Formazione 5 Giugno 2019 09:53

ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»

L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»

di Isabella Faggiano
ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»

Mancato aggiornamento professionale dei medici? «La colpa è anche del blocco del turnover», dice Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, ai microfoni di Sanità Informazione. «I nostri professionisti – continua il presidente dell’Ordine romano – si trovano ad affrontare una grave situazione operativa: lavorano in condizioni terribili ed hanno sempre meno tempo da dedicare all’ aggiornamento professionale. Per questo – continua Magi – abbiamo avviato la formazione a distanza (FAD), grazie ad una convenzione stipulata con l’Università la Sapienza».

Ma la formazione da remoto è solo uno dei più recenti impegni assunti dall’Ordine dei Medici di Roma, schierato in prima linea anche per promuovere l’incremento della formazione gratuita per i camici bianchi e l’educazione dei cittadini.

«Non dimentichiamo mai di trasmettere ai nostri medici l’importanza della formazione che, – aggiunge il presidente Magi – al di là delle recenti polemiche sui professionisti che non hanno rispettato l’obbligo di aggiornamento, resta il nostro punto di forza: i medici italiani si confermano tra i più preparati al mondo».

Ed è proprio per mantenere questo standard elevato che l’OMCeO di Roma ha decido di incrementare notevolmente la sua offerta di corsi gratuiti per i medici: «Una scelta – sottolinea Magi – che si è rivelata un successo: abbiamo dovuto proporre più repliche degli stessi corsi per rispondere all’enorme richiesta di partecipazione ricevuta».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, PARLA IL PRESIDENTE CAO AOSTA CHE HA FIRMATO LA PRIMA SANZIONE: «VALUTARE CASO PER CASO MA ORA RICREAZIONE E’ FINITA»

Ma la formazione proposta dall’Ordine della Capitale non si rivolge solo ai camici bianchi: «Come organo sussidiario dello Stato, a tutela della salute pubblica – aggiunge il presidente – abbiamo deciso di preparare anche i cittadini ad affrontare alcune particolari emergenze.  Un insegnamento che potrebbe tradursi nella reale possibilità di evitare molte morti».

Non si tratta di progetti in cantiere, ma di iniziative già inaugurate: «A partire dalle donne – continua il presidente dell’Ordine dei medici di Roma – educate, formate ed informate sulla prevenzione del tumore al seno. Il progetto ha coinvolto anche coloro che sono state già vittime del cancro, affinché non abbassino la guardia nemmeno dopo la guarigione».

Il secondo obiettivo mira, ora, verso un’altra fascia debole della popolazione: i bambini. «Vorremmo concentrarci sull’area della pediatria, puntando soprattutto sulle emergenze. Innanzitutto spiega Magi – vorremmo formare tutti coloro che lavorano a contatto con i più piccoli, come ad esempio gli educatori e i maestri. Purtroppo i fatti di cronaca, l’ultimo in ordine di tempo la tragica morte del bambino che si trovava in un asilo nido della Capitale, sono la conferma di questa urgente necessità. I bambini possono compiere gesti inaspettati e se molto piccoli non hanno la capacità di comunicare i sintomi del proprio malessere. La nostra missione di medici – conclude – è sempre la stessa: salvare quante più vite è possibile».

Articoli correlati
Formazione ECM, Mantoan (Agenas): «In arrivo nuovi incentivi, tra premi e sanzioni»
Il direttore generale dell’Agenzia: «Con il decreto attuativo della legge Gelli le assicurazioni potranno penalizzare i professionisti non in regola con l’obbligo formativo. Valorizzeremo i corsi di qualità»
«Lavorare in ospedale? No, grazie». In 10 anni aumentati dell’81% i medici che si sono dimessi
Lo rivela uno studio condotto da Anaao Assomed: «La speranza è soprattutto di avere un lavoro meno burocratico, più autonomo, con orari più flessibili»
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...