Formazione 1 Luglio 2020 11:33

Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo

Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)

Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo

Sono 13.072 i posti disponibili al corso di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia per l’anno accademico 2020/2021 (1.500 in più rispetto allo scorso anno). Per quanto riguarda Odontoiatria, i posti sono 1.231. Le iscrizioni al test di Medicina, destinate a candidati di Paesi Ue e non Ue residenti in Italia, iniziano oggi. Lo scrive nero su bianco il decreto ministeriale n. 243 del 30 giugno, chiarendo le disponibilità per singola Università italiana.

COME ISCRIVERSI AL TEST

Le aspiranti matricole potranno iscriversi al test d’ingresso a Medicina da oggi, 1° luglio, fino alle ore 15 del 23 luglio su Universitaly, seguendo le indicazioni presenti nel decreto Miur e nel bando di ciascun ateneo. «Il perfezionamento dell’iscrizione – precisa il ministero – avviene a seguito del pagamento del contributo per la partecipazione al test secondo le procedure indicate dall’università in cui il candidato sostiene la prova. La scadenza per il pagamento è fissata al 29 luglio 2020.

LEGGI ANCHE TEST MEDICINA 2020, ECCO DATE, SCADENZE E MATERIE. PER IL COVID-19, NOVITA’ SULLE SEDI IN CUI SI SVOLGERA’ LA PROVA

I POSTI DIVISI PER UNIVERSITÀ

Ogni università, si legge, dispone l’ammissione dei candidati in base alla graduatoria di merito unica nazionale, che dipenderà dal test di Medicina, nei limiti dei posti accessibili. Tra gli atenei con più disponibilità troviamo Milano con 400 posti, più 44 in lingua inglese e ancora 133 in “Bicocca” a Monza e 22 in lingua inglese a Bergamo. Anche nell’università di Roma “La Sapienza” 660 posti solo nei quattro policlinici, 38 in lingua inglese, 45 all’High Technology, 145 al Polo pontino e 180 a Sant’Andrea. A cui si aggiungono i 220 di Tor Vergata, più 25 in inglese. Tanti anche a Napoli: 550 al “Vanvitelli” (300 a Napoli e 150 a Caserta), con 40 in inglese. Si aggiungono alla “Federico II”, 557 in italiano e 15 in inglese.

ECCO LA SUDDIVISIONE DI POSTI PER ATENEO

IL TEST D’AMMISSIONE

L’esame si svolgerà il 3 settembre 2020 alle ore 12:00 e durerà 100 minuti. Per superare la prova «è richiesto il possesso di una cultura generale – si legge nel decreto – con particolari attinenze all’ambito letterario, storico-filosofico, sociale ed istituzionale, nonché della capacità di analisi su testi scritti di vario genere e di attitudini al ragionamento logico-matematico. Le conoscenze e le abilità richieste fanno riferimento alla preparazione scolastica e «si riferiscono anche alle discipline scientifiche della Biologia, della Chimica, della Fisica e della Matematica». «La prova di ammissione – specifica il Miur – ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia e in odontoiatria e protesi dentaria, è unica per entrambi i corsi ed è di contenuto identico in tutte le sedi in cui si svolge la prova».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...