Formazione 28 Ottobre 2019

Big Data, Ciucciomini (Darktrace): «Formare operatori sanitari. Attacco informatico può arrivare anche da un link in una mail»

«Darktrace, con la sua intelligenza artificiale – sottolinea Luca Ciucciomini, account manager dell’azienda specializzata in cyber security – è in grado di rilevare i comportamenti anomali dei dispositivi presenti all’interno di una struttura sanitaria segnalando e bloccando le irregolarità»

La sicurezza del dato sanitario passa anche dalla formazione per il personale delle strutture ospedaliere. Lo ribadisce ai microfoni di Sanità Informazione Luca Ciucciomini, account manager di Darktrace, azienda leader al mondo per la cyber security. Darktrace ha partecipato alla terza edizione della Conferenza Big Data in Health 2019, dove scienziati, medici, aziende e istituzioni si sono riuniti per confrontarsi sulle opportunità offerte dai Big Data in ambito medico sanitario e di cui Sanità Informazione è stata media partner.

Parliamo di cybersecurity e innovazione: quali sono le maggiori criticità e i rischi che riscontrate nel settore?
«In ambito sanitario circolano molti dati sensibili che vanno protetti in maniera molto più robusta rispetto a soluzioni tradizionali. Nel momento in cui c’è un attacco informatico, si può arrivare ad un’esfiltrazione di dati personali e anche al blocco dell’operatività della struttura. Darktrace, con la sua intelligenza artificiale è in grado di rilevare i comportamenti anomali dei dispositivi presenti all’interno di una struttura sanitaria andando non solo a segnalare le irregolarità, ma anche a bloccarle. Tutti i dati sono analizzati in locale e Darktrace è in grado di analizzare le piattaforme cloud come la Google suite. Laddove la struttura ospedaliera usufruisca di piattaforme in cloud, è in grado di indicizzare il traffico proveniente da queste piattaforme, segnalando e eventualmente bloccando le utenze che si comportano in maniera singolare».

È necessaria una formazione specifica per gli operatori sanitari, così da evitare rischi?
«La formazione è fondamentale e deve essere continua e costante per il personale sanitario. Si può diffondere un malware all’interno della struttura sanitaria anche attraverso una chiavetta usb. Le persone sono il primo veicolo per un attacco informatico; si possono correre rischi anche, banalmente, cliccando su un link presente in una mail».

Articoli correlati
Medici e infermieri pronti per seconda ondata: in estate + 30% corsi online su Covid
Consulcesi registra un picco rispetto l’anno precedente e nella top ten dei titoli più scelti 8 sono sulla pandemia: in pole il docufilm “Covid 19 – Il virus della Paura”
Tumori cerebrali età pediatrica, al via il progetto dell’università di Messina
La gestione dei pazienti con conseguenze endocrino-metaboliche a medio e lungo termine causate da tumori cerebrali curati in età pediatrica. Si basa su questo il progetto che sarà presentato venerdì 4 settembre, dalle 10.30 alle 13, nell’Aula magna ‘Filippo De Luca’ del padiglione NI dell’Azienda universitaria Policlinico ‘Gaetano Martino’ di Messina. Il Responsabile scientifico del […]
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Smart working, Sima: «Come lavorare “da casa” in sicurezza»
I consigli della Società Italiana di Medicina Ambientale per ridurre i potenziali rischi del “lavoro agile”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»