Contributi e Opinioni 3 Gennaio 2020

«Con Milleproroghe e Legge di Bilancio il vento è cambiato»

di Filippo Anelli, presidente FNOMCeO

«Il vento è veramente cambiato: prima la Legge di Bilancio, con il rimpinguamento del Fondo Sanitario nazionale, gli investimenti sull’edilizia, le apparecchiature, la telemedicina, gli interventi contro il precariato nel Servizio sanitario nazionale e a favore dei ricercatori, l’aumento del tetto di spesa per le assunzioni, lo scorrimento delle graduatorie concorsuali, l’indizione di nuovi concorsi, l’aumento delle borse di specializzazione, il rinnovo dei contratti di lavoro, il rafforzamento dell’assistenza territoriale. Ora, il Decreto – Legge ‘Milleproroghe’, con l’incremento annuale, da qui al 2026, dei fondi contrattuali per il trattamento economico accessorio della dirigenza medica, sanitaria, veterinaria e delle professioni sanitarie, che permette, dopo anni, non solo di tornare a retribuire gli straordinari, le guardie mediche, le reperibilità notturne e festive dei nostri professionisti, ma anche di recuperare la Retribuzione individuale di anzianità (la Ria) dei medici e dei dirigenti sanitari dipendenti cessati dal servizio, congelata al 2016. Ringraziamo il Ministro Speranza per aver mantenuto tutte le promesse, realizzando in soli quattro mesi quel nobile e giusto disegno di rinsaldare il Servizio Sanitario nazionale, seguendo la luce guida dell’articolo 32 della Costituzione, che aveva espresso all’inizio del suo mandato».

Ad affermarlo, il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), Filippo Anelli, che commenta gli ultimi provvedimenti in materia di sanità approvati dal Governo Conte bis.

LEGGI ANCHE: IL PREMIER CONTE LANCIA LA SFIDA: «10 MILIARDI PER LA SANITÀ ENTRO FINE LEGISLATURA»

«Solo un anno fa, inaugurando il percorso degli Stati Generali della Professione Medica e Odontoiatrica, che vedrà nel 2020 le sue conclusioni, avevamo consegnato al Governo un assegno, e una cambiale – ricorda Anelli -. Un assegno da mezzo miliardo di euro l’anno: il corrispettivo in valore dei 15 milioni di ore di lavoro non pagate ai medici dipendenti degli ospedali, oltre lo straordinario previsto. E una cambiale da un miliardo, pari al mancato investimento, calcolato sul solo 2018, per lo sblocco del turnover. Ora possiamo dire che stiamo per cominciare a incassare la cambiale, e ci è stata restituita parte dell’assegno».

«Questi provvedimenti – conclude il presidente FNOMCeO – rappresentano un segnale importante per i professionisti che da anni aspettavano risposte adeguate al loro disagio. L’auspicio è quello di proseguire su questa strada, arrestando la fuga dei professionisti verso il privato e verso l’estero, e tornando a investire su quel ‘capitale umano’ che è il vero pilastro del Servizio sanitario nazionale, e che ne ha garantito la sostenibilità anche in tempi difficili».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI PROFESSIONE MEDICA, SI PARTE A GENNAIO. ANELLI (FNOMCeO): «REGALIAMO ALLO STATO 500 MILIONI DI EURO IN ORE DI LAVORO NON RETRIBUITE»

Articoli correlati
Suicidio assistito, FNOMCeO: «Medici non più punibili se rispettate condizioni Corte Costituzionale»
Il Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici aggiorna il codice deontologico
Presentato alla Camera “Notturno”, il docufilm contro la violenza sui medici
Il Presidente FNOMCeO Anelli: «L’obiettivo è quello di far riflettere tutti sullo stato in cui versa la professione»
Violenza negli ospedali: l’OMCeO Milano lancia un grido d’allarme. Rossi: «Emergenza autentica»
Al dibattito sul pericoloso fenomeno, in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino a Milano, parteciperà la Federazione dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l'ex Prefetto Francesco Paolo Tronca che dichiara: «I medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso»
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Aggressioni, FNOMCeO in audizione alla Camera: «Applicare procedibilità d’ufficio»
Il presidente Anelli: «Aumentare la sicurezza delle sedi, formare e informare datori di lavoro e operatori e ricostruire un patto di fiducia tra medici e cittadini. Serve cambiamento culturale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano