Contributi e Opinioni 28 Gennaio 2019 16:25

La storia del probiotico che doveva curare il cancro

di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico

di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico

La vicenda legata ad una proteina ‘magica’ contenuta in un probiotico a cui era stato attribuito il potere di curare cancro e autismo è degna delle migliori spy story. Fa parte di quel filone che chiamo ‘marketing della speranza’ con capitoli che si rincorrono in varie parti del mondo, legati tra loro da medici e faccendieri senza scrupoli. Bugie, processi, condanne e morti sospette hanno fatto gridare al complotto.

L’accattivante storia del GcMAF (sigla di fattore attivante i macrofagi della proteina Gc) esplode come una bolla nell’agosto 2017 quando il sito Snopes.com ha riassunto la ventennale storia del trattamento ormai considerato fasullo. Il proiettile d’argento che avrebbe dovuto debellare malattie gravi e mortali attivando uno specifico tipo di globuli bianchi, non ha retto la prova delle verifiche ufficiali e le pubblicazioni scientifiche che sostenevano artatamente la sua efficacia sono state ritirate dalle riviste.

Ma andiamo per ordine e vediamo come uno scienziato in pensione è riuscito ad accreditare un fantomatico istituto di ricerca e promuovere a furor di web una ‘cura universale per il cancro’ o invertire la storia naturale di malattie come diabete, herpes e autismo. Sul sito di cure Natural News la terapia ‘potenziale’ cattura l’interesse di alcuni imprenditori israeliani che nel 2009 acquistano la proprietà intellettuale del trattamento. Nel 2010 le aziende che producono e distribuiscono i prodotti a base di proteina GcMAF sono tre. Una è la Immuno Biotech Ltd di David Noakes che finisce in tribunale per rispondere ad accuse che vanno dalla produzione di farmaci senza licenza a cospirazione. Migliaia di pazienti vi affidano le loro speranze nonostante il trattamento non sia mai stato approvato dalla Food and Drug Administration. Nel 2015 le autorità stringono le maglie dei controlli, ma sfuggire, nel web, non è così difficile, bastano alcuni accorgimenti e il ricco mercato si sposta in un fitto sottobosco di bit dove persone e dollari sono però reali.

Il florido mercato riceve un ulteriore impulso dalla notizia che i ricercatori che lavoravano alla proteina sono stati trovati uccisi, animando l’ipotesi di un complotto in cui GcMAF è la cura naturale osteggiata dalle lobby delle multinazionali del farmaco. Naturale perché, almeno sulla carta, stimola una molecola presente nel sangue umano che attiva i macrofagi, le cellule del sistema immunitario che agiscono come soldati armati sino ai denti contro l’ingresso di patogeni.

Alla base l’intuizione del dottor Nobuto Yamamoto (oggi ultra 90enne) è che le cellule cancerose blocchino l’attività dei macrofagi rilasciando l’enzima Na Galasi rendendo le difese armi spuntate. Con GcMAF invece l’enzima verrebbe neutralizzato restituendo vitalità ai macrofagi.

Sarebbe però sbagliato liquidare lo scienziato come un ciarlatano: il suo curriculum di tutto rispetto vantava pubblicazioni sulle più importanti riviste internazionali. Durante il suo incarico alla Hahnemann University School of Medicine pubblicò su Cancer Research l’articolo che sarebbe diventato il pilastro delle teorie sul GcMAF. Nel 1993 si trasferisce all’Einstein Medical Centre di Philadelphia dove la proteina diventa il centro dei suoi interessi. Nel 1999 l’istituto privato si libera di lui con una accusa di ‘cattiva condotta’ che porta ad una lunga scia di controdenunce e carta bollata, finite infine in un accordo stragiudiziale. Chiusa una porta si apre un portone e Yamamoto diventa direttore di un certo Istituto Socrates che si scoprirà essere domiciliato a casa sua. Nel 2006 torna agli onori della cronaca scientifica con ben 4 paper sul ruolo di NaGalasi nella lotta contro Aids e cancro sino ad affermare, dalle pagine dell’International Journal of Cancer, che l’uso di GcMAF, aveva consentito la scomparsa di metastasi in alcuni casi di cancro al seno, mentre nel 2009 si spinge a riportare la guarigione di alcuni pazienti dall’HIV.

