Contributi e Opinioni 21 Maggio 2020 11:40

I cardiologi: «Ora ripristino di reparti e ambulatori di Cardiologia, riorganizzazione delle reti cardiologiche e telemedicina»

Il contributo di Ciro Indolfi, Presidente Sic (Società italiana cardiologia)

di Ciro Indolfi, Presidente Sic

L’Italia era impreparata ad un evento pandemico come Covid 19 che ha causato un disastro mai visto prima in termini di ricoveri e decessi. Uno studio recente della Società Italiana di Cardiologia, pubblicato online sull’European Heart Journal, ha dimostrato in epoca Covid 19 una riduzione dei ricoveri per infarto del 50% con una mortalità ospedaliera triplicata. Lo studio ha anche dimostrato che alcuni pazienti con infarto STEMI arrivavano nel laboratorio di emodinamica con un grande ritardo. Le ragioni di questa sostanziale riduzione nei ricoveri sembrano essere correlate alla paura dei pazienti di essere contagiati o al fatto che il sistema di emergenza 118 era estremamente occupato a trattare pazienti COVID-19.

Stiamo iniziando ora la cosiddetta fase 2 e la Società Italiana di Cardiologia si augura che questo catastrofico evento produca un ripensamento e una riorganizzazione del sistema sanitario per ricostruire una sanità efficiente, nella quale un ruolo importante sarà giocato dal ripristino dei reparti e ambulatori di Cardiologia, dalla riorganizzazione delle reti cardiologiche e dalla telemedicina.

La lezione che l’Italia ha imparato da questa pandemia è che dobbiamo essere preparati, e dobbiamo sempre pianificare il peggio e sperare nello scenario migliore. La politica dovrebbe ora ripensare ai tagli lineari effettuati negli ultimi 10 anni alla sanità e alla Ricerca, nonché alla riduzione del numero di medici, specializzandi, letti e risorse che sono necessari per mantenere la qualità della sanità in modo omogeneo in tutte le Regioni italiane.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Natale ha “effetto booster” sul colesterolo, dai cardiologi 5 strategie salva-cuore
Con l’arrivo delle festività natalizie crescono le occasioni di eccedere a tavola con alimenti grassi, notoriamente collegati a un aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”. In occasione dell’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), che si è concluso da poco a Roma, gli specialisti diffondono poche e semplici regole che possono aiutare a evitare eventuali impennate dei livelli di colesterolo
Infarto: lunedì «nero», a inizio settimana attacchi cardiaci più gravi e letali
Per il nostro cuore non c'è giorno della settimana peggiore del lunedì. E' proprio in questo giorno, infatti, che avvengono con più frequenza gli infarti gravi e fatali. Una ricerca irlandese, presentata alla conferenza annuale della British Cardiovascular Society, ha infatti determinato che a inizio settimana il rischio di subire un attacco cardiaco letale è superiore del 13% rispetto al previsto. Il cardiologo Esposito: «A giocare un ruolo determinante è il ritmo circadiano»
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Long Covid: sintomi cardiaci per 10-30% guariti. È una nuova malattia e prende il nome di PASC
«È stata oggi definita una nuova malattia che prima del Covid non esisteva e prende il nome di PASC (sequele post-acute del Covid 19)». Vediamo di cosa si tratta con il Presidente della Società Italiana di Cardiologia Ciro Indolfi
L’allarme della SIC: «La pandemia ci lascia in eredità un’assistenza cardiologica in ginocchio»
Ricoveri ed esami ridotti in due ospedali su tre e rischio cardiaco più alto per i guariti. Allerta massima su mortalità infarti e ictus: «Rischiamo di tornare indietro di 20 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...