Contributi e Opinioni 16 Marzo 2020

Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi

di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno

di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno

Gentile Direttore,

in questo momento difficile che stiamo vivendo, cittadini ma soprattutto Professionisti della Salute impegnati in prima linea, mi sento in dovere di scrivere alla sua redazione per ringraziare TUTTI e sottolineare, mai sufficientemente, il lavoro che il nostro SSN e l’Italia intera sta facendo per contrastare la diffusione del virus COVID-19.

Le scrivo in duplice veste, in qualità di Professionista della Salute, Segretario dell’Ordine Professionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione della Provincia di Salerno, Commissario di Albo dei TSRM della Provincia di Salerno nonché giovane Amministratore Locale, Consigliere del Comune di Futani.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO PSICOLOGO: «PERSONALE SANITARIO SVILUPPERÀ DISTURBI POST TRAUMATICI. ATTIVARE SUBITO SUPPORTO PSICOLOGICO»

In questo momento così delicato, TUTTI i professionisti della salute, nessuno escluso, hanno bisogno di sostegno, incoraggiamento e speranza. E’ in questo momento così complesso che il SSN sta dando prova di essere una importante risorsa e garanzia, costituito non solo da risorse tecnologiche e strutturali, ma soprattutto da Risorse Umane, Professionisti che mai come oggi risultano indispensabili. Fiducioso nella più rapida risoluzione della emergenza, richiamo l’attenzione del mondo politico tutto, affinché si faccia il possibile oggi per superare l’emergenza e, affinché domani, respirando aria serena, questo brutto ricordo possa solo servire a sviluppare la consapevolezza dell’importanza e della insostituibilità del nostro SSN, il migliore al mondo, valorizzando professionalmente ed economicamente quei professionisti che oggi, sacrificando se stessi e mettendo a repentaglio la salute propria e dei loro cari stanno combattendo in prima linea, talvolta anche senza armi a sufficienza. Spero che venga messa in agenda una riflessione e una discussione strutturata sulla sostenibilità, sui modelli organizzativi del nostro SSN, modelli che promuovano innovazione e che tengano conto di conoscenze e competenze, un vero impegno che valorizzi anche la condizione contrattuale di quelle professionalità che hanno un mandato spesso sottovalutato.

In particolare vorrei far giungere la mia personale vicinanza a chi combatte al fronte, in prima linea in questa emergenza sanitaria, e faccio riferimento in particolare agli infermieri, ai tecnici sanitari di radiologia medica, ai tecnici di laboratorio biomedico, agli assistenti sanitari, ai tecnici della prevenzione negli ambienti e nei luoghi di lavoro, ai tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, ai medici delle diverse specialità, a tutti gli altri professionisti, non solo quelli appartenenti alle 19 categorie da me rappresentati, che stanno dimostrando competenza, sacrificio, professionalità, abnegazione e forza di  volontà.

Inoltre, rivolgo il mio pensiero e il mio ringraziamento a tutti gli altri lavoratori che garantiscono servizi essenziali. Ciascun lavoratore non esplica semplicemente una prestazione lavorativa ma dimostra un grande senso di responsabilità verso la comunità.

Tutti insieme sono sicuro che ce la faremo, insieme si può, uniti si può, #andràtuttobene

Grazie a tutti!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 10 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)