Formazione 12 Marzo 2019

Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»

Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»

Tantissime soluzioni e un vasto potenziale applicativo in sanità. La blockchain è in grado di rispondere concretamente alle criticità del sistema sanitario semplificando il lavoro di medici ed operatori, garantendo maggiore sicurezza e diminuendo i costi.

Stiamo parlando di una tecnologia che senza dubbio impatterà notevolmente sulla nostra quotidianità; per questo, cresce la richiesta di esperti nel settore. La Link Campus University è stata tra le prime università a muoversi in questa direzione e a valutare tutti gli aspetti che sono connessi all’introduzione della blockchain, lanciando il primo Master italiano in Blockchain ed Economia delle criptovalute, realizzato in collaborazione con Consulcesi Tech. «L’introduzione di una nuova tecnologia impone nuove skills agli operatori – sostiene Vincenzo Scotti, Presidente Link Campus University ai nostri microfoni -. Sono alcuni anni che lavoriamo su questo tema, vogliamo arrivare ad una Laurea Magistrale specifica che possa assicurare la preparazione dei professionisti che sono chiamati a lavorare in questo settore per una stretta sinergia tra imprese, accademie e università».

L’obiettivo della Link è creare, dunque, delle figure professionali trasversali, abili e pronte a seguire l’implementazione di tecnologie avanzate: «La Link Campus lavora sulle blockchain ormai da un po’, siamo passati da appassionati a ricercatori effettivi sul tema – spiega Monica Costantini, membro dell’Osservatorio Blockchain dell’università privata romana -. Abbiamo portato la certificazione dei titoli di studio su blockchain, lavoriamo in ambito tracciabilità e, con il master, cerchiamo di creare delle nuove competenze, anche dal punto di vista tecnico, non solo dal punto di vista concettuale».

L’obiettivo della Link Campus è puntare sulle nuove tecnologie anche a livello occupazionale: «Credo che il futuro del nostro Paese e dell’Europa – prosegue Scotti – anche nella competizione globale, passa attraverso il saper anticipare e gestire l’innovazione e il cambiamento nelle fasi di passaggio dalle vecchie alle nuove tecnologie». Anche la certificazione della Formazione ECM può rappresentare un valore aggiunto in ambito sanitario: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica».

Le nuove opportunità offerte dalla blockchain sono sotto gli occhi di tutti: «Chiarezza e certificazione dei dati, nuova logistica, somministrazione personalizzata dei farmaci. Si tratta di tecnologie a scala globale e, per questo, bisogna agire sui tempi – prosegue Medaglia -. Bisogna fare tanto dal punto di vista normativo-industriale per far sì che l’Italia mantenga quella posizione d’eccellenza nel campo della sanità che tutti vogliamo e che porterebbe sviluppo industriale e posti di lavoro nel nostro Paese».

Molteplici potenzialità, vari ambiti di applicazione: «A livello europeo si sta procedendo alla realizzazione di molte applicazioni, fra cui la gestione della cartella clinica del paziente centralizzata, la tracciabilità del farmaco – conclude Monica Costantini. C’è un progetto europeo molto grande, si chiama My Health My Data, che vede confrontarsi tanti Paesi europei su questo tema, tante aziende ospedaliere di tanti Paesi europei; la tecnologia è in crescita, stiamo condividendo dati e saperi per cercare di arrivare a un punto comune».

Articoli correlati
Covid-19, sensori ambientali sul posto di lavoro per prevenire il contagio
Tornare tutti in ufficio o in azienda ma in condizioni di sicurezza da Covid-19, per far ripartire l’economia colpita dalla pandemia virale, rappresenta oggi una priorità. Aziende e pubblica amministrazione devono mettere in funzione gli strumenti più idonei a permettere la convivenza in spazi chiusi come gli uffici nel periodo di riapertura, anche se graduale. […]
Coronavirus, Corti (Fimmg): «È stata trasformata un’emergenza territoriale in un’emergenza ospedaliera»
«È stato fatto pochissimo per potenziare le strutture del territorio, perché facessero argine e rallentassero la diffusione del contagio - spiega il Vicesegretario nazionale Fimmg - . Esiste un sommerso di persone decedute per Coronavirus che non emerge dai dati ufficiali»
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
I dati infettivologici/epidemiologici della COVID-19
Non sono un infettivologo, non sono un epidemiologo, non sono un esperto di statistica. Sono però un medico. Mi piace ragionare e, soprattutto, mi piace stare dalla parte della realtà. Ho sempre cercato di riflettere di fronte ai dati epidemiologici, che debbono servirci, appunto, per condurre in porto ragionamenti “logici sull’epidemia”. Su The Lancet sono […]
di Dr. Mario Iannucci - Psichiatra psicoanalista
Covid-19, è siciliano il primo progetto di biocontenimento: online corsi su vestizione e svestizione
Nato in collaborazione con il ministero della Salute e dalla sinergia fra assessorato della Salute della Regione siciliana, Ordine dei medici di Palermo, Asp di Trapani e Asp di Ragusa, “Health Biosafety Training” è rivolto a tutti i soggetti coinvolti nella gestione di un’emergenza sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 aprile, sono 1.485.981 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 88.538 i decessi e 330.782 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino dell...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...