Formazione 20 Febbraio 2020

Caos Cogeaps, Lorenzin: «Presenterò interrogazione parlamentare». E sulla riforma Ecm: «Partecipino anche i provider»

L’ex ministro della Salute si dice preoccupata per la paralisi che ha colpito il Consorzio e ritiene che anche il Parlamento debba essere informato sulla riforma dell’Educazione continua in medicina

Immagine articolo

Un’interrogazione parlamentare per far luce su cosa sta accadendo in casa Cogeaps. Ad annunciarla è Beatrice Lorenzin, deputata del Partito democratico ed ex ministro della Salute, che vuole vederci chiaro sui motivi che, da diversi mesi, impediscono al Consorzio gestione anagrafica professioni sanitarie di stare al passo con l’aggiornamento delle posizioni di medici e professionisti sanitari relative all’acquisizione dei crediti formativi Ecm. Una paralisi del sistema causata, a quanto pare, dall’enorme numero di richieste pervenute negli ultimi mesi e che viene annoverata dalla Commissione nazionale Ecm tra le principali motivazioni che l’hanno spinta a prorogare di un anno il triennio formativo 2017-2019.

«Quello che sta accadendo ci preoccupa – ha detto la Lorenzin ai nostri microfoni – e presenterò quindi un’interrogazione formale al ministro della Salute Speranza per capire come si è mossa in questi mesi e cosa intende fare l’Agenas (l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali). E poi – ha aggiunto l’Onorevole – vorrei un po’ più di chiarezza sul processo decisionale in corso che riguarda il futuro dell’Ecm».

Alla fine dello scorso anno infatti la Commissione nazionale che si occupa dell’Educazione continua in medicina ha deciso di intraprendere un percorso annuale di riforma dell’Ecm. «Non ne sappiamo molto di questo processo – ha dichiarato l’ex Ministro – quindi credo che il Parlamento debba essere informato di quanto sta avvenendo. D’altra parte ritengo che anche i provider, che sono i soggetti che effettivamente poi erogano la formazione, debbano sedere al tavolo per disegnare un progetto di riforma che abbia come obiettivo quello che auspichiamo tutti: che l’Ecm funzioni meglio».

Un tema, quello della formazione continua, che sta particolarmente a cuore alla Lorenzin, perché «la medicina cambia in continuazione ed è giusto e doveroso che chi opera sia sempre al passo delle innovazioni e delle nuove best practice». E le nuove tecnologie possono essere di grande aiuto per l’aggiornamento continuo dei medici: «Le simulazioni sono ormai alla base della formazione medica – ha commentato la Lorenzin – e la realtà aumentata consente di fare un ulteriore passo in avanti. Non soltanto nella formazione, ma anche nella terapia. Basti immaginare cosa accadrà nei prossimi mesi grazie al 5G: un medico o un operatore sanitario che si trovino in una città potranno essere presenti ad un intervento che viene fatto a migliaia di chilometri. Le distanze si annulleranno in tempo reale, e questo avrà delle ripercussioni molto importanti sulla formazione, consentendo a chiunque, ovunque si trovi, di avere accesso alla migliore formazione sanitaria possibile, e sul modo stesso di fare medicina. Renderebbe possibile l’accesso ai servizi di eccellenza e alle migliori risorse umane anche a chi si trova nelle aree rurali, nelle aree montane e, volendo spostare un po’ lo sguardo, anche nei Paesi del terzo mondo. Potrebbe essere una vera rivoluzione», conclude l’onorevole Lorenzin.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
Come ti ricreo la scena del crimine in casa (grazie alla realtà aumentata)
In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega come solo la formazione a distanza, unita alla realtà virtuale e alle tecnologie più innovative, possono fornire gli strumenti adeguati a preparare al meglio i nuovi professionisti del settore
ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»
Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema ECM: «Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...