Formazione 25 Giugno 2019

Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»

Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi

Immagine articolo

«Mancano gli infermieri e mancano i medici», lo chiarisce il presidente Omceo Roma Antonio Magi in risposta alla nota diffusa dall’associazione Codici che parlava di un allarmismo, quello dei medici, ingiustificato. «È chiaro, i medici parlano per i medici, gli infermieri parleranno per gli infermieri, – sottolinea Magi in una lunga intervista rilasciata a Sanità Informazione – però mancano tutti e due. Il problema è che c’è stata una mancata programmazione»

Nello specifico a mancare non sono i medici, ma gli specialisti. «In alcune branche siamo fortemente carenti», spiega ancora il presidente Omceo Roma. «Abbiamo 15mila medici che stanno in un imbuto formativo e che non possono entrare né nella scuola di specializzazione né nelle borse della medicina generale e sono fuori dal sistema».

Altro problema, il blocco del turn over. «Non assumiamo da 10 anni e abbiamo fatto che cosa? In primis invecchiato la popolazione medica e infermieristica, perché il turn over ha interessato tutti all’interno degli ospedali e delle strutture. Senza un ricambio naturale oggi ci troviamo con meno persone, quindi difficoltà anche di operatività e in più con la gobba pensionistica che sta arrivando, noi entro il 2025 andiamo a perdere veramente un mare di professioni, sia per quanto riguarda i medici sia per quanto riguarda le professioni».

LEGGI: FORMAZIONE ECM, CONSULCESI: «SOLO POCHI IN REGOLA, RISCHIO DANNO PER TUTTA LA CATEGORIA»

Per l’associazione Codici un ulteriore bluff è «l’eccessivo clamore dato ai casi di malasanità». «Abbiamo una legge (ndr. Legge Gelli) che ha in qualche modo risolto solo alcune problematiche, – replica Magi – dall’altra parte hanno ragione, non ne ha risolte altre. Ad esempio, quando un medico viene ingiustamente accusato, poi nessuno risarcisce questo medico. La legge non ha previsto questo piccolo particolare. Al 90% a livello penale si risolve (ndr. a favore del medico), ma dopo aver fatto quattro o cinque anni con l’avvocato penalista che stai pagando e con l’angoscia. Addirittura, ci sono colleghi che hanno cambiato la propria attività, non hanno più voluto fare quel tipo di attività. È chiaro che chi deve essere risarcito perché ha avuto un danno, deve essere risarcito, però bisogna trovare un sistema di equilibrio. La legge Gelli è un inizio, ma non è sicuramente la panacea».

Quali allora le proposte? «Per quanto riguarda il numero dei medici è semplice. In questo momento c’è un problema specialisti. Ne abbiamo 20mila già specializzati che sono in attesa di entrare nel Servizio sanitario nazionale, ma noi non li stiamo facendo entrare e questi vanno all’estero. Ci sono molte specializzazioni come ginecologia, ortopedia, anestesia, radiologia, chirurgia e la medicina di emergenza che sono carenti. Perché la programmazione non è stata corretta in quel senso, per cui abbiamo esuberi in alcune branche specialistiche e carenze totali in altre. La ricetta è che invece di aumentare il numero di tutte le specializzazioni, in maniera generale, si cominci ad aumentare le branche dove c’è carenza, per cui poi ci sono altri 30mila specialisti che si stanno specializzando nel frattempo e quindi aprire alle assunzioni, così da non perderli. Altra cosa, noi abbiamo gli specialisti ambulatoriali che sono quelli che stanno nelle Asl e in alcuni ospedali e che sono medici a convenzione che hanno la media oraria di 20 ore settimanali. Basterebbe portarli a 38 ore e automaticamente è come se avessimo assunto 5mila specialisti».

«Sul contenzioso medico paziente ci vuole una legge che depenalizzi l’errore medico in quanto tale», spiega Antonio Magi. «Siamo rimasti noi, il Messico e la Polonia che abbiamo la penalizzazione dell’errore medico. L’altra cosa è quella di prevedere che ci sia per chi viene accusato ingiustamente, un giusto risarcimento e quindi paghi chi denuncia in maniera ingiusta. Questo non è un sistema che può andare avanti, perché poi corrompe il rapporto medico paziente, è chiaro che poi il medico vede nel paziente un pericolo, non vede uno da aiutare».

LEGGI: ECM, OMCEO ROMA PUNTA SU FORMAZIONE A DISTANZA. MAGI: «SE I MEDICI NON RIESCONO AD AGGIORNARSI È ANCHE COLPA DEL BLOCCO DEL TURN-OVER»

Infine, i medici non curano l’aggiornamento professionale. «Noi abbiamo altri dati, – tiene a ribadire il presidente Omceo di Roma – se ce li potessero mostrare saremmo contenti di poterli discutere insieme. A noi risulta tutt’altra cosa. I medici fanno la formazione professionale, certo alcuni un po’ di più, altri di meno, però vedrà che quando sarà il momento di certificare tutti i medici avranno fatto quello che dovevano fare».

Sulla formazione ECM gli Omceo sono al lavoro. «Ovviamente ci stiamo muovendo per avvisare che c’è un dispositivo di legge per quanto riguarda l’Educazione Continua in Medicina. Che poi, riguardo l’ECM, quanto sia normata nella maniera corretta oggi è da vedere. Perché magari io vado a Boston a farmi tre anni lì e quello non vale come ECM. E quello è un aggiornamento professionale. I medici sono aggiornati, per quanto riguarda l’ECM anche lì stanno facendo il loro dovere, poi quelli che non lo faranno ovviamente poi saranno… e mi sembra anche giusto». Il Presidente del più grande Ordine dei Medici d’Europa ci tiene a non marcare quella che può essere la conseguenza di un mancato aggiornamento ECM. Tuttavia, ribadisce la difesa dei tantissimi colleghi, la stragrande maggioranza, in regola con le norme sull’Educazione Continua in Medicina: «Invece che tutti i medici non si aggiornino è un attacco così, tanto per farsi sentire – conclude Magi -. Poi chiaramente le difficoltà ci sono e su questo noi siamo pronti al confronto».

Articoli correlati
Violenza di genere, anche piccole lesioni ai denti possono essere markers di un’aggressione
Dall’OMCeO di Napoli le nuove direttive per la formazione del personale sanitario. A odontoiatri e medici di Pronto Soccorso il ruolo di sentinelle per intercettare i primi segni. Formazione specifica anche sul piano della comunicazione
Dal fascicolo sanitario elettronico alla revisione delle norme sui concorsi, Speranza detta il programma durante il question time
Alla Camera dei Deputati, tra i temi affrontati anche l'adozione definitiva del decreto sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) e l'aumento delle borse di formazione inserito nel Patto della Salute 2020 in discussione
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Congresso Sumai, Magi: «Assumere specialisti ambulatoriali per risolvere carenza». Sileri apre: «Servono risorse»
 «Ci sono 20mila medici specialisti al di sotto dei 45 anni pronti a entrare nel Servizio sanitario nazionale ai quali si aggiungono altri 34.400 specializzandi. Nei prossimi anni andranno in pensione 52mila medici quindi, facendo i conti, tra specializzandi e specialisti si coprirebbe il turnover».  Questo uno dei passaggi centrali della relazione del Segretario generale del SUMAI Assoprof dal palco del 52° Congresso nazionale apertosi oggi a Gardone Riviera (BS)
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...