Contributi e Opinioni 14 Maggio 2020 11:57

Le nostre richieste per il Ministero dell’Università e della Ricerca

di Segretariato Italiano Giovani Medici SIGM

di Segretariato Italiano Giovani Medici SIGM

E’ passato ormai un anno da quando, il 6 maggio 2019, l’Osservatorio Nazionale per la Formazione Medica Specialistica (ONFMS), fino ad allora in carica ha terminato il suo mandando senza essere riattivato secondo quanto previsto dal D. Lgs 368/99. Un lunghissimo anno in cui ogni giorno, insieme ai colleghi specializzandi tutta Italia, abbiamo sperato invano che finalmente venisse riattivato.

Ma sappiamo anche che questo non è stato un anno ordinario: le inaspettate dimissioni del Ministro Fioramonti, la nuova nomina al Rettore Manfredi e i tempi tecnici che qualunque cambiamento simile necessariamente richiedono, e infine la pandemia COVID-19. Un evento che non ha conosciuto precedenti, e che ci ha visti tutti impegnati a vari livelli contro un virus sconosciuto per provare a limitarne i danni.

Tuttavia, quanto accaduto nella fase acuta di questa epidemia ha smascherato – come mai prima – criticità strutturarli importanti del sistema formazione – lavoro medico e le modalità emergenziali con cui si è provato a porre soluzioni destano grandi preoccupazioni in noi giovani medici.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE SPECIALISTICA, NEL DECRETO “MAGGIO” 4-5MILA BORSE IN PIÙ. LAVAGNO (SIGM): «SPERIAMO NON LE CANCELLINO DI NUOVO, È L’ULTIMA OCCASIONE»

L’emergenza Covid-19 ha fatto (ri)emergere criticità in parte o del tutto già note, ma troppo spesso volutamente ignorate. Infatti, malgrado l’eroico sforzo dei medici italiani, il territorio si è trovato impreparato ed abbandonato nella gestione dell’emergenza. Pertanto, se volessimo trarre qualche insegnamento dagli ultimi terribili mesi che il nostro Paese ha affrontato, non potremmo ignorare la necessità di cambiamento di un modello di Sanità che si è rivelato non più compatibile con i nuovi bisogni di salute. Alla luce di ciò vogliamo ribadire, come storicamente sempre la nostra Associazione ha sostenuto, la necessità di una valorizzazione della formazione specifica in medicina generale, proponendone un’evoluzione a disciplina accademica con l’istituzione della “Scuola di Specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie” e la creazione di un Settore Scientifico Disciplinare.

Ricordiamo fra l’altro come – in tutta Europa – la formazione specifica di medicina generale sia incardinata in un percorso specialistico. Un’evoluzione in tal senso garantirebbe tra qualche anno la dotazione sufficiente di specialisti a vocazione territoriale adeguatamente formati.

Stessa riflessione coinvolge anche tutto il resto dei futuri specialisti, che allo stesso modo andrebbero per tempo programmati in numero e tipologia e le cui competenze andrebbero certificate nel corso di un percorso di formazione volto all’eccellenza. In questa direzione, a partire dal 2017, l’ONFMS ha introdotto per la prima volta in Italia un sistema di valutazione e un monitoraggio continuo delle Scuole di Specializzazione, che – arrivato al terzo giro di boa – iniziava a dare i suoi frutti, non con poche difficoltà.

Ma in tal senso una buona notizia c’era già stata con il potenziamento previsto dalla legge di bilancio 2020 con l’introduzione di una tecnostruttura di supporto alle attività dell’ONFMS e l’introduzione di metodologie e strumenti per la pianificazione del fabbisogno di medici a sostegno delle Regioni e delle Università. Ma purtroppo ad oggi anche questo capitolo risulta essere in stallo.

Pertanto, per il bene del Paese, crediamo fermamente che le tematiche della qualità, competenze e dimensione della workforce sanitaria del futuro debbano meritare un posto prioritario nella Agenda del MUR.

In particolare, dal nostro punto di vista risultano indifferibili una serie di azioni tra di loro connesse al fine di tornare a lavorare all’indispensabile miglioramento della formazione medica specialistica in Italia:

  • la necessità di stabilire con urgenza un cronoprogramma ufficiale per il prossimo concorso SSM 2020;
  • di procedere con urgenza all’immediata ricomposizione del nuovo Osservatorio, recependo al suo interno alcune delle competenze di quello uscente per dare continuità e a garanzia che la procedura possa essere portata a termine in breve tempo;
  • di prevedere una procedura di accreditamento rigorosa per tutte le scuole: non solo quelle con accreditamento provvisorio in scadenza, ma anche di quelle con accreditamento pieno che nel corso dell’anno possono aver perso standard e requisiti, fino a quelle di nuova composizione che si vorranno presentare per ampliare l’offerta formativa in grado di assorbile un numero congruo di medici in formazione;
  • di istituire già a partire dall’anno accademico entrante, la Scuola di Specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie, dotandola di uno specifico SSD, in grado di formare in pochi anni un numero di specialisti a vocazione territoriale adeguatamente formati;
  • di procedere con urgenza all’avvio del processo di costituzione della tecnostruttura ministeriale di supporto all’ONFMS, già prevista dall’ultima legge di bilancio con un importante capitolo di spesa.

Certi nella solerzia con cui il Ministro vorrà intervenire nel merito delle problematiche sollevate, rimettiamo a lui le nostre speranze per il futuro della sanità del Paese.

 

Segretariato Italiana Giovani Medici SIGM

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Covid-19, Regimenti (Lega): «Sanitari non vaccinati svolgano altri servizi per evitare rischio contagio»
L'europarlamentare della Lega Luisa Regimenti condivide sul tema la posizione espressa dalla Presidente Aiop Barbara Cittadini
Covid-19, Speranza: «Situazione epidemiologica in peggioramento, non saranno allentate misure. Attivate 25 zone rosse»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza illustra al Senato la situazione sul fronte dell’emergenza Covid: quadro in peggioramento anche per colpa delle varianti. «In cinque regioni le terapie intensive sono occupate oltre il 30% e l’Rt nazionale sarà presto superiore a 1». Sul Cts: «Positiva l’idea di un portavoce unico»
Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation
«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center De Gasperis
di Federica Bosco
Milleproroghe, via libera dalla Camera. Covid-19, precari, strutture private e rinnovo Ordini: le novità in sanità
Montecitorio approva a larga maggioranza il Decreto legge varato dall’esecutivo precedente. Ampliata la platea che può accedere alla stabilizzazione e alle procedure concorsuali. Tutte le norme straordinarie per l’emergenza Covid – dal potenziamento delle reti assistenziale agli incarichi libero professionali per il personale sanitario – sono state prorogate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...