Formazione 5 Giugno 2019

ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»

L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Mancato aggiornamento professionale dei medici? «La colpa è anche del blocco del turnover», dice Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, ai microfoni di Sanità Informazione. «I nostri professionisti – continua il presidente dell’Ordine romano – si trovano ad affrontare una grave situazione operativa: lavorano in condizioni terribili ed hanno sempre meno tempo da dedicare all’ aggiornamento professionale. Per questo – continua Magi – abbiamo avviato la formazione a distanza (FAD), grazie ad una convenzione stipulata con l’Università la Sapienza».

Ma la formazione da remoto è solo uno dei più recenti impegni assunti dall’Ordine dei Medici di Roma, schierato in prima linea anche per promuovere l’incremento della formazione gratuita per i camici bianchi e l’educazione dei cittadini.

«Non dimentichiamo mai di trasmettere ai nostri medici l’importanza della formazione che, – aggiunge il presidente Magi – al di là delle recenti polemiche sui professionisti che non hanno rispettato l’obbligo di aggiornamento, resta il nostro punto di forza: i medici italiani si confermano tra i più preparati al mondo».

Ed è proprio per mantenere questo standard elevato che l’OMCeO di Roma ha decido di incrementare notevolmente la sua offerta di corsi gratuiti per i medici: «Una scelta – sottolinea Magi – che si è rivelata un successo: abbiamo dovuto proporre più repliche degli stessi corsi per rispondere all’enorme richiesta di partecipazione ricevuta».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, PARLA IL PRESIDENTE CAO AOSTA CHE HA FIRMATO LA PRIMA SANZIONE: «VALUTARE CASO PER CASO MA ORA RICREAZIONE E’ FINITA»

Ma la formazione proposta dall’Ordine della Capitale non si rivolge solo ai camici bianchi: «Come organo sussidiario dello Stato, a tutela della salute pubblica – aggiunge il presidente – abbiamo deciso di preparare anche i cittadini ad affrontare alcune particolari emergenze.  Un insegnamento che potrebbe tradursi nella reale possibilità di evitare molte morti».

Non si tratta di progetti in cantiere, ma di iniziative già inaugurate: «A partire dalle donne – continua il presidente dell’Ordine dei medici di Roma – educate, formate ed informate sulla prevenzione del tumore al seno. Il progetto ha coinvolto anche coloro che sono state già vittime del cancro, affinché non abbassino la guardia nemmeno dopo la guarigione».

Il secondo obiettivo mira, ora, verso un’altra fascia debole della popolazione: i bambini. «Vorremmo concentrarci sull’area della pediatria, puntando soprattutto sulle emergenze. Innanzitutto spiega Magi – vorremmo formare tutti coloro che lavorano a contatto con i più piccoli, come ad esempio gli educatori e i maestri. Purtroppo i fatti di cronaca, l’ultimo in ordine di tempo la tragica morte del bambino che si trovava in un asilo nido della Capitale, sono la conferma di questa urgente necessità. I bambini possono compiere gesti inaspettati e se molto piccoli non hanno la capacità di comunicare i sintomi del proprio malessere. La nostra missione di medici – conclude – è sempre la stessa: salvare quante più vite è possibile».

Articoli correlati
Ipertensione, studio Senior Italia – FederAnziani: «Semplificare terapia favorisce aderenza terapeutica e controllo pressione»
Passando dal caso di chi usa un solo farmaco antipertensivo al caso di chi invece utilizza tre farmaci antipertensivi, l’aderenza quasi si dimezza crollando dal 68% al 40%.Dallo studio prende le mosse la campagna di sensibilizzazione “Monitoro la mia pressione” sull’importanza del controllo pressorio nella popolazione over 65
Protocollo d’intesa III Municipio – OMCeO Roma.  Magi: «Continua l’impegno dell’Ordine a tutela della salute dei cittadini della Capitale»
Istituita la ‘Consulta Socio-Sanitaria del Municipio Roma III Montesacro’. Tra le iniziative la promozione di iniziative a favore del patto medici-pazienti e della difesa del diritto alla salute
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...