Formazione 7 Maggio 2020

Formazione specialistica, nel decreto “Maggio” 4-5mila borse in più. Lavagno (SIGM): «Speriamo non le cancellino di nuovo, è l’ultima occasione»

Il Coordinatore del Dipartimento per la formazione Post-Laurea del Segretariato: «Il personale siamo noi e avremmo dovuto essere formati tempo fa per poter lavorare in questa emergenza. Dovesse presentarsi un’altra situazione simile, saremmo punto a capo, se non peggio»

Immagine articolo

Tra i 4 e i 5mila contratti di formazione specialistica dei medici. La proposta, contenuta nel decreto “Maggio”, dovrebbe dare ai giovani medici quel che era stato spuntato al fotofinish nel decreto “Cura Italia”. Un provvedimento volto a tamponare la cronica carenza di specialisti, in un momento storico in cui c’è estremo bisogno di professionisti arruolati nel nostro Servizio sanitario nazionale. Ne abbiamo parlato con Federico Lavagno, Coordinatore del Dipartimento per la formazione Post-Laurea di SIGM (Segretariato Italiano Giovani Medici):

Dottor Lavagno, sembra che l’aumento di posti per le scuole di specializzazione ci sarà.

«Abbiamo da tempo affrontato la questione delle borse di specialità. A marzo doveva essere inserito nel decreto “Cura Italia” uno stanziamento di 5mila contratti di formazione aggiuntivi, perché quest’anno ci sarà un test, quello del 2020, a cui prenderà parte un numero elevato di candidati: parteciperanno anche i laureati del prossimo luglio che usufruiranno della “laurea abilitante”. Si calcolano circa 22mila candidati per le 8-9mila borse disponibili. È evidente che si tratta di uno squilibrio notevole. Noi ci battiamo affinché ci sia un numero di candidati uguale a quello dei posti disponibili. Dunque a marzo sembrava che queste borse ci fossero ma poi sono state tagliate all’ultimo momento dal Ministero dell’Economia. Da lì sono iniziate proteste, campagne mediatiche di sensibilizzazione, dialoghi con tutte le forze politiche. Ora sembra che queste borse vengano inserite nel decreto “Maggio” e vogliamo far sì che non vengano tagliate di nuovo. È l’ultima possibilità che abbiamo per l’aumento dei posti di specializzazione per quanto riguarda il 2020, perché spostamenti, revisioni o altri stanziamenti, verosimilmente, non potranno esserci».

LEGGI ANCHE: «DA OGGI SONO UFFICIALMENTE UN MEDICO, E HO UN BUCO IN PANCIA PER LA PAURA. NON DEL VIRUS, MA DEL MIO FUTURO»

Oltre a provvedimenti per tamponare l’emergenza Coronavirus, chiedete anche riforme strutturali?

«Noi continuiamo con la nostra campagna della riforma della formazione medica, perché crediamo che aumentare il numero di posti sia certo importante, ma vadano anche rivisti i parametri, i criteri delle scuole di specializzazione, in modo da permettere un miglioramento di alcuni aspetti come, per esempio, la qualità formativa. Oggi la capacità formativa massima di tutte le scuole di specialità, il massimo potenziale a cui queste possono arrivare, è di circa 11.500 posti. Con questo stanziamento andiamo a finanziare circa 14-15mila posti totali. È evidente che bisognerà aumentare la capacità formativa. Serve dunque un sistema di riforme strutturali che dovranno essere attivate fin da subito anche per il futuro. È evidente a tutti che il nostro Ssn presenta delle lacune importanti perché non viene finanziato da tempo. Il che vuol dire meno strutture, macchinari e dispositivi di protezione, oltre che una grande mancanza di personale. Il personale siamo noi e avremmo dovuto essere formati tempo fa per poter lavorare adesso, in questa situazione di emergenza. Dovesse presentarsi un’altra situazione simile, saremmo punto a capo, se non peggio».

Questo provvedimento è stato pensato proprio per contrastare la cronica carenza di personale sanitario.

«A breve ci sarà un picco di pensionamenti. Come confermato dall’osservatorio della Cattolica, nei prossimi 15 anni ci sarà un pensionamento di circa 70mila medici specialisti, che verranno rimpiazzati solo in parte. Questo è un dato calcolato nel 2018, prima dei pensionamenti che ci saranno con le nuove leggi. È evidente che questo dato si aggraverà ancora di più».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 3 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus in Africa, Emergency: «Il problema sarà l’impatto sui trattamenti delle patologie ordinarie»
Intervista alla coordinatrice della divisione medica della ONG Michela Paschetto: «Le misure di contenimento sociale affaticano la quotidianità di paesi già fragili»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...