Lavoro 11 giugno 2018

«Ho 60 anni e voglio fare il medico». Storia non comune di un aspirante camice bianco…

Marco Platania è iscritto al corso di formazione in medicina generale: «Ero dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, ma voglio arrivare alla pensione da medico di famiglia. È quello che mi interessa fare di più»

Immagine articolo

La medicina è una vocazione, che può arrivare a qualunque età. Eppure ci stupiamo quando, ogni settembre, vengono pubblicate le matricole degli iscritti al test di ingresso e, scorrendo le date di nascita dei più adulti, notiamo che ci sono anche ultrasessantenni. «Rubano il posto ai giovani che vogliono veramente intraprendere questa carriera», è la reazione di molti studenti, e di molti genitori, spesso coetanei di questi non più giovanissimi aspiranti medici. Alcuni si iscrivono solo per curiosità o per passione, ma poi c’è anche chi, il medico, lo vuole fare davvero, e insegue semplicemente un sogno che ha da quando è bambino. Come il dottor Marco Platania: 59 anni, si è laureato in medicina tre anni fa e adesso frequenta il corso di formazione in medicina generale.

In realtà si era iscritto alla facoltà alla fine degli anni Settanta, ma poi una serie di eventi lo hanno portato a cambiare radicalmente strada. Era dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, che sapeva presto sarebbe chiusa. Ha deciso quindi di tornare sui libri – «anche perché senza far niente proprio non so stare» – e di continuare a lavorare per raggiungere quel sogno interrotto tanti anni fa ma tenuto sempre in un cassetto. «Voglio arrivare alla pensione da medico di medicina generale. È quello che mi interessa fare di più», ci ha detto quando l’abbiamo incontrato all’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma dove, insieme ad un gruppo di ventenni, due volte a settimana frequenta le attività seminariali del corso.

Un corso che frequenta, a differenza dei suoi colleghi, senza percepire alcuna remunerazione: «Ho partecipato al concorso per le 70 borse di studio – spiega il dottor Platania -, ma non sono rientrato tra i vincitori. C’erano però 14 posti in sovrannumero e facendo una domanda alla Regione, che mi ha dato risposta positiva, mi sono potuto iscrivere, però senza borsa di studio. Ma gli obblighi – precisa – sono esattamente gli stessi dei miei colleghi».

Quando gli chiediamo se si ritiene soddisfatto del percorso intrapreso, la risposta è immediata: «Sono molto soddisfatto, anche perché a me serve fare un ripasso. Ho iniziato a studiare anni or sono e quindi alcune materie erano finite nel dimenticatoio. Poi mi sono accorto che la medicina è andata avanti, e io sono un po’ rimasto al medico di base vecchio stampo».

«Quando ho iniziato a studiare medicina – continua Platania – dal medico di base ci si andava solo per farsi fare delle ricette, e questa mentalità ha allontanato molti dalla medicina generale. Il medico di famiglia era visto come un medico di seconda linea, di seconda scelta, quando invece secondo me ha un’importanza primaria, visto che è il primum movens di tutte le altre branche della medicina».

Proprio per superare questa concezione del medico di famiglia come “di serie B” il dottor Platania si dice favorevole alla possibilità di equiparare il corso di medicina generale a una scuola di specializzazione: «Sarebbe una cosa importante e positiva, soprattutto per i medici che verranno a formarsi nel prossimo futuro. In questo modo, per lo meno, la medicina generale verrebbe equiparata ad una specializzazione, perché è una specializzazione, quasi alla pari della medicina interna».

«Sa – dice poco prima di salutarci – ho una figlia iscritta al secondo anno di medicina». «E come ha reagito quando le ha detto che voleva seguire la sua strada?». «Le ho detto “dai che intanto ti faccio strada”. Ognuno – sottolinea sorridendo e allargando le braccia – fa quel che può».

LEGGI ANCHE: I DOLORI DEL GIOVANE MEDICO DI FAMIGLIA: «LA NOSTRA È UNA VOCAZIONE»

Articoli correlati
MMG in estinzione, Tortorella (Consulcesi): «Crisi di vocazione causata da disparità di trattamento inaccettabili»
Sulle pagine di Starbene il presidente della principale realtà di tutela del settore medico commenta il preoccupante avvenire della Medicina Generale italiana: «Entro 10 anni il 70% di loro andrà in pensione. Senza ricambio generazionale il numero totale rischia di assottigliarsi troppo»
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Formazione MMG, Angelo Testa (SNAMI): «Chiediamo da tempo di recuperare precari MMG, proposta governo è un buon inizio»
Tra i temi del XXXVII Congresso del Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani che si svolge a Sorrento anche quello della carenza dei medici. «Chiediamo che quando un medico si iscrive a Medicina abbia poi la certezza di potersi specializzare», sottolinea Testa
Formazione MMG, Fraccaro al Question time: «Incarichi anche a chi frequenta il corso. Sindacati saranno coinvolti in scelte»
Il Ministro per i Rapporti con Il Parlamento ha risposto a una interrogazione della deputata Rosa Menga, giovane medico. E riporta i dati del Ministero della Salute: «Due terzi dei medici di medicina generale presentano un’età uguale o superiore a 60 anni e 1 su 5 è sulla fascia di età 65-70»
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano