il superamento: «Il fatto che anche autorevoli esponenti di altri partiti come il PD la pensino in questo modo vuol dire che abbiamo colto nel segno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...