Formazione 21 Agosto 2020 13:26

Come funziona il test di Medicina all’estero? Viaggio tra i sistemi adottati in Europa

Molti Paesi europei hanno la necessità di selezionare i candidati che frequenteranno il corso di laurea in Medicina. Ma i metodi adottati sono diversi

Come funziona il test di Medicina all’estero? Viaggio tra i sistemi adottati in Europa

Mancano meno di due settimane al giorno del test di ingresso a Medicina. Il 3 settembre più di 66mila aspiranti camici bianchi si contenderanno i 13mila posti disponibili rispondendo alle temutissime 60 domande. Non mancheranno le consuete proteste delle organizzazioni studentesche contro il sistema del numero chiuso all’università, accusato da molti di violare il diritto allo studio. E non tarderanno ad arrivare, come avviene ogni anno, centinaia di ricorsi contro le irregolarità che potrebbero verificarsi il giorno del test. Ma come funziona l’accesso alla facoltà di Medicina all’estero?

La necessità di uno sbarramento iniziale, infatti, è comune a numerosi Paesi europei, che selezionano all’ingresso gli studenti che potranno frequentare il corso universitario. Due i rischi da evitare: non affollare le aule o i laboratori in cui si svolgono lezioni o esercitazioni e non creare una platea di medici che poi non avrà la possibilità di trovare lavoro. Da qui, la programmazione del numero di posti offerti, strettamente correlata ai fabbisogni dei diversi servizi sanitari nazionali. Quello che cambia tra i diversi Paesi europei è la modalità con cui viene effettuata questa selezione.

STUDIARE MEDICINA ALL’ESTERO: L’ACCESSO IN FRANCIA

Per anni il modello francese è stato preso come esempio da seguire dai tanti che contestano il test a crocette. In Francia, infatti, tutti gli aspiranti medici e professionisti sanitari vengono ammessi al primo anno di università, comune a tutte le branche. Alla fine del primo e del secondo semestre del primo anno, bisogna affrontare dei test. La graduatoria viene stilata in base alla media dei risultati ottenuti nei due esami.

A giugno, quindi, si decide chi potrà continuare a frequentare Medicina o le altre facoltà. Solo il 15-20% dei ragazzi riesce ad ottenere un posto. Chi non è tra questi, ha la possibilità di ripetere l’anno solo una seconda volta, altrimenti dovrà cambiare strada.

IL SISTEMA TEDESCO

Anche in Germania le facoltà di Medicina sono a numero chiuso. Il requisito principale richiesto ai candidati è un eccellente voto di maturità. Il 30% dei posti infatti viene assegnato agli studenti che hanno il voto migliore. Un altro 10% di posti viene assegnato indipendentemente dal voto di maturità sulla base di criteri che vengono stabiliti dalle università, come i risultati ottenuti in un test attitudinale o le esperienze pregresse dei candidati. Il rimanente 60% dei posti viene assegnato dalle università sulla base del voto di maturità e l’analisi di almeno altri due elementi, come precedenti percorsi di formazione o esperienze di volontariato.

Niente test di ingresso, quindi, ma esiste un test attitudinale facoltativo che, se superato con buoni risultati, può essere preso in considerazione dall’università nel corso della selezione.

IL NUMERO CHIUSO NEL REGNO UNITO

Per accedere alle facoltà di Medicina del Regno Unito, i candidati devono avere ottimi voti nelle materie scientifiche studiate a scuola e superare uno dei test selezionati dalle università. I principali sono il BioMedical Admission Test (BMAT), il UK Clinical Aptitude Test (UCAT) o il Graduate Medical School Admissions Test (GAMSAT). Organizzate in modi diversi, tutte le prove consentono alle università di vagliare le conoscenze e la predisposizione dei candidati necessarie per studiare Medicina.

Oltre al test, la maggior parte delle università chiede ai candidati di sostenere anche un colloquio o delle Multiple Mini Interviews (MMIs) necessarie a verificare le capacità comunicative, empatiche e di lavoro in gruppo. Ovviamente la media dei punteggi ottenuti in ogni prova servirà alle università per stilare la graduatoria e decidere quindi chi far immatricolare e chi no.

STUDIARE MEDICINA ALL’ESTERO: ROMANIA E ALBANIA

Molti ragazzi italiani che non riescono a superare il test di ingresso a Medicina decidono di trasferirsi in Romania o in Albania, dove non è previsto un esame di ammissione complesso come il nostro. La selezione infatti avviene tramite test più semplici e la valutazione del curriculum. Alcune università, poi, hanno stretto degli accordi con le università italiane (come l’università di Tirana e Tor Vergata di Roma) che prevedono quindi la presenza di docenti italiani, lezioni in italiano e la possibilità di conseguire una doppia laurea.

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
Carenza medici: in Legge di Bilancio ripescaggio per esclusi al test che hanno fatto ricorso
Presentato l’emendamento a firma dell’onorevole Vito De Filippo: con il provvedimento potranno entrare alla Facoltà di Medicina i candidati che hanno presentato ricorso al Tar. Consulcesi: «C’è tempo solo fino all’11 dicembre per l’azione legale»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...