Lavoro 11 Giugno 2018 18:27

«Ho 60 anni e voglio fare il medico». Storia non comune di un aspirante camice bianco…

Marco Platania è iscritto al corso di formazione in medicina generale: «Ero dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, ma voglio arrivare alla pensione da medico di famiglia. È quello che mi interessa fare di più»

«Ho 60 anni e voglio fare il medico». Storia non comune di un aspirante camice bianco…

La medicina è una vocazione, che può arrivare a qualunque età. Eppure ci stupiamo quando, ogni settembre, vengono pubblicate le matricole degli iscritti al test di ingresso e, scorrendo le date di nascita dei più adulti, notiamo che ci sono anche ultrasessantenni. «Rubano il posto ai giovani che vogliono veramente intraprendere questa carriera», è la reazione di molti studenti, e di molti genitori, spesso coetanei di questi non più giovanissimi aspiranti medici. Alcuni si iscrivono solo per curiosità o per passione, ma poi c’è anche chi, il medico, lo vuole fare davvero, e insegue semplicemente un sogno che ha da quando è bambino. Come il dottor Marco Platania: 59 anni, si è laureato in medicina tre anni fa e adesso frequenta il corso di formazione in medicina generale.

In realtà si era iscritto alla facoltà alla fine degli anni Settanta, ma poi una serie di eventi lo hanno portato a cambiare radicalmente strada. Era dirigente di un’azienda di ristorazione collettiva, che sapeva presto sarebbe chiusa. Ha deciso quindi di tornare sui libri – «anche perché senza far niente proprio non so stare» – e di continuare a lavorare per raggiungere quel sogno interrotto tanti anni fa ma tenuto sempre in un cassetto. «Voglio arrivare alla pensione da medico di medicina generale. È quello che mi interessa fare di più», ci ha detto quando l’abbiamo incontrato all’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma dove, insieme ad un gruppo di ventenni, due volte a settimana frequenta le attività seminariali del corso.

Un corso che frequenta, a differenza dei suoi colleghi, senza percepire alcuna remunerazione: «Ho partecipato al concorso per le 70 borse di studio – spiega il dottor Platania -, ma non sono rientrato tra i vincitori. C’erano però 14 posti in sovrannumero e facendo una domanda alla Regione, che mi ha dato risposta positiva, mi sono potuto iscrivere, però senza borsa di studio. Ma gli obblighi – precisa – sono esattamente gli stessi dei miei colleghi».

Quando gli chiediamo se si ritiene soddisfatto del percorso intrapreso, la risposta è immediata: «Sono molto soddisfatto, anche perché a me serve fare un ripasso. Ho iniziato a studiare anni or sono e quindi alcune materie erano finite nel dimenticatoio. Poi mi sono accorto che la medicina è andata avanti, e io sono un po’ rimasto al medico di base vecchio stampo».

«Quando ho iniziato a studiare medicina – continua Platania – dal medico di base ci si andava solo per farsi fare delle ricette, e questa mentalità ha allontanato molti dalla medicina generale. Il medico di famiglia era visto come un medico di seconda linea, di seconda scelta, quando invece secondo me ha un’importanza primaria, visto che è il primum movens di tutte le altre branche della medicina».

Proprio per superare questa concezione del medico di famiglia come “di serie B” il dottor Platania si dice favorevole alla possibilità di equiparare il corso di medicina generale a una scuola di specializzazione: «Sarebbe una cosa importante e positiva, soprattutto per i medici che verranno a formarsi nel prossimo futuro. In questo modo, per lo meno, la medicina generale verrebbe equiparata ad una specializzazione, perché è una specializzazione, quasi alla pari della medicina interna».

«Sa – dice poco prima di salutarci – ho una figlia iscritta al secondo anno di medicina». «E come ha reagito quando le ha detto che voleva seguire la sua strada?». «Le ho detto “dai che intanto ti faccio strada”. Ognuno – sottolinea sorridendo e allargando le braccia – fa quel che può».

LEGGI ANCHE: I DOLORI DEL GIOVANE MEDICO DI FAMIGLIA: «LA NOSTRA È UNA VOCAZIONE»

Articoli correlati
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
17 anni e un sogno: il camice bianco. La storia del più giovane aspirante medico della Campania
«Passione, preparazione, relazioni umane: così costruirò la mia carriera e il mio futuro»
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...