Contributi e Opinioni 11 Dicembre 2020 09:31

Commissione albo nazionale dietisti chiede un confronto con OMCeO Roma

Dopo la notizia dell’istituzione di una commissione su ruoli e competenze in ambito nutrizionale presso l’OMCeO di Roma, la Commissione d’albo nazionale dietisti ha scritto e chiesto un confronto allo stesso Ordine

di Marco Tonelli, Il presidente Commissione d'albo nazionale dietisti

In seguito alla divulgazione di un comunicato stampa da parte di media di ambito sanitario e dalla società scientifica SINuC, relativo all’istituzione di una commissione su ruoli e competenze in ambito nutrizionale presso l’OMCeO di Roma, la Commissione d’albo nazionale dietisti ha scritto e chiesto un confronto allo stesso OMCeO.

Pur condividendo la finalità dell’iniziativa ha infatti ritenuto doveroso esprimere le proprie perplessità in merito a:

– l’individuazione di ruoli e competenze propri di professionisti non rappresentati dall’OMCeO, senza il coinvolgimento di organismi rappresentativi degli stessi;

– la definizione utilizzata per descrivere il rapporto fra medico e dietista quali “prescrittore ed elaboratore” della dieta;

– la visione riduttiva che ad esso sottende, peraltro non rispondente alle normative vigenti in materia di responsabilità e autonomia professionali attributi ai professionisti sanitari, tra cui il Dietista;

– la confusione che si rischia di generare nell’attribuzione dei ruoli degli addetti ai lavori.

Nello specifico, il rapporto collaborativo descritto mal rappresenta l’elevato standard formativo e professionale posseduto dal dietista, che svolge un ruolo fondamentale in sanità pubblica e in molti team multidisciplinari per il trattamento di patologie e ambiti quali obesità, disturbi del comportamento alimentare, diabete, chirurgia generale e bariatrica, nutrizione artificiale, cardiologia riabilitativa e preventiva, insufficienza renale ecc. in strutture ambulatoriali e socio-assistenziali, pubbliche e private, all’interno delle quali è responsabile del processo assistenziale della nutrizione e, insieme al medico, è il professionista di riferimento in materia di nutrizione clinica.

Per tutto questo insieme di motivi, la Commissione d’albo nazionale dietisti ha richiesto un confronto con OMCeO, nell’ottica del mantenimento di una proficua collaborazione da sempre esistita fra medici e dietisti e l’adozione delle opportune correzioni e rettifiche, considerato il fatto che il comunicato stampa in oggetto è oramai di pubblico dominio.

Qui la lettera inviata dalla Commissione al presidente Omceo di Roma Antonio Magi.

 

Il presidente Commissione d’albo nazionale dietisti

Marco Tonelli

Articoli correlati
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
Diete squilibrate e salute, i Presidenti degli albi dei Dietisti prendono posizione contro Panzironi
I Dietisti si sono da tempo pronunciati sulla pericolosità di diete fasulle, informazioni non verificate e consigli miracolosi forniti da sedicenti esperti, chiedendo che le Istituzioni mettessero in campo azioni di tutela della salute pubblica in ambito nutrizionale.
Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»
Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti
Violenza di genere, anche piccole lesioni ai denti possono essere markers di un’aggressione
Dall’OMCeO di Napoli le nuove direttive per la formazione del personale sanitario. A odontoiatri e medici di Pronto Soccorso il ruolo di sentinelle per intercettare i primi segni. Formazione specifica anche sul piano della comunicazione
Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»
Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull'utilizzo nei non specializzati in corsia, l'appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...