Lavoro 11 giugno 2018

«Ho 60 anni e voglio fare il medico». Storia non comune di un aspirante camice bianco…

Marco Platania è iscritto al corso di formazione in medicina generale: «Ero dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, ma voglio arrivare alla pensione da medico di famiglia. È quello che mi interessa fare di più»

Immagine articolo

La medicina è una vocazione, che può arrivare a qualunque età. Eppure ci stupiamo quando, ogni settembre, vengono pubblicate le matricole degli iscritti al test di ingresso e, scorrendo le date di nascita dei più adulti, notiamo che ci sono anche ultrasessantenni. «Rubano il posto ai giovani che vogliono veramente intraprendere questa carriera», è la reazione di molti studenti, e di molti genitori, spesso coetanei di questi non più giovanissimi aspiranti medici. Alcuni si iscrivono solo per curiosità o per passione, ma poi c’è anche chi, il medico, lo vuole fare davvero, e insegue semplicemente un sogno che ha da quando è bambino. Come il dottor Marco Platania: 59 anni, si è laureato in medicina tre anni fa e adesso frequenta il corso di formazione in medicina generale.

In realtà si era iscritto alla facoltà alla fine degli anni Settanta, ma poi una serie di eventi lo hanno portato a cambiare radicalmente strada. Era dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, che sapeva presto sarebbe chiusa. Ha deciso quindi di tornare sui libri – «anche perché senza far niente proprio non so stare» – e di continuare a lavorare per raggiungere quel sogno interrotto tanti anni fa ma tenuto sempre in un cassetto. «Voglio arrivare alla pensione da medico di medicina generale. È quello che mi interessa fare di più», ci ha detto quando l’abbiamo incontrato all’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma dove, insieme ad un gruppo di ventenni, due volte a settimana frequenta le attività seminariali del corso.

Un corso che frequenta, a differenza dei suoi colleghi, senza percepire alcuna remunerazione: «Ho partecipato al concorso per le 70 borse di studio – spiega il dottor Platania -, ma non sono rientrato tra i vincitori. C’erano però 14 posti in sovrannumero e facendo una domanda alla Regione, che mi ha dato risposta positiva, mi sono potuto iscrivere, però senza borsa di studio. Ma gli obblighi – precisa – sono esattamente gli stessi dei miei colleghi».

Quando gli chiediamo se si ritiene soddisfatto del percorso intrapreso, la risposta è immediata: «Sono molto soddisfatto, anche perché a me serve fare un ripasso. Ho iniziato a studiare anni or sono e quindi alcune materie erano finite nel dimenticatoio. Poi mi sono accorto che la medicina è andata avanti, e io sono un po’ rimasto al medico di base vecchio stampo».

«Quando ho iniziato a studiare medicina – continua Platania – dal medico di base ci si andava solo per farsi fare delle ricette, e questa mentalità ha allontanato molti dalla medicina generale. Il medico di famiglia era visto come un medico di seconda linea, di seconda scelta, quando invece secondo me ha un’importanza primaria, visto che è il primum movens di tutte le altre branche della medicina».

Proprio per superare questa concezione del medico di famiglia come “di serie B” il dottor Platania si dice favorevole alla possibilità di equiparare il corso di medicina generale a una scuola di specializzazione: «Sarebbe una cosa importante e positiva, soprattutto per i medici che verranno a formarsi nel prossimo futuro. In questo modo, per lo meno, la medicina generale verrebbe equiparata ad una specializzazione, perché è una specializzazione, quasi alla pari della medicina interna».

«Sa – dice poco prima di salutarci – ho una figlia iscritta al secondo anno di medicina». «E come ha reagito quando le ha detto che voleva seguire la sua strada?». «Le ho detto “dai che intanto ti faccio strada”. Ognuno – sottolinea sorridendo e allargando le braccia – fa quel che può».

LEGGI ANCHE: I DOLORI DEL GIOVANE MEDICO DI FAMIGLIA: «LA NOSTRA È UNA VOCAZIONE»

Articoli correlati
Formazione MMG, Fraccaro al Question time: «Incarichi anche a chi frequenta il corso. Sindacati saranno coinvolti in scelte»
Il Ministro per i Rapporti con Il Parlamento ha risposto a una interrogazione della deputata Rosa Menga, giovane medico. E riporta i dati del Ministero della Salute: «Due terzi dei medici di medicina generale presentano un’età uguale o superiore a 60 anni e 1 su 5 è sulla fascia di età 65-70»
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Concorso per formazione MMG, FNOMCeO e FIMMG contestano la data scelta: «Regioni riaprano il bando o rischio contenziosi»
Ad agosto stabilite 860 borse aggiuntive, ma Conferenza regioni ha lasciato invariata la data del 25 settembre. Anelli: «Ingiustizia nei confronti dei neo abilitati ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili»
«Il numero chiuso è un terno a lotto». Gli studenti tra speranza e paura d’irregolarità. E in tanti già pensano al ricorso
Tanti aspiranti medici contestano il metodo di selezione e chiedono che lo sbarramento venga fatto più avanti e per merito. Ed anche tante mamme già si informano sulla possibilità di intraprendere un’azione legale
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
MMG, riapertura bando e nuova data concorso. SNAMI: «L’inizio della rinascita della sanità territoriale»
Il Sindacato Autonomo interviene sulla richiesta del Ministero della Salute che, in una lettera inviata  agli assessori delle regioni, richiede la riapertura dei termini per le domande di iscrizione al concorso per il triennio di formazione in medicina generale, assieme al rinvio della data del 25 Settembre 2018 per l’espletamento del Concorso. «Nel futuro delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...