Affermazioni importanti che non sono sfuggite agli esperti di Anticancer Fund, una ONG belga che vigila sulle terapie anticancro a tutela dei pazienti. I ‘cani da guardia’ quindi si sono messi al lavoro per studiare meticolosamente i bias delle ricerche, presto individuati in un grossolano errore metodologico: affidare alla sola presenza dell’enzima nel tumore l’efficacia delle cure oltre alla sostanziale assenza di ricerche di altri gruppi sull’argomento. Inoltre gli studi erano condotti su un numero limitato di pazienti che avevano già ricevuto trattamenti standard per la loro malattia, il che rendeva praticamente impossibile attribuire l’efficacia del trattamento a uno o all’altro rimedio. Inoltre le ricerche erano viziate dalla mancanza di un gruppo di controllo senza indicazioni e stadiazioni del tumore ne follow up.

Per non parlare dell’inguacchio costruito dallo scienziato per avvalersi di un consiglio di revisione istituzionale, passaggio necessario per l’ammissione alla revisione da parte delle riviste e garanzia del corretto svolgimento delle ricerche. A capo del consiglio un certo Hirofumi Suyama, oggi deceduto, che non aveva rapporti con Yamamoto da anni nonostante lui firmasse documenti col suo nome. Il che fa sospettare che anche i controlli delle riviste sono talora carenti se non proprio assenti.

Fermamente convinto dei suoi risultati, l’anziano scienziato vende brevetti e proprietà intellettuale a Efranat Macrofage nel 2009 a cui segue la nascita della già citata Immuno Biotech che fa capo a David Noakes, questi prima mette a reddito la scoperta ma poi si rende irreperibile e fugge dall’Inghilterra mentre il medico Jeffrey Broadstreet si toglie la vita proprio durante una perquisizione nella clinica da parte dei funzionari dell’FDA.

Eppure oltre 10mila persone hanno accettato di spendere sino a mille dollari al mese per la cura, genitori convinti di salvare i figli dall’autismo così come riportato anche dalla BBC.

Solo qualche mese fa Noakes ha ammesso in tribunale di non avere alcun background scientifico ma anche che molti clienti da tutto il mondo avevano confermato l’efficacia della terapia. Il multimiliardario si è così guadagnato una condanna a 12 mesi di reclusione per aver venduto oltre 120 mila dosi in due anni e le autorità hanno sequestrato più di 10mila fiale per un valore di circa 5,5 milioni di sterline. Il mercato della speranza rende bene.

di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico

Articoli correlati
Cancro, 4 miliardi per il Piano europeo. Bartolazzi (LILT): «Ora renderlo operativo»
La Commissione europea ha presentato lo Europe's Beating Cancer Plan: dalla prevenzione alla lotta alle diseguaglianze. Il presidente del Comitato Scientifico Nazionale della LILT: «Invertire la rotta o incidenza dei tumori e mortalità aumenteranno»
Giornata contro il cancro infantile: stabile il numero di nuovi casi, in aumento le guarigioni
Del Bufalo (oncoematologa): «L’immunoterapia ha rivoluzionato il trattamento della leucemia. Mira ad eliminare il tumore sfruttando il sistema immunitario del paziente, con un impatto di tossicità sugli organi molto più contenuto rispetto a chemioterapia e radioterapia»
di Isabella Faggiano
Patenti, lavoro, assicurazione e mutui: quel ‘muro burocratico’ che discrimina i malati oncologici
Anche coloro che sono usciti dal tunnel della malattia oncologica sono costretti a far fronte a discriminazioni e complicazioni. E anche rinnovare la patente rischia di essere un percorso ad ostacoli. Iannelli (AIMAC e FAVO): «Al lavoro i malati oncologici rischiano di subire comportamenti discriminatori, demansionamenti silenti. Che succederà con la fine del blocco dei licenziamenti il 31 marzo?»
Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»
La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi
Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura
Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...