Contributi e Opinioni 25 Ottobre 2021 17:41

Donne chirurgo, ancora lontana la parità con gli uomini

di Massimo Misiti, Chirurgo e Deputato Movimento Cinque Stelle

di Massimo Misiti, Chirurgo e Deputato Movimento Cinque Stelle

Essere donna, oggi, è estremamente difficile in virtù di tutta una serie di discriminazioni, pressioni, difficoltà a cui una donna deve far fronte per affermare il proprio status. Se poi la donna è una persona “particolarmente capace” che decide di avventurarsi nella libera professione gli ostacoli diventano ancora più imponenti. E se una donna ha ambizione di far carriera, com’è giusto che sia, tutto diventa insostenibile ed irto di difficoltà.

È la cosiddetta “questione di genere” che, seppur dibattuta in diverse sedi e usata come vessillo da molti, resta comunque al palo laddove si vivono più come concessioni che come diritti assoluti quelle rare eccezioni di semiparità fra uomo e donna.

In ambito medico e tra i chirurghi, in particolare, poi la situazione si fa ancora più ostica e complicata. I dati pubblicati nel primo rapporto SIC (Società Italiana di Chirurgia) evidenziano quanto essere una donna per un chirurgo sia problema che condiziona la scelta della specialità, la possibilità di formazione ad alto livello e la progressione di carriera.

I numeri la dicono lunga quando si riscontra che il 50% delle chirurghe ritiene di essere stata discriminata nel corso della formazione o professione e che il 63% dichiara che appartenere al genere femminile rappresenta un ostacolo alla carriera. A riprova di queste rilevazioni allarmanti arriva il misero 6% di intervistati che hanno dichiarato di aver avuto una donna come mentore di chirurgia.

Ulteriore elemento d’interruzione di carriera è rappresentato dal periodo di gravidanza e maternità. Meno della metà dei chirurghi donna ha figli, molte sono state costrette a rinunciarvi per poter seguire la carriera giacché hanno notato le difficoltà oggettive delle colleghe. Chi invece ha deciso di coniugare lavoro e famiglia trova altri tipi di problemi. Non esistono infatti nidi aziendali in grado di offrire l’adeguato supporto a queste lavoratrici. E di questo già dal 2015 la WIS (Women in Surgery) ne aveva fatto esplicita richiesta.

È una situazione da non sottovalutare e su cui è necessario intervenire subito. I dati delle iscrizioni alle facoltà ci dicono che il 60% è rappresentato da donne. Fra qualche anno, secondo le statistiche, oltre la metà dei chirurghi saranno donne e le strutture ospedaliere non sono attrezzate per consentire a queste professioniste di conciliare lavoro e famiglia e probabilmente, ancora molte, dovranno cambiare il loro indirizzo a discapito della collettività.

Siamo disposti a correre questo rischio? O possiamo, con una pianificazione attenta, mettere le nostre colleghe al pari di noi uomini? Iniziare un percorso di dialogo e progettazione potrà senza dubbio consentire un ricambio generazionale nella categoria, che non penalizzi una donna per il suo essere madre o moglie ma solo, com’è giusto che sia, per un puro criterio meritocratico che prescinda dal genere ma valuti esclusivamente le reali competenze e capacità di ciascun professionista.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La donna dopo la pandemia? Più forte e in ruoli apicali nella sanità
In occasione della presentazione del libro bianco di Fondazione Onda "Covid-19 e salute di genere”, i protagonisti della scienza, della politica e delle istituzioni hanno spiegato come la donna sia stata vittima della pandemia e della società, ma con resilienza saprà riscattare il suo ruolo
di Federica Bosco
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
«Formazione all’avanguardia e nuove tecnologie chirurgiche: ecco come sono diventato Master Surgeon Educator»
La storia del chirurgo pisano Luca Morelli premiato dall’American College of Surgeons: «La fuga dei colleghi all’estero? Non c’entrano gli stimoli professionali ma la stabilità contrattuale»
Scuola in Chirurgia Robotica della Statale di Milano, in un anno raddoppiano studenti e interventi
Bilancio positivo al termine dei primi dodici mesi: 300 interventi a fine 2021, 7 nuovi esperti formati in chirurgia mininvasiva robotica e nuove applicazioni
di Federica Bosco
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano