Giovani 2 Maggio 2019 12:51

Carenza medici, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Scorretto impiegare gli specializzandi come “tappabuchi”»

«Richiamare i pensionati misura estrema che riflette l’intero buco formativo. Siamo favorevoli ai concorsi aperti agli specializzandi dell’ultimo anno ma non ad una contrattualizzazione precoce». E sulla disparità tra MMG e specializzandi il presidente di FederSpecializzandi aggiunge: «È significativa e va superata, si formano tanto quanto gli altri»

La formazione specialistica oggi, in Italia, non solo non è adeguata a quelli che sono gli standard europei, ma paga anche le conseguenze di un’errata programmazione e di anni di politiche sbagliate che rischiano, in futuro, di non poter garantire la salute dei cittadini e la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale. Ne è perfettamente consapevole Stefano Guicciardi, Presidente di FederSpecializzandi (Associazione nazionale dei medici in formazione specialistica) e medico in formazione in Igiene e Medicina Preventiva presso l’Università di Bologna. Il dottor Guicciardi, ai nostri microfoni, ha precisato quali sono i tanti nodi da sciogliere per migliorare la situazione dei futuri medici specialisti italiani.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, GUICCIARDI (FEDERSPECIALIZZANDI): «INTERVENIRE SU QUALITA’ FORMAZIONE. SI FINISCE SCUOLA SENZA AVER MAI OPERATO»  

Lei ha parlato di una differenza a livello formativo tra l’Italia e i Paesi europei. Ci può spiegare meglio queste difformità?

«Ho fatto un confronto soprattutto con l’Inghilterra che è un Paese che ha sviluppato per anni un approfondimento sulla formazione medica post-laurea a cui noi guardiamo con interesse, senza copiare, provando a contestualizzarlo alla situazione italiana. Le differenze sono significative: partiamo dalla chirurgia; un chirurgo generale in Italia ha come riferimento due pagine di obiettivi scritti all’interno del Decreto interministeriale 68-2015. Si tratta di obiettivi anche generici del tipo “il medico deve aver fatto 320 interventi di piccola chirurgia”. In Inghilterra, al contrario, c’è un curriculum di 351 pagine estremamente dettagliato in cui, per ogni specialista, c’è scritto che ruolo deve avere, quali sono le competenze da acquisire, gli strumenti pedagogici e di valutazione. Ecco, questi sono tutti concetti che faticano ad entrare nel nostro modo di ragionare e questo inficia la qualità formativa. Come facciamo a valutare un chirurgo se non abbiamo strumenti di confronto? Quali sono gli strumenti che possiamo utilizzare per poter verificare che un chirurgo a Milano sia formato allo stesso modo di un chirurgo a Palermo? Queste non sono sottigliezze, questo è il cuore della formazione e della sicurezza delle cure per i cittadini che devono pretendere di avere chirurghi allo stesso livello di formazione».

Lo specializzando è un medico in formazione: come è coperto a livello di responsabilità professionale e quanto spaventano i contenziosi legali?

«Il tema del contenzioso medico legale è molto grave; per quanto riguarda lo specializzando, come medico in formazione, la tutela legale è garantita dal momento in cui lavora all’interno del contesto formativo ed è coperto dal contratto di formazione. Questo spaventa per il post: ci sono specializzazioni che risentono di questa criticità, del contenzioso che aumenta man mano che uno diventa più esperto e acquisisce rischi professionali maggiori, tipici della chirurgia».

Per ciò che riguarda la carenza di personale, cosa ne pensa di richiamare i medici pensionati o di aprire i concorsi agli specializzandi?

«Per quanto riguarda i medici pensionati, credo che sia una misura estrema che riflette l’intero buco formativo che c’è nel sistema. Sono anni che diciamo che mancano le risorse per formare gli specialisti e ora i nodi vengono al pettine: si arriva a situazioni estreme quasi surreali. L’accesso ai concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno è positivo purché si mantenga come accesso al concorso e non come una contrattualizzazione precoce che vorrebbe dire, di fatto, impiegare lo specializzando come “tappabuchi” per colmare esigenze di organico. Questo non deve avvenire, perché fino all’ultimo momento lo specializzando è un medico in formazione e ha bisogno di tutti gli insegnamenti necessari e le tutele formative perché diventi effettivamente un professionista completo».

Molte scuole di specializzazione rischiano di chiudere perché non rispettano gli standard qualitativi…

«È una cosa da affrontare con serietà: se non ci sono gli standard è giusto che la scuola non eroghi formazione. Non possiamo più pretendere, come avveniva gli scorsi anni, che uno specializzando si formi in un contesto non adeguato a formarlo. Il percorso è iniziato nel 2017 con il primo processo di accreditamento e adesso le scadenze sono arrivate a conclusione; per questo, le scuole che con hanno certi requisiti dovranno chiudere nell’interesse dello specializzando e del cittadino».

Per concludere, quanto pesa ancora la disparità economica tra specializzandi e medici che frequentano il corso di formazione in medicina generale?

«Per ora è significativa; lo specializzando, con il suo contratto, percepisce uno stipendio simile alla borsa studentesca di circa 25mila euro lordi i primi due anni e dal terzo in poi di 26mila euro. Questo non avviene per i colleghi che fanno medicina generale: il corso è molto differente in termini di tutele e diritti, il compenso economico è molto al di sotto e per questo la disparità va superata. Si tratta di colleghi che si formano tanto quanto gli specialisti e che devono garantire un servizio essenziale come quello territoriale ai cittadini».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, TORREGGIANI (FIMMG): «MEDICINA GENERALE CONSIDERATA DI SERIE B. SERVE ADEGUAMENTO BORSE»

Articoli correlati
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia
Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»
di Federica Bosco
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM