Formazione 5 Giugno 2019

ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»

L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Mancato aggiornamento professionale dei medici? «La colpa è anche del blocco del turnover», dice Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, ai microfoni di Sanità Informazione. «I nostri professionisti – continua il presidente dell’Ordine romano – si trovano ad affrontare una grave situazione operativa: lavorano in condizioni terribili ed hanno sempre meno tempo da dedicare all’ aggiornamento professionale. Per questo – continua Magi – abbiamo avviato la formazione a distanza (FAD), grazie ad una convenzione stipulata con l’Università la Sapienza».

Ma la formazione da remoto è solo uno dei più recenti impegni assunti dall’Ordine dei Medici di Roma, schierato in prima linea anche per promuovere l’incremento della formazione gratuita per i camici bianchi e l’educazione dei cittadini.

«Non dimentichiamo mai di trasmettere ai nostri medici l’importanza della formazione che, – aggiunge il presidente Magi – al di là delle recenti polemiche sui professionisti che non hanno rispettato l’obbligo di aggiornamento, resta il nostro punto di forza: i medici italiani si confermano tra i più preparati al mondo».

Ed è proprio per mantenere questo standard elevato che l’OMCeO di Roma ha decido di incrementare notevolmente la sua offerta di corsi gratuiti per i medici: «Una scelta – sottolinea Magi – che si è rivelata un successo: abbiamo dovuto proporre più repliche degli stessi corsi per rispondere all’enorme richiesta di partecipazione ricevuta».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, PARLA IL PRESIDENTE CAO AOSTA CHE HA FIRMATO LA PRIMA SANZIONE: «VALUTARE CASO PER CASO MA ORA RICREAZIONE E’ FINITA»

Ma la formazione proposta dall’Ordine della Capitale non si rivolge solo ai camici bianchi: «Come organo sussidiario dello Stato, a tutela della salute pubblica – aggiunge il presidente – abbiamo deciso di preparare anche i cittadini ad affrontare alcune particolari emergenze.  Un insegnamento che potrebbe tradursi nella reale possibilità di evitare molte morti».

Non si tratta di progetti in cantiere, ma di iniziative già inaugurate: «A partire dalle donne – continua il presidente dell’Ordine dei medici di Roma – educate, formate ed informate sulla prevenzione del tumore al seno. Il progetto ha coinvolto anche coloro che sono state già vittime del cancro, affinché non abbassino la guardia nemmeno dopo la guarigione».

Il secondo obiettivo mira, ora, verso un’altra fascia debole della popolazione: i bambini. «Vorremmo concentrarci sull’area della pediatria, puntando soprattutto sulle emergenze. Innanzitutto spiega Magi – vorremmo formare tutti coloro che lavorano a contatto con i più piccoli, come ad esempio gli educatori e i maestri. Purtroppo i fatti di cronaca, l’ultimo in ordine di tempo la tragica morte del bambino che si trovava in un asilo nido della Capitale, sono la conferma di questa urgente necessità. I bambini possono compiere gesti inaspettati e se molto piccoli non hanno la capacità di comunicare i sintomi del proprio malessere. La nostra missione di medici – conclude – è sempre la stessa: salvare quante più vite è possibile».

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